LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bergamo. Nuovo palazzo sotto le Mura, altezze da rivedere
Donatella Tiraboschi
Corriere della Sera - Bergamo 2/6/2019

La Sovrintendenza: «Altezze da rispettare per salvare lo skyline»

Potrebbe ridursi di un piano la palazzina che rientra nel secondo lotto dell’intervento in viale Vittorio Emanuele, pieno centro. La Sovrintendenza ha chiesto ai costruttori che l’altezza non superi «quella del cornicione di sottotetto dell’edificio del Banco Desio in via Brigata Lupi». E questo perché si pone un problema estetico-paesaggistico rispetto alle Mura di Città Alta. Da piazza della Repubblica il futuro edificio rischia di coprirne una parte. Se i lavori dell’immobile in questione non sono ancora partiti, viaggia spedito il cantiere del primo lotto, cinque piani affacciati sul viale. Rimpiazzeranno «Casa Lubrina», che un tempo ospitava il ristorante «A Modo» dello chef Carlo Borsatti.

L’ex assessore all’Edilizia privata (ma pronto al bis) Francesco Valesini è chiaro fin dalle premesse: «Gli uffici comunali sono a conoscenza dell’estrema delicatezza dell’intervento e stanno ponendo tutta l’attenzione del caso in collaborazione con la Soprintendenza». Delicatezza e attenzione, due parole d’ordine quando si costruisce in centro, in questo caso in viale Vittorio Emanuele, su quello che Valesini definisce un «tessuto ad alta densità urbanistica». Con tutti gli annessi e connessi. Era la scorsa estate quando fu demolita «Casa Lubrina», dal nome della famiglia proprietaria, cinque piani fuori terra costruiti negli Anni ‘40 con un paio di attività commerciali dismesse: un supermercatino e il ristorante «A Modo» dello chef Carlo Borsatti. Altra attività finita da anni era quella della concessionaria Nava Mercedes, sviluppata, però, nel capannone in aderenza a Casa Lubrina. Edificio quest’ultimo che, nella sua relazione inviata alla commissione Paesaggio del Comune, il progettista, l’architetto Leonardo Togni, in nome e per conto della Viale 19 Srl (facente capo ai Lubrina) definisce «privo di qualsivoglia interesse storico e artistico, incongruo e contrastante con edifici residenziali ben conservati e più pregevoli».

È l’aprile del 2017 e l’intervento prevede la ricostruzione «in sagoma» dell’edificio (quello ora abbattuto con un cantiere in piena attività) con la possibilità di realizzare secondo il Pgt, nel lotto attiguo, nuova volumetria previa demolizione del vecchio capannone industriale. Là dove la Bergamo della Belle Époque acquistava Mercedes — si legge nella nota integrativa inviata al Comune a giugno del 2017 — la Viale Srl prevede inizialmente di «pavimentare l’area per mettervi a dimora alberature d’alto fusto». A luglio 2018 le intenzioni, però, cambiano: niente più alberi, si costruisce un altro edificio, uguale in altezza al primo, un «unicum» costruttivo a «T», tra il viale Vittorio Emanuele, via Frà Damiano Zambelli e via Brigata Lupi. «Premesso che il diritto di costruzione era preacquisito — puntualizza Valesini — ed è un titolo diretto, dal punto di vista urbanistico si è in presenza di due mappali e due lotti distinti: il primo, quello in costruzione, è più semplice essendo una ricostruzione in sagoma, l’altro necessita di più approfondite valutazioni».

Già, l’altro. A dicembre, la Soprintendenza in una lettera in cui chiede ulteriore documentazione, parla di «delicatezza per la non irrilevante altezza». L’altezza è un dato di fatto. Al posto di questo nuovo edificio, mai esistito, c’era un capannone industriale con un’altezza massima inferiore di quasi due piani rispetto a quella di un altro edificio di colore bianco. Siamo in via Brigata Lupi, zona priva di altezze dove l’edificio bianco al numero civico che si trova nelle immediate vicinanze sarà diviso da un cunicolo di tre metri dal secondo lotto. Fin qui le questioni urbanistiche, cui si aggiungono però anche quelle estetico-paesaggistiche solo percorrendo pochi metri. È infatti sufficiente spostarsi in piazza della Repubblica e all’ingresso dell’hotel San Marco, che rappresentano punti di osservazioni tipici per turisti perché, come i rendering progettuali mostrano, la vista delle Mura venga disturbata dal secondo edificio. Una parte di Mura scompare alla vista. Ed è proprio su questo punto che si è espressa la Soprintendenza. Per l’edificabilità di questo secondo lotto «i coni percettivi devono essere adeguatamente garantiti e salvaguardati». La prescrizione: «L’altezza dell’edificio non dovrà superare quella del cornicione di sottotetto dell’edificio del Banco Desio su via Brigata Lupi». Dunque, si sta valutando la possibilità di realizzare un piano in meno del previsto. «I materiali — aggiunge la nota — non dovranno proporre colori chiari e sulla terrazza di copertura non dovranno essere previste strutture di ombreggiatura».




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news