LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Grandi navi. «Inquietante l’idea di un porto a Chioggia. Toninelli e Bonisoli facciano discorsi seri»
Cesare Zapperi
Corriere della Sera 4/6/2019

Zaia: «A casa chi vuole passare da San Marco
Ma le crociere sono una risorsa per l’Italia»

MILANO. «Se vogliamo fare un discorso serio su Venezia, partiamo da un punto fermo».

Quale, presidente Luca Zaia?

«Se c’è qualcuno che dice che non viene più a Venezia se la nave non passa da San Marco — spiega il governatore leghista del Veneto — sono io il primo a dirgli di stare a casa. Non credo ci sia nessuno che abbia mai avuto la brillante idea di parcheggiare l’auto davanti alla piramide del Louvre per visitare Parigi».

Quindi, vanno bene le grandi navi in laguna ma utilizzando un’altra «via d’acqua».

«Proprio così. E non c’è nulla da inventare. La soluzione è stata individuata, e sottoscritta da tutti gli enti interessati, il 7 novembre 2017 al termine del confronto tra l’allora ministro alle Infrastrutture Graziano Delrio e il cosiddetto Comitatone (Comitato interministeriale di indirizzo): l’adeguamento del canale Vittorio Emanuele con approdo a Marghera dove a disposizione c’è una banchina di 2 chilometri».

Una soluzione arrivata con un certo ritardo. E finora rimasta sulla carta.

«È vero. Va ricordato che c’è un decreto Clini-Passera che dal 3 marzo 2012 vieta il transito di navi con una stazza superiore alle 40 mila tonnellate (la Msc Opera pesa 65 mila tonnellate, ndr). Ma proprio per questo non c’è più tempo da perdere».

Con chi ce l’ha?

«Danilo Toninelli è ministro da un anno, non accetto che si possa far passare l’idea che gli enti locali non decidono. Mi spiace parlare così, ma tocca a lui muoversi. E invece, nel febbraio scorso ha convocato un tavolo (a cui ha partecipato anche un mio assessore) per presentare una rosa di ipotesi. Compresa quella di spostare tutto a Chioggia (Comune amministrato da una giunta M5S, ndr)».

Idea che le ha fatto fare un salto sulla sedia?

«Sì, la trovo un’ipotesi inquietante. In un contesto delicato e pieno di vincoli come è quello della laguna veneta pensare di creare a Chioggia un nuovo porto è fuori dalla realtà. Come se qualcuno pensasse di aprire una nuova finestra al Colosseo».

La polemica

«Le proposte dei ministri 5 Stelle? Sono stupito, mi chiedo se nel governo si parlano»

Vuole richiamare Toninelli alla soluzione «concordata» nel 2017?

«Ripeto, quando è trascorso giusto un anno dall’insediamento (avvenuto l’1 giugno 2018, ndr), il ministro non può venirci a dire che ha pronta una soluzione. Quale, di grazia?».

Per contro, il collega ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli (M5S), ha messo dei vincoli sulla laguna e chiede agli enti locali di ritirare i ricorsi.

«Anche qui c’è di che rimanere stupiti. Possibile che Toninelli, che sta lavorando ad una soluzione per il transito delle grandi navi, non abbia nulla da dire al suo collega? Ma al governo si parlano? Non è che ci voglia molto: basta sedersi attorno ad un tavolo per chiarirsi le idee».

Lei è contrario ai vincoli?

«Certo, cerchiamo di non passare da un eccesso all’altro. I vincoli accontentano solo le posizioni degli irriducibili per i quali esiste un’unica soluzione: fuori le grandi navi dalla laguna veneta».

Un risultato che non vogliono né la Regione né il Comune di Venezia.

«Esatto. Le crociere danno un contributo fondamentale alla nostra economia, sia in termini di posti di lavoro che di produzione di ricchezza portata dai turisti. Non possiamo, e non vogliamo, assolutamente farne a meno. E questo deve essere chiaro a tutti gli italiani».

Perché?

«Venezia non è una tappa di passaggio qualsiasi ma quello che si definisce un home-port. Vale a dire che le crociere iniziano o finiscono a Venezia. Se, per ragioni ideologiche, chiudiamo la laguna chi pagherà un prezzo pesantissimo non sarà la sola Venezia ma l’intero comparto turistico nazionale. Bisogna esserne consapevoli, non si scherza con il fuoco».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news