LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Il futuro della città da ripensare
Giovanni Montanaro
Corriere del Veneto /4/6/2019

Il rumore di una sirena, grida, corse; la MSC non può più fermarsi, colpisce la Country river, cè rumore di onde, di vetri. Venezia si è svegliata così; video su Facebook, messaggi su WhatsApp, paura, collera. Ogni anno, nel giorno dellAscensione (la Sensa), Venezia si sposa simbolicamente al mare. Questanno i festeggiamenti sono molto ridotti, visto lincidente. Anche questo è simbolico.

Qualcosa si è rotto, a Venezia. Venezia è delicata, strana. La laguna è un sistema complesso, i fondali non sono molto profondi. È per questo motivo che, per paradosso, le navi da crociera devono passare davanti a San Marco e poi per il Canale della Giudecca, proprio in mezzo alle case della città; non hanno altre alternative, al momento, per raggiungere la Marittima, vicino alla Stazione Ferroviaria, lì dove nellOttocento fu spostato (da San Marco e dalla Punta della Dogana) il porto commerciale e oggi cè il porto turistico. Eppure, lì non dovrebbero più passare, le navi, visti i rischi che questo comporta; è dal 2012, dai tempi del decreto Clini Passera, che il transito è in deroga in attesa di una diversa soluzione. La soluzione è stata stabilita nel 2017; le navi dovrebbero entrare per il c.d. Canale dei Petroli, e poi essere distinte; le più grandi in un nuovo terminal turistico di Marghera, alcune più piccole invece, mediante lo scavo di un nuovo canale, dovrebbero restare alla Marittima, ma senza più passare per il centro veneziano. Finirà forse così. Verranno giorni di grande indignazione, sublimi proclami; sarà subito stabilita la deviazione delle navi a Marghera, ora che un nuovo incidente sarebbe inevitabilmente impossibile da giustificare. A seguire, ci sarà lavvio dei lavori di scavo del nuovo canale. O forse no; ci saranno bandi di gara, ricorsi, cambi di governo, e saremo ancora daccapo tra qualche anno, visto che già sette ne sono passati. Io credo invece che bisogni cambiare approccio. Questo incidente deve essere unulteriore occasione per ripensare Venezia. Ha bisogno, Venezia, di questo tipo di turismo? La crocieristica rappresenta un indotto importante, circa 300 milioni di euro, divisi tra i ricavi diretti per lattività portuale e quelli indiretti, ossia quanto i crocieristi portano in città (sono più di un milione).

Rappresenta circa il 2% del Pil cittadino, ed è una percentuale importante anche se non decisiva, considerando anche che si tratta di un dato lordo, che non considera per dire i costi di inquinamento e di deterioramento del patrimonio architettonico causato dal passaggio di questi colossi. È venuto il momento di rinunciare? Bisogna cominciare a guardare un po più in là, a che città si vuole costruire nei prossimi cinquantanni. Il problema di Venezia non è solo che una nave colpisca piazza San Marco (eventualità remota). Venezia è il logorio dei 20 milioni di turisti allanno, dei 9000 posti letto appena autorizzati a Mestre, di Airbnb e delle affittanze turistiche che stanno trasformando le nostre città (non solo Venezia, ma anche Firenze, Roma, e anche Milano che sembrava lunica immune). Bisogna limitare, regolare gli arrivi. Ma questo non basta. Non è vietando, che si può pensare di fermare il fenomeno. Ma creando alternative economiche. È inutile togliere le crociere se non si riescono ad attrarre investimenti alternativi, legati allindustria, ai servizi, alle nuove tecnologie, alle energie pulite, agli studi di eccellenza.

Solo così, solo creando nuovo lavoro in settori diversi sarà possibile attrarre nuovi cittadini, cambiare linerzia del mercato immobiliare. Ma se non si gioca così, in contropiede, è una partita persa; Venezia magari resterà intatta, ma non sarà viva.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news