LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Piazza Diaz, luogo oscurato nel rinascimento milanese
Alberto Arrigoni - Giangiacomo Schiavi
Corriere della Sera - Milano 5/6/2019

Caro Schiavi,

tra le segnalazioni riguardanti la nostra bella città non ho notato quella su piazza Diaz, adiacente al Duomo, museo di architettura moderna, con la Terrazza Martini che ricorda i fasti della Milano frizzante degli anni 70, ora lasciata invece in uno stato sospeso tra abbandono e recupero, con i portici dal pavimento dissestato e rifugio di homeless addirittura con tenda per la notte, lhotel Plaza abbandonato, i locali notturni che chiudono e altri palazzi in restauro, il tutto con in mezzo uno spazio verde di dimensioni rilevanti ma inibito al pubblico. Rimettere a lucido questo gioiello anni 50 migliorerebbe il complesso architettonico del centro, con una ideale prosecuzione tra Museo del Novecento, via Marconi e piazza Diaz sino alla Torre Velasca.
Alberto Arrigoni


Caro Arrigoni,

è vero, piazza Diaz è un luogo oscurato nel Rinascimento milanese, un frettoloso passaggio tra i bivacchi e gli stracci dei senzatetto. Stringe il cuore per molti della sua e mia generazione, perché lì è passato il mondo quando la Terrazza Martini era in grande spolvero ed è inutile ricordare che un evento non era un evento se non cominciava o finiva da quelle parti. E poi cera il regno della rotula frenetica, come la chiamava il grande Guido Vergani, quando Milano passava le notti allo Stork di piazza Diaz, dove oggi cè il Nepentha. Cerano meno ori, meno tendaggi e cera più design, più architetto faccia lei, ma sempre nell ovatta dei velluti. Era difficile che gli storkini tirassero mattina per beccare la subrettina della Porta d Oro, del Maxim, del Caprice e dell Astoria Club... Nel 1963 aprì il Charly Max, iceberg notturno di quellimpero del ristoro che era il Bar Commercio in piazza Duomo. L orchestra era di Piero Giorgetti. I viveurs uscivano dal Charly quando al Commercio già cominciava la ridda dei cappuccini. Alla nostalgia si può aggiungere che in corrispondenza di piazza Diaz, prima degli sventramenti cera il Bottonuto, zona pestilenziale di gente fradicia come le vecchie case, scriveva il velenoso Paolo Valera a inizio Novecento, addentrandosi nel sottobosco peccaminoso che si adagiava sui divani delle case chiuse.È cambiata una geografia urbana. Oggi sono più le saracinesche abbassate di quelle riaperte. Ma piazza Diaz merita di più.
Giangiacomo Schiavi



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news