LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

«Ospedali, Comuni e musei:senza turnover servizi a rischio»
Antonio Passanese
Corriere Fiorentino 5/6/2019

I sindacati: in provincia mancano 5 mila dipendenti pubblici, con quota 100 sarà peggio

Gli ospedali sono messi male. Ma anche i tribunali, i Comuni e i musei non se la passano tanto bene: «La carenza di personale è ormai intollerabile e i conseguenti disservizi sono all’ordine del giorno», denunciano Cgil, Cisl e Uil che chiedono assunzioni, concorsi e annunciano che anche dalla provincia di Firenze, sabato 8 giugno, partiranno in centinaia per la manifestazione nazionale di Roma. «Saremo in piazza per il rinnovo dei contratti, che in alcuni settori manca da 12 anni, per la dignità dei lavoratori e per ottenere maggiori tutele e garanzie».
Numeri complessivi

I sindacati propongono un piano straordinario delle assunzioni e la stabilizzazione dei precari. «I dipendenti pubblici, in provincia, sono 35.000 — affermano Alessandro Giorgetti (Cgil), Mario Giuliattiani (Cisl), Flavio Gambini ed Enzo Feliciani (Uil) — ma all’appello ne mancano altri 5.000. Che succederà, poi, da ottobre quando centinaia di lavoratori andranno in pensione con Quota 100?». Ed i centri di accoglienza straordinaria per richiedenti asilo dal primo luglio dovranno licenziare tra i 300 e i 500 dipendenti, come mediatori culturali, insegnanti di lingue, assistenti e operatori sociali.
Ospedali

A Careggi, al Meyer e all’Istituto Don Gnocchi le situazioni più gravi. Secondo i sindacalisti — che si oppongono fermamente al ritorno in corsia dei medici in pensione e, di contro, apprezzano la soluzione di assumere 100 neolaureati — a Careggi mancherebbero 170 tra infermieri, fisioterapisti, radiologi, ostetriche, tecnici di laboratorio, dietisti e amministrativi. Mentre al pediatrico è stato proclamato lo stato di agitazione perché ancora non si sono trovate soluzioni economiche per il personale che da anni subisce tagli e blocchi. «Su questa vertenza, nei prossimi giorni, ci sarà una riunione in Prefettura con la direzione generale del Meyer, i sindacati e le Rsu. Se non dovessimo trovare un accordo — minacciano Cgil, Cisl e Uil — potremmo anche proclamare lo sciopero». Per quanto riguarda il Don Gnocchi, invece, la mancanza di personale si sta riverberando sui servizi e sui pazienti.
Enti Locali e musei

«Nelle amministrazioni del territorio serve un immediato sblocco del turn over». Prendiamo ad esempio Palazzo Vecchio, su 4.000 addetti ci sono 657 lavoratori con oltre 60 anni di età e altri 355 con 40 anni di servizio: «Cosa ha intenzione di fare il Comune per arginare questa futura emorragia e per evitare di dover tenere alcuni uffici chiusi?». In altri Comuni, quelli della cintura, la situazione è così precaria che ai sindaci tocca armarsi di ramazze e taglia erba. È il caso di Vaglia «dove il promo cittadino è costretto anche a fare lo stradino. Una situazione che, in alcuni casi, rischia perfino di compromettere le aperture al pubblico». Al tribunale di Firenze mancano 60 persone tra segretari, cancellieri e dattilografi; degli uffici ministeriali ne mancano un migliaio e nei musei servirebbero 400 assunzioni.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news