LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le colline del Prosecco sito Unesco
Martina Zambon
Corriere del Veneto 8/6/2019

A Parigi latteso sì. Zaia: Un sogno che inseguo da 10 anni. A luglio la ratifica in Azerbaijan

Colline del prosecco, patrimonio dellumanità Unesco. Il voto finale è in agenda per il 7 luglio a Baku, Azerbaijan ma ieri sera, da Parigi, è arrivato il sì più atteso e dirimente, quello di Icomos. Si tratta dello stesso organismo tecnico dellUnesco che nel 2018 aveva rinviato la candidatura. Ieri, invece, la raccomandazione al World Heritage Committee dellOnu per lapprovazione.

Venezia. Una raccomandazione, quella di Icomos, organismo tecnico dellUnesco per i siti culturali, che pesa più di una bolla papale. Con tanto di ceralacca. E linserimento delle Colline del Prosecco fra i siti Unesco, questa volta, appare veramente a portata di mano. Ieri, in serata, è arrivata lannuncio atteso con ansia per tutto il pomeriggio: Icomos raccomanda che le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene, Italia, siano iscritte nella Lista del Patrimonio Mondiale come Paesaggio culturale. Una raccomandazione, quella del Consiglio Internazionale dei Monumenti e dei Siti (Icomos) rivolge ai membri dellorganizzazione dellOnu (World Heritage Committee) che si riuniranno il 7 luglio a Baku, in Azerbaijan, per votare il sì definitivo alla candidatura espressa dal Governo italiano.

Il primo a esultare è il governatore Luca Zaia che ha sempre difeso la sfida Unesco a spada tratta: Questa è la realizzazione di un sogno che sto inseguendo da 10 anni. Gioia e qualche sassolino da togliersi per il presidente della Regione che prosegue, ricordando le molte polemiche sulla candidatura e i fondi investiti per i dossier: Ringrazio Icomos anche a nome di tutti i tecnici ed esperti che da dieci anni stanno lavorando a questo dossier. È una vittoria e una grandissima gratificazione constatare che i più grandi esperti internazionali di paesaggio sanciscono che lidea del dossier non fosse una boutade come qualcuno sosteneva rivelandosi, invece, la strada giusta per vincolare quelle colline. Fra gli oppositori storici ai fondi investiti nei dossier per la candidatura, cè il consigliere regionale del Pd, Graziano Azzalin: La Regione da sola ha speso negli anni dai 6 ai 700 mila euro. Resto perplesso. Limpressione è che il sì finale di luglio sia quasi scontato dopo il superamento del parere tecnico di Icomos, lo stesso organismo che, a luglio 2018 aveva rinviato il parere, chiedendo approfondimenti e modifiche. Allora era stata una doccia fredda. E forse per questo, prima di stappare qualche bottiglia per festeggiare, Zaia sceglie la via della prudenza: Ci aspetta la tappa fondamentale, quella di Baku. E sarò presente per seguire i lavori e sostenere il nostro dossier. Eppure la prospettiva sembra essere proprio quella di un sì pieno, rotondo: Si va verso una direzione importante, che non solo ci darà visibilità internazionale, - conclude Zaia - ma anche una grande responsabilità: la tutela di un paesaggio che deve restare immune ai cambiamenti del tempo. Ci dobbiamo preparare alle visite dei turisti, dei tecnici del mondo scientifico e di tutti coloro che saranno curiosi di visitare queste zone.

Lo sfondo sono le colline dolcissime fra Conegliano e Valdobbiadene, quelle su cui zampilla il prosecco doc e docg, quello che vale 1,2 milioni di quintali duva nel 2018, un +31% sul 2017. Il fior fiore sugli oltre 4 quintali del prosecco dal glera. Il clamore dei comitati di cittadini preoccupati si sta placando, dalle indagini epidemiologiche pare non risulti un nesso fra uso di pesticidi fra i filari e incidenza di malattie. E lottimismo invece si fa strada dopo il via libera di ieri da Parigi. Cè chi già parla di marketing territoriale e Innocente Nardi, presidente del Consorzio Prosecco Docg, chiarisce: No a una tutela statica. Non mettere una campana di vetro sopra questo bellissimo territorio. Implementeremo, invece, un approccio culturale diverso, lesaltazione del bello. Niente marketing territoriale per vendere Prosecco. No, questa partita non deve avere fini commerciali.

Sfruttare la cosa no, attrezzarsi, però sì. Giorgio Polegato, di Astoria Vini, è anche presidente di Coldiretti Treviso e fondatore di quel Comitato scientifico che cerca da mesi la mediazione con i comitati preoccupati per i pesticidi nei vigneti: Dobbiamo crescere dal punto di vista turistico per essere allaltezza delle aspettative dei visitatori. E linserimento nella lista dei siti Unesco aiuterà anche il dialogo con i comitati ambientalisti. Stefano Zanette, presidente del Consorzio Prosecco Doc aggiunge: Bene, ma ricordiamo che non è una candidatura del Prosecco bensì del territorio tutto. E il sottosegretario alle Politiche Agricole, il trevigiano Franco Manzato, rilancia: Una grande opportunità anche in vista della nuova Pac, la politica agricola comunitaria, a residui zero, da luoghi come le nostre colline lItalia può diventare leader nella produzione certificata sostenibile. Una giornata storica per le colline, guastata, a Valdobbiadene, da uninchiesta per abuso dufficio, assunzioni e spese non giustificate nei bilanci comunali .



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news