LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le storie di Sant’Orsola. Restaurato il famoso ciclo di teleri di Carpaccio alle Gallerie dell’Accademia di Venezia
Veronica Tuzii
Corriere del Veneto 8/6/2019

«È stato riscoperto il colore»

Le tipiche bricole veneziane col muschio che segna il limite bagnato dall’acqua, i riflessi delle ombre, i dettagli accuratissimi delle figure che affollano ponti o balconi adornati con preziosi tappeti orientali, le fogge, i tessuti, i velluti. E poi i marmi, le architetture, i paesaggi, gli animali. Mito, racconto favoloso, invenzioni ovunque. Entrando nella sala XXI delle Gallerie dell’Accademia di Venezia ci si trova davanti a qualcosa che assomiglia a un film in cinemascope, circa cento metri quadri di una narrazione che dopo oltre cinque secoli mantiene inalterata – anzi, la ritrova - tutta la sua potenza espressiva. I colori tersi si accendono, i particolari catturano: lo scrivano al tavolino, il cagnolino (o gattino?) ai piedi del letto della santa, le armi e le bandiere.

Dopo un lungo restauro, tornano visibili al pubblico le «Storie di Sant’Orsola», uno dei capolavori di Vittore Carpaccio (Venezia 1455/65-ivi o Capodistria 1525/26). Si tratta dello straordinario ciclo di nove teleri realizzati tra il 1490 e il 1495 dal maestro rinascimentale per la scuola di Sant’Orsola - oggi canonica del convento dei Santi Giovanni e Paolo - , commissionati da un ramo dalla famiglia Loredan. Narra la storia della principessa figlia del cristiano re di Bretagna, promessa a un principe pagano inglese. La fanciulla accetta a patto che questi si converta al cristianesimo. Lui acconsente e la giovane parte alla volta di Roma, ma appena vi giunge fa un sogno premonitore: le appare un angelo che le annuncia l’imminente martirio. Verrà uccisa col suo corteo di vergini dagli Unni, qui «camuffati» da turchi per celebrare le glorie dei Loredan.

Le vicende della santa, tramandate dalla duecentesca Legenda aurea di Jacopo da Varagine e raccontate dal Carpaccio, giungono nella pinacoteca nel 1812 a seguito della soppressione degli Ordini e confraternite religiose. Il restauro, realizzato col contributo di Save Venice (750mila euro), è stato preceduto da una fase di studio e analisi diagnostica condotta dal 2010 dall’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro di Roma e dal Laboratorio Scientifico delle Gallerie. I teleri si presentavano in uno stato conservativo disomogeneo che condizionava fortemente la lettura del ciclo come insieme unitario. Il make-up è iniziato nel 2013 sull’«Arrivo a Colonia», condotto dall’ISCR, mentre la chiusura della Sala XXI nel 2016, ha dato avvio all’azione sul resto del ciclo. Il restauro dell’«Apoteosi di Sant’Orsola» è stato guidato dalla CBArt mentre l’intervento sui rimanenti teleri è stato realizzato sotto la direzione di Giulio Manieri Elia (prossimo a insediarsi come direttore delle Gallerie) e Alfeo Michieletto e il coordinamento delle indagini scientifiche di Ornella Salvadori, dalle imprese C.B.C. di Roma e Egidio Arlango di Vicenza.

Per i sette teleri sono state impiegate 14mila ore di lavoro, 170 a metro quadro, ma in alcuni casi si è arrivati fino a 250. Il risultato? Stupefacente. «Dalle moderne riflettologie a infrarossi – marca Manieri Elia - è emerso che tutti i teleri sono stati realizzati partendo da disegni a pennello, carboncino o punte sottili. Un prato che era una piazza lastricata, un torrione che era pensato come due torri, i pentimenti li analizzeremo in una giornata di studi in autunno. L’aspetto importante è l’aver ritrovato la profondità prospettica e l’equilibrio cromatico d’insieme. Basta vedere i cieli.». Si è pure scoperto che Carpaccio replicava alcune figure da un telero all’altro.

Nell’allestimento c’è una rilevante novità nella sequenza delle scene. È stata anteposta la scena con «L’incontro a Roma con Papa Ciriaco» rispetto al «Sogno di Sant’Orsola», ripristinando l’ordine del ciclo adottato nei precedenti allestimenti e mutato da Vittorio Moschini nel 1946-47, seguendo il progetto di Carlo Scarpa. «Ritrovata la bellezza - sottolinea Frederick Ilchman, Chairman di Save Venice - di un’opera innovativa, dove Carpaccio anticipa Veermer».



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news