LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli, via Duomo. «Strada piena di ferite. Ormai abbiamo il terrore anche di passeggiare»
Elvira Iadanza
Corriere del Mezzogiorno - Campania 11/6/2019

L’associazione via dei Musei: siamo aperti ma qui si rischia la vita

Napoli. Via Duomo è una strada, a oggi, segnata. Segnata dal cantiere che da qualche mese ne chiude in parte il passaggio, dal trauma per la morte del commerciante Rosario Padolino. Ma, soprattutto, segnata dai tanti teli verdi che avvolgono, come una vecchia coperta che ormai non scalda più, i tanti balconi e cornicioni pericolanti.

Certo, i negozi sono aperti, chi era stato allontanato dal palazzo da cui è caduto il pezzo di cornicione mortale per Rosario è potuto tornare a casa nel pomeriggio di ieri, ma, adesso più che mai, c’è chi protesta per la condizione dei palazzi che affacciano sulla strada dei sette musei.

A far sentire la sua voce c’è anche Francesco Moresieri, presidente della «Associazione Duomo via dei musei», un’organizzazione di commercianti molto attiva nella strada e che conta quasi 50 iscritti. «Non è normale che accadano queste cose. Ovviamente il problema non è solo via Duomo, tutta la città versa in questa condizione – spiega Moresieri -. Stavolta a perdere la vita è stato Rosario Padolino, che proprio a luglio avrebbe chiuso la sua attività per andare in pensione, ma la verità è che siamo tutti esposti al pericolo».

E in effetti basta guardare all’insù per vedere i tanti «rattoppi» dei balconi o dei cornicioni. Alcuni attraversano le intere facciate del palazzo, altri, invece, coprono soltanto qualche balcone da cui spuntano anche delle piante, esempi un po’ particolari di bosco urbano. «La morte di Rosario ci ha colpito particolarmente – racconta ancora Moresieri - non solo perché era un collega commerciante, ma perché ci ha fatto capire che siamo tutti probabili bersagli per la caduta dei calcinacci. Nei momenti di pausa, oppure se in negozio non c’è nessuno, siamo fuori sul marciapiede, magari a fumare una sigaretta e qualcosa potrebbe cadere anche sulle nostre teste».

Le attività continuano, anche se per strada qualcuno ha lasciato un mazzo di fiori per Rosario, e molti si fermano a guardare il suo negozio.

«Se ai palazzi si aggiungono il cantiere che blocca il normale transito e l’immondizia accumulata lungo le grate che delimitano la zona dei lavori, il quadro di una delle strade più importanti della nostra città, ricca di cultura e di musei, è tracciato ed è poco lusinghiero».

La paura di qualche altra caduta c’è, e, infatti, si ipotizzano controlli su tutta la strada per i palazzi da mettere in sicurezza, e alcuni sono già in corso nell’adiacente via dei Tribunali, chiusa ieri pomeriggio alle automobili e ai motorini proprio per consentire i lavori di manutenzione su un edificio poco sicuro.

Intanto la vita continua e la strada si anima di nuovo. Ci sono due ragazze che prendono il caffè sedute sotto uno dei balconi dalla rete verde, ma anche turisti che vogliono visitare uno dei musei presenti sulla via. In corteo arriva perfino una sposa. Felice e sorridente con il fresco marito. All’incidente di sabato mattina, loro che vivono in quella strada, preferiscono non pensare.

In campo a sostegno degli abitanti e dei negozianti, però, scende anche Confcommercio che con una nota del presidente Vernetti fa sapere di voler collaborare per evitare altre tragedie: «Abbiamo intenzione di farci carico con tutti i soggetti istituzionali di eventi, iniziative, proposte concrete per restituire questa antica zona della città al ruolo che gli compete. Servono interventi economici, di tipo organizzativo, ma anche la promozione dell’area attraverso manifestazioni che vedano protagonisti i commercianti». E aggiunge che l’organizzazione delle imprese, se necessario, metterà in campo le proprie professionalità e le proprie relazioni per aiutare a garantire una maggiore sicurezza della strada. «Non si può veder morire una zona così centrale della città senza fare nulla», conclude Vernetti.



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news