LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze e lo stop del Consiglio di Stato. I possibli rimedi alla paralisi edilizia
Renzo Manetti*
Corriere Fiorentino 11/6/2019

* Renzo Manetti Architetto e presidente dellAccademia del Disegno

Gentile direttore, l Italia ha un sistema normativo e legislativo farraginoso, spesso di difficile interpretazione, sempre difficile da applicare. Chi amministra la cosa pubblica, quando agisce col buon senso, rischia fatalmente di incappare nel reato di abuso dufficio.

In alcuni casi la magistratura giudicante dà infatti interpretazioni apparentemente illogiche di norme che appaiono chiare, rendendo il quadro ancora più ingarbugliato. Faccio due esempi che hanno condotto alla paralisi del recupero edilizio nel Comune di Firenze: il testo unico delledilizia (Dpr 380/2001) definiva il restauro come la serie di interventi rivolti a conservare lorganismo edilizio e ad assicurarne la funzionalità mediante un insieme sistematico di opere che, nel rispetto degli elementi tipologici, formali e strutturali dellorganismo stesso, ne consentano destinazioni duso con essi compatibili (art.3 lett.c); in seguito a una sentenza della magistratura penale che riteneva il cambio duso incompatibile col restauro, con la legge 96/2017 si modificava il testo per renderlo più chiaro anche ai magistrati: ... interventi edilizi... che... consentano anche il mutamento delle destinazioni duso purché con tali elementi compatibili, nonché conformi a quelle previste dallo strumento urbanistico generale e dai relativi piani attuativi.

La legge 164/2014 integrava il Dpr 380 precisando come un intervento di manutenzione straordinaria consentisse anche il frazionamento o laccorpamento di unità immobiliari: Nellambito degli interventi di manutenzione straordinaria sono ricompresi anche quelli consistenti nel frazionamento o accorpamento delle unità immobiliari con esecuzione di opere, anche se comportanti la variazione delle superfici delle singole unità immobiliari nonché del carico urbanistico, purché non sia modificata la volumetria complessiva degli edifici e si mantenga loriginaria destinazione duso (art.3 lett.b).

Le due norme appaiono chiare: col restauro si possono modificare le destinazioni di un immobile con altre compatibili con le sue caratteristiche; con la manutenzione straordinaria si può effettuare il frazionamento di una unità immobiliare. E invece no. Per la magistratura quelle norme che ai nostri occhi appaiono chiarissime non sono sufficientemente esplicite.

La giurisprudenza penale ha infatti maturato e consolidato un orientamento, fatto proprio anche da quella amministrativa, che riconduce a ristrutturazione edilizia ogni intervento che comporti incremento di unità immobiliari o il cambio duso, modificando la distribuzione interna e inserendo nuovi impianti.

Dal momento che nessun frazionamento è possibile senza separare gli impianti o senza modificare la distribuzione interna, siamo in presenza di uninterpretazione che va oltre la stessa lettera della legge. Ma a Firenze le colpe sono anche del Comune, che ha approvato il Regolamento Urbanistico Comunale, il Ruc (quello che sostituisce il Piano Regolatore secondo la legge toscana), fatto apposta per creare equivoci. Il RucPapprovato proibiva infatti interventi che eccedessero il restauro in quello che si definisce tuttora come tessuto storico e storicizzato prevalentemente seriale. Si tratta sostanzialmente di tutta la città consolidata, caratterizzata da isolati conclusi da strade perimetrali.

Ne conseguiva che ben il 42% del patrimonio edilizio comunale veniva vincolato a restauro. A seguito di una nota della Procura della Repubblica trasmessa al Comune nel 2017, che ricordava perentoriamente gli orientamenti giurisprudenziali in materia di cambio di destinazione e di frazionamenti, per evitare la paralisi degli interventi di recupero lamministrazione decideva di modificare il tipo di intervento ammesso in queste parti di città individuando una nuova categoria, quella della ristrutturazione con limitazioni. Si consentivano così sia cambi di uso che frazionamenti, con restrizioni che tutelassero la tipologia e i caratteri delledificio. Italia Nostra presentava un ricorso al Tar contro la norma che riteneva troppo permissiva. Il Tar con sentenza 137/2019 accoglieva le controdeduzioni del Comune e respingeva il ricorso. E a questo punto che interviene lordinanza del Consiglio di Stato del 23 maggio 2019, con la quale si rinvia la decisione al Tar imponendone un approfondimento dei contenuti e nello stesso tempo sospendendo lefficacia della variante stessa.

È da notare che uno dei motivi addotti per il rinvio sia la considerazione del valore degli edifici che formano il tessuto urbano del centro storico, anche alla luce della disciplina protettiva e vincolistica di cui al D.lgs. n. 42 del 2004 (codice dei beni culturali) e di cui alla Convenzione Unesco del 2005, considerata anche la peculiarità della città di Firenze. In realtà il Patrimonio Mondiale Unesco è solo una parte minoritaria delle aree interessate dalla norma comunale.

Da quanto abbiamo detto emerge che il problema di fondo non sta solo nelle sentenze di una magistratura che sembra sostituirsi al potere legislativo del Parlamento, ma anche in una strumentazione urbanistica comunale inadeguata. Il precedente Prg di Firenze definiva infatti gli interventi secondo una classificazione del valore effettuata per singoli edifici; il nuovo Ruc adottava invece inspiegabilmente una classificazione per tessuti, allinterno dei quali non teneva sufficientemente conto della diversità del valore degli edifici.

Per intendersi, nei tessuti seriali sono stati inseriti molti edifici costruiti nel dopoguerra, privi di alcun valore, che appare davvero assurdo vincolare a restauro. Sarebbe opportuno pensare subito a una variante al Ruc che per gli edifici costruiti nel dopoguerra, inseriti nei tessuti storici o storicizzati, ammettesse interventi di ristrutturazione edilizia e non si limitasse al solo restauro.

Per edifici ad esempio degli anni 60 del secolo scorso, privi di valore, che senso ha prescrivere il restauro? Andrebbero ovviamente esclusi gli edifici classificati come emergenze di valore storico architettonico o emergenze di interesse documentale del moderno, per i quali si dovrebbe mantenere lintervento di restauro come massimo ammissibile. Va inoltre affidata subito una variante generale del Ruc, che disciplini gli interventi per edifici e non per tessuti. Che è quanto chiede ad esempio lOrdine degli Architetti, fin dallepoca di approvazione del Ruc e di recente riaffermato in un comunicato stampa: Abbiamo sempre ribadito la necessità di una più dettagliata classificazione edilizia del patrimonio edilizio esistente. Classificazione che può consentire una differenziata articolazione della disciplina edilizia, adeguata alla condizione dei singoli edifici.





news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news