LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Fornovo. Scoprono per caso in soffitta reperti romani
p.t.
Corriere della Sera - Bergamo 12/6/2019

Hanno scoperto per caso, rovistando in soffitta, reperti archeologici risalenti all’epoca romana, molto probabilmente raccolti negli anni da un congiunto scomparso nella campagna di Fornovo.

Centinaia di frammenti di ceramica risalenti all’epoca romana, ma anche anelli in ferro e bronzo, punte di freccia e lame in selce preistoriche. È un piccolo tesoro archeologico quello consegnato nelle mani dell’associazione Civiltà contadina nei giorni scorsi. Un tesoretto conservato per molti anni in una soffitta di Fornovo San Giovanni e riscoperto di recente per caso. Fornovo all’epoca romana era considerato un importante vicus sulle vie dei commerci che attraversavano la Pianura padana, poi ospitò un insediamento alemanno e negli anni recenti, con gli scavi per Brebemi e Tav, è venuta alla luce anche una necropoli longobarda.

Proprio alcuni dei reperti rinvenuti durante la realizzazione delle infrastrutture sono andati a comporre il nucleo del «Mago», il Museo archeologico delle grandi opere, ospitato nel castello di Pagazzano dove si svolge l’attività dell’associazione Civiltà contadina. «Proprio per la presenza del museo — spiega il presidente Fulvio Pagani — sono stato contattato da una famiglia di Fornovo che ripulendo la soffitta ha trovato queste scatole di reperti. A raccoglierli negli anni passati, setacciando la campagna, un loro congiunto ormai scomparso. La famiglia ha deciso di farcene dono ma appena ho visto di cosa si trattava ho passato la palla alla Soprintendenza di Brescia. «Per ora è stata effettuata una verifica preliminare — spiega l’archeologa Stefania Di Francesco — sono frammenti per lo più di epoca romana ed è possibile che possano essere stati rinvenuti a Fornovo dove i ritrovamenti nel passato sono stati numerosi». Dal Comune di Pagazzano arriva però la proposta che i reperti tornino al Mago. «Lidia Villa è il tecnico comunale che segue il museo e il castello — precisa Pagani — e ha elaborato un progetto per realizzare un laboratorio archeologico. Nella pratica studenti universitari sotto la guida di un docente potrebbero catalogare e provare a riassemblare i frammenti».



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news