LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze, Nardella: Colpo mortale per i nostri musei
Chiara Dino
Corriere Fiorentino 12/6/2019

Il ministro dei Beni culturali conferma la svolta: via i Cda, tornano a Roma la gestione finanziaria e i rapporti coi privati

Nardella attacca la controriforma Bonisoli che cancella lautonomia di Uffizi e Accademia

Addio allautonomia dei grandi musei. Il modello Franceschini sta per essere stravolto, ed è il ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli ad annunciare da Firenze la controriforma. Lo fa nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, dove inaugura ledizione numero 96 di Pitti Uomo. Una decisione che non è piaciuta al sindaco di Firenze Dario Nardella: Sarebbe una scelta assurda, un colpo mortale per i nostri musei.

Addio allautonomia dei musei autonomi. Il modello Franceschini sta per essere stravolta, ed è il ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli ad annunciare la riforma della riforma a Firenze, nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, dove inaugura ledizione numero 96 di Pitti Uomo. È mia intenzione dice Bonisoli togliere i Cda dai musei autonomi. Si tratta di un provvedimento che entrerà in vigore a partire dal primo gennaio per evitare storture di budget. Da quel momento spiega il ministro i musei avranno unapprovazione del bilancio che sarà direttamente collegata al ministero e non sarà più delegata a un Cda, di cui, per quel che ho visto, non ho verificato lefficacia. Il provvedimento, che avrà inevitabili ricadute sullautonomia dei grandi musei, fa parte di una più ampia revisione della riforma la cui stesura definitiva è prevista per fine giugno e che qui a Firenze ha una doppia valenza: bisognerà capire se a queste condizioni via i Cda e quindi lautonomia di bilancio ci sarà spazio per la riconferma di Eike Schmidt alla direzione degli Uffizi. Linteressato non parla ma pare non abbia gradito la nomina nel Comitato scientifico delle Gallerie dello storico dellarte Tomaso Montanari, suo palese ed esplicito detrattore. Proprio ieri, per altro, sul sito austriaco di Die Presse , allinterno di un servizio dedicato alle 14 nuove sale del 500 appena inaugurate da Schmidt agli Uffizi, si dava per certo che da novembre lui sarà a Vienna alla direzione del Kunsthistorisches Museum. La decisione la prenderà direttamente Bonisoli e a questo punto è prevedibile che arriverà a breve. E sarà una decisione presa tenendo conto di tutto limpianto della nuova riforma, su cui Bonisoli tiene a dire: Ci stiamo lavorando da sei mesi e per la sua stesura abbiamo sentito tutti i portatori di interesse: biblioteche e archivi, poli museali, sovrintendenze, direttori dei musei autonomi e sindacati. Netto il giudizio del sindaco di Firenze Dario Nardella: Abolire lautonomia dei musei? Non posso credere che abbia in mente di fare una cosa così assurda. Per musei come gli Uffizi o lAccademia sarebbe un colpo mortale.

Ma cosaltro prevede la controriforma? Nellultima bozza che circola negli uffici del ministero, e che noi abbiamo visto, viene prevista esplicitamente labolizione dellautonomia della Galleria dellAccademia, voce che già ieri circolava e che ha lasciato interdetta la direttrice Cecilie Hollberg che a questo punto potrebbe non essere confermata alla guida del museo del David e, in generale, si prevede un ritorno a una maggiore centralizzazione del potere a Roma. Ed è una centralizzazione non da poco, visto che nella bozza di riforma si legge che la Direzione Generale Contratti e Concessioni avocherebbe a sé anche la funzione di stazione appaltante per gli uffici periferici del ministero per laffidamento di contratti di appalto o di concessione, nei limiti di valore e di oggetto che sono definiti con decreto ministeriale.... In sostanza, sopra una certa soglia di spesa ancora da definire, i direttori dei musei non potranno più scegliere fornitori di servizio e avvalersi di questo o quellaltro concessionario, sarà la Direzione generale del ministero a decidere. Un ridimensionamento non da poco dei loro poteri. Non basta, perché sempre la Direzione generale, dovrebbe svolgere attività di indirizzo, supporto e consulenza agli uffici centrali e, per il tramite dei Segretariati distrettuali, a quelli periferici in materia di rapporti di partenariato pubblico-privato anche istituzionalizzato per la valorizzazione e luso del patrimonio culturale mediante lelaborazione di linee guida, bandi, convenzioni e a accordi-tipo. La lista delle competenze che passano a Roma continua con la crescita esponenziale, per esempio, del ruolo del Segretario Generale del ministero, che sarebbe un plenipotenziario ma nel caso del nostro territorio quella che prescrive la gestione romana dei rapporti con i privati solleva già un quesito. Che ne sarebbe della partnership tra Pitti Immagine e Gallerie degli Uffizi sul Museo della Moda? Quesiti che rimangono senza risposta a oggi. Il ministro dice che bisognerà pazientare ancora due settimane per conoscere il testo definitivo, su cui però ci sono non poche resistenze fuori e dentro il ministero. Con i Cinque Stelle favorevoli al cambiamento previsto dal decreto e la Lega che frena e che, nel caso di Firenze, vorrebbe mantenere lo status quo, almeno agli Uffizi dove appoggia la direzione Schmidt.

Più complessa la questione Accademia: che perderà lautonomia è pressoché certo. Il punto ancora da chiarire è a quale altra istituzione sarà accorpata. Ci sono due ipotesi allo studio: la prima prevede che ritorni nellalveo del Polo museale regionale dando ragione a chi ritiene che, così facendo, un museo tutto sommato facile da gestire, con 1.700.000 visitatori e dunque degli introiti più che cospicui, col suo bilancio, porterebbe ossigeno ai piccoli musei del Polo che potrebbero così risollevarsi dalla situazione di difficoltà in cui la riforma in parte li ha messi. Ma cè anche unaltra ipotesi. La Galleria entrerebbe a far parte di un super museo dal punto di vista gestionale che farebbe capo agli Uffizi. La cosa, pare, non sia sgradita a Schmidt, ma per saperne di più bisognerà aspettare. Lunico dei musei autonomi che non dovrebbe subire scossoni è il gruppo che fa a capo Bargello e che comprende anche Cappelle Medicee, Museo di Palazzo Davanzati, Casa Martelli e Orsanmichele.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news