LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Navi, test per entrare in laguna. Il ministero conferma il vincolo
Alberto Zorzi
Corriere del Veneto 13/6/2019

L’ordinanza della Capitaneria: canali stretti, verifiche sulla capacità di frenata

VENEZIA. Non solo la riduzione del limite di velocità da 6 a 5 nodi nel tratto tra il forte di Sant’Andrea e la Marittima. Non solo l’uso di tre rimorchiatori per tutte le navi sopra le 40 mila tonnellate, con i mezzi più potenti per quelle sopra le 75 mila. E non solo una distanza di un’ora e mezza tra le navi in partenza e in arrivo. Da ieri è in vigore l’ordinanza della Capitaneria di Porto che – dopo l’incidente della Msc Opera dello scorso 2 giugno – dispone «misure urgenti di mitigazione» per il passaggio delle grandi navi in laguna, soprattutto nel tratto davanti a San Marco e nel canale della Giudecca. Tra i tanti obblighi dati alle navi da crociera c’è quello di test preventivi da tenersi entro le 48 precedenti all’arrivo a Venezia e non vengono escluse anche ulteriori limitazioni in futuro. Intanto nella «guerra» tra Autorità di sistema portuale e ministero dei Beni culturali sul vincolo messo dalla locale Soprintendenza su canale della Giudecca, canal Grande e bacino di San Marco, il primo round va a Roma, com’era scontato: il comitato tecnico-scientifico del Mibac ha respinto il ricorso gerarchico presentato dal Porto.

Martedì, come chiesto dal ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, si è riunito il gruppo di lavoro che aveva già dato vita un anno fa al famoso «algoritmo» che limita la stazza delle navi ammesse in laguna. Insieme alla Capitaneria, padrona di casa, c’erano l’Autorità portuale, il Provveditorato, l’Arpav, il Comune di Venezia, la Corporazione piloti e anche la Soprintendenza, che è stata l’unica a non aver approvato la bozza di ordinanza, riferendo di doverne prima discutere con il ministero. La premessa dell’ordinanza è che in attesa dei risultati dell’inchiesta tecnica che spiegherà che cosa è successo alla Msc, schiantatasi contro la banchina di San Basilio e il battello River Countess, non si può ancora dire se quel tipo di incidente si possa ripetere e con che probabilità. Tra l’altro anche ieri sono proseguiti i lavori dei consulenti tecnici della procura e dei sette indagati a bordo della Msc (dove forse servirà un ulteriore passaggio, così posticipando ancora il dissequestro e mettendo a rischio anche la prossima crociera, prevista in partenza sabato), del battello e dei due rimorchiatori.

Ma nel frattempo serve comunque incrementare la sicurezza. E così oltre alle modifiche su velocità e distanza, c’è una tabella che indica quali rimorchiatori devono essere usati a seconda della stazza della nave. Ma soprattutto si dice che, prima di entrare in laguna, il comandante della nave deve comunicare «senza ritardo» l’esito di alcune «verifiche ed esercitazioni» – evidentemente fatte a crociera in corso – pena il divieto di accesso a Venezia: da un lato sul costante presidio da parte di personale di bordo del locale «timoneria di emergenza», dall’altro sull’adozione di una procedura di arresto di emergenza della sola propulsione, sottolineando i «ridotti tempi e spazi di manovra» tipici dei canali lagunari. Quanto alla velocità, il limite può essere superato in caso di fattori meteo-marini che mettano a rischio la governabilità. Viene poi imposto ai rimorchiatori di usare un cavo «dynema» con tiro certificato non inferiore a 250 tonnellate.

Oltre a questo resta anche il vincolo del Mibact. In attesa che il Tar del Veneto fissi l’udienza per il ricorso del Comune di Venezia, il comitato tecnico-scientifico guidato dal neopresidente Tomaso Montanari ha bocciato quello del Porto, che aveva scelto una strada più «soft», interna agli uffici. L’ente sosteneva che quel vincolo fosse un’ingerenza nei confronti delle proprie competenze. «Gli uffici periferici del Mibac hanno agito nello svolgimento di funzioni di tutela che sono loro proprie», sostiene però il comitato, riconoscendo che quelle vie d’acqua sono «beni culturali» non tanto per il loro «aspetto naturale», quando per «l’opera dell’uomo di cui sono testimonianza», essendo stati scavati e manutenuti nei secoli. Il Porto aveva poi invocato la libertà economica, ma gli esperti hanno replicato che «la tutela del patrimonio culturale rappresenta un interesse prevalente rispetto a qualunque altro».



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news