LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I castelli dimenticati
Carlo Franco
Corriere del Mezzogiorno - Campania 14/6/2019

Un convegno per discutere il possibile futuro di edifici e fortificazioni che spesso non hanno trovato ancora unadeguata destinazione

Il ministero della Difesa apre non più metaforicamente le porte delle caserme e di tanti altri edifici molto appetiti dal mercato immobiliare? Questa ipotesi da decenni vagheggiata come possibile, anzi imminente, ma mai concretizzatasi per una serie di motivazioni di natura economica soprattutto, ma anche di vincoli che con il tempo hanno accelerato il degrado dei castelli e delle fortificazioni ritorna al centro del dibattito e lascia immaginare novità interessanti per Napoli che ospita una serie di edifici militari ormai dismessi di fatto e, quindi, ancora più onerosi da gestire.

Si è parlato anche di questo nel corso del convegno internazionale sui Castelli sulla loro storia e sul loro ruolo mai definito - che si è svolto a palazzo Salerno (anche la sede scelta indica una direzione come ci conferma, con un sorriso che è un mezzo sì, la professoressa di architettura tecnica Marina Fumo che ha organizzato i lavori) e ha consentito di mettere a punto una mappatura di questi paesaggi fortificati che potrebbero rappresentare una validissima opzione di svolta per il Mezzogiorno se solo si prendesse atto della di dare loro una seconda vita trasformandoli da postazioni difensive a sentinelle di cultura e di difesa attiva della memoria. Un ruolo moderno, guardando al futuro con la possanza del passato. Negli anni qualche eccezione alla regola dellimmobilismo cè stata anche a Napoli che ospita cinque castelli tutti, più o meno, alla ricerca di un ruolo ma iI futuro di Castel Capuano, di Castel dellOvo, del Maschio Angioino e di SantElmo è ancora tutto da scrivere e linerzia propositiva aumenta il degrado, statico e funzionale, del monumento. Lo ha documentato, con rigore scientifico, lesperto di restauro architettonico Aldo Aveta che ha lanciato una sorta di sos: Esistono seri problemi di consolidamento e di restauro, ma anche di crollo delle coperture oltre che del superamento delle barriere architettoniche. Nel Masterplan e nel Pon questi pericoli sono presenti, ma questi strumenti non sono mai diventati operativi. A Castel Capuano negli ultimi anni sono state a spese somme ingenti ma in modo frammentario e dispersivo, mentre per Castelnuovo si attende da mezzo secolo che arrivi un finanziamento da cinque milioni euro assegnato dal ministero dei Beni Culturali.

Buone intenzioni, seguite da lunghi vuoti di memoria. Per Castelcapuano, dice ancora Aveta, dopo il trasferimento degli Uffici giudiziari al Centro direzionale, la scelta è caduta su un progetto di una Cittadella della cultura giuridica e della legalità, che sarebbe da condividere ma di fatto non è mai diventata operativa; tra il dire e il fare cè di mezzo la precarietà istituzionale di Napoli. Che non risolve i problemi e, anzi, fa crescere preoccupazioni di altro tipo come lespandersi, nella città orientale, del commercio di bassa lega controllato quasi esclusivamente dalla comunità cinese.

Il dibattito ha spaziato dal Castello Teggiano nel Vallo di Diano restaurato dalla famiglia Macchiaroli leditore Gaetano e, dopo la sua morte, la moglie Ingeborg e la figlia Gisella che hanno continuato lopera alla cittadella fortificata dellAnnunziata a Massa Lubrense dalla quale Capri si tocca con mano e fa sognare bellissimi progetti di turismo ambientale utilizzando anche la dimora dalla quale Gioacchino Murat diresse lassalto alla flotta inglese nella rada dellisola azzurra. Il Castello moderno, insomma, deve cambiare pelle se vuole continuare a svolgere un ruolo attivo e Benedetto Migliaccio lo ha detto con chiarezza: A Matera hanno ben compreso il messaggio delle antiche pietre, a Napoli e nelle altre regioni del Mezzogiorno questo non è ancora avvenuto. Anche se alcuni esempi virtuosi autorizzano una timida speranza: gli abitanti di Monteverde (non arrivano ad 800), un borgo medievale della Baronia, in Irpinia, tra i più belli dItalia hanno sfondato lisolamento portando avanti un progetto di accessibilità globale che ha riscosso apprezzamenti e fa dire al sindaco Francesco Ricciardi: Siamo ultimi in tutte le classifiche, ma siamo primi almeno in questo e ne andiamo fieri.



news

27-03-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 marzo 2020

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

Archivio news