LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Crociere, maxi-vertice sugli scavi. Anche la Regione contro il vincolo
Alberto Zorzi
Corriere del Veneto 16/6/2019

Domani ci sarà anche l’Ambiente. La delusione delle compagnie: tempi lunghi

VENEZIA. Non sarà una semplice riunione tecnica di passaggio, ma potrebbe essere quella, «epocale», per trovare finalmente la quadra sul protocollo fanghi, forse anche con la presenza di due ministri, oltre ai tecnici: quello delle Infrastrutture Danilo Toninelli, padrone di casa, e quello dell’Ambiente Sergio Costa. Erano stati lo stesso Toninelli e il presidente dell’Autorità di sistema portuale Pino Musolino, nel corso della visita del ministro a Venezia l’altro ieri, a dire che domani ci sarebbe un nuovo incontro. Ma non sarà sulle ipotesi in campo per la delocalizzazione del nuovo terminal crociere, ora che in pole position ci sono San Nicolò al Lido e Chioggia; bensì sul nuovo protocollo che dovrebbe sostituire quello in vigore dal 1993 per la gestione dei sedimenti in laguna. Argomento che Toninelli aveva affrontato a lungo dopo aver visto i siti potenziali, sia dall’alto in elicottero, che da una motovedetta della Guardia Costiera. «Per dragare il canale Vittorio Emanuele serve il protocollo fanghi - ha detto il ministro - senza protocollo e senza una caratterizzazione che dica se quei fanghi sono velenosi o no, quella soluzione non esiste».

Anche questa è dunque una delle priorità che Toninelli vuole affrontare, insieme al collega Costa, dato che l’Avvocatura dello Stato, in un parere, ha specificato che servirà un decreto tra i due ministeri. In realtà c’è da mesi un gruppo di lavoro, guidato da Pier Francesco Ghetti, che sta lavorando sul nuovo protocollo, anche se il professore ed ex assessore continua a sgolarsi per dire che l’aggiornamento non ha a che fare con il bisogno di scavare i canali. «E’ un passaggio necessario alla luce delle normative europee - spiega Ghetti - Ma poi è una questione di sopravvivenza della laguna: portare tutto “fuori” dalla laguna è in contraddizione con il deficit di sedimenti che la sta trasformando in un braccio di mare: si possono anche spostare da una parte all’altra». Il gruppo di lavoro sarà presente all’incontro di domani con il professor Antonio Marcomini.

Intanto si continua a discutere dopo la visita di Toninelli, che ha detto un secco «no» all’ipotesi Marghera – «troppi rischi», è il suo pensiero, che di fatto tarpa le ali anche al Vittorio Emanuele come modo per continuare a far arrivare le navi in Marittima – e ha ipotizzato un referendum tra i cittadini. Qualcuno dice che forse si è creato un equivoco con il «dibattito pubblico», che proprio il M5s ha regolato nei dettagli sul modello francese, rendendolo un passaggio obbligato per le opere principali. La bocciatura del Vittorio Emanuele preoccupa anche le compagnie. Clia non commenta, ma c’è preoccupazione per il rischio che i tempi si allunghino e che anche la soluzione a breve termine sia rimandata a data da destinarsi. D’altra parte Toninelli l’ha detto chiaramente: «Quando decideremo dove fare il porto crociere si aprirà un cantiere di anni - ha ammesso - Ma è fondamentale dare un tempo certo in cui magari sopportare ancora un po’, ma poi le navi non passeranno più». «Serve una soluzione subito, non tra 10 anni», è sbottato il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro. «Il gigantismo navale delle crociere non è compatibile con Venezia e con l’ecosistema lagunare», dicono i Verdi.

Ca’ Farsetti ha anche impugnato al Tar il vincolo paesaggistico posto dalla Soprintendenza sul bacino di San Marco e sul canale della Giudecca (oltre che sul canal Grande) lo scorso 31 gennaio, che potrebbe portare all’esclusione delle crociere. Nei giorni scorsi anche la Regione Veneto si è affiancata al Comune di fronte ai giudici. Il Porto aveva fatto invece un ricorso gerarchico al ministero dei Beni Culturali, che è stato rigettato.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news