LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Brera, con La Mantia apre l’anima gourmet
Francesca Bonazzoli
Corriere della Sera - Milano 18/6/2019

Caffetteria e ristorante a orario continuato. Da oggi, con il bar Fernanda, la Pinacoteca di Brera ha la sua anima gourmet nelle mani dello chef Filippo La Mantia.

Il bar della Pinacoteca diventa il secondo ristorante milanese dell’«oste» La Mantia
Cento posti a sedere e sapori semplici di una cooperativa sociale

Tutto è cominciato con un invito di William Fabbro a Filippo La Mantia: «Ci prendiamo un caffé alla Pinacoteca di Brera?». Il primo, con il fratello Massimiliano, è un imprenditore della ristorazione su grande scala per ospedali, aeroporti, mense, alla guida di un gruppo di duemila dipendenti che fattura 130 milioni di euro. L’altro è oste e cuoco (così ama definirsi dopo essere passato dalla «palestra di modestia» del carcere della sua città natale, Palermo, dove era stato rinchiuso per un errore giudiziario) che serve pochi tavoli e cura personalmente la cucina. Insomma, i due poli opposti della ristorazione. Parlano di affari, ma La Mantia intanto si guarda intorno, apprezza gli specchi dorati, le poltroncine di velluto rosa antico, le finiture di ottone, e a un certo punto dice: «Ma qui dobbiamo fare un ristorante!».

Era scattato l’innamoramento per il bar Fernanda e in un attimo sono arrivate le nozze. Da oggi la Pinacoteca di Brera ospiterà il secondo ristorante milanese di La Mantia (l’altro, dove rivisita piatti della tradizione e della storia gastronomica siciliana, è in piazza Risorgimento) e per William Fabbro è il coronamento inaspettato di una stravaganza cominciata con la partecipazione a un bando. «La gara pubblica per la gestione del bar di Brera era per noi inusuale, perché piccola», racconta. «Ho pensato subito di dover chiamare un architetto per valorizzare lo spazio e poi invece della sola caffetteria, come previsto dal bando, abbiamo proposto di attrezzare una cucina, ma volevamo anche per questo qualcosa di particolare. Una nostra collaboratrice conosceva la cooperativa Agrivis e credo sia stata l’idea vincente: la vittoria è infatti arrivata per la qualità della nostra offerta, non per il prezzo. E non è finita. Quando il bar era ormai aperto, mentre parlavo di tutt’un altro progetto con La Mantia, lui è uscito con l’idea di gestire la cucina. È magnifico».

Agrivis è una cooperativa sociale che fa agricoltura biologica nel Parco Sud per l’inserimento al lavoro di persone fragili come richiedenti asilo o con disabilità fisiche e mentali. Gli ordini arrivano via WhatsApp direttamente da Angela Adamo, la chef de cuisine del caffè Fernanda, da anni fedele collaboratrice di La Mantia: ho bisogno di dieci cassette di fragole, poi zucchine, insalata, fagiolini; avete erbette? Il tempo di rispondere e il mattino successivo un furgoncino si presenta per caricare le verdure appena colte: dal campo alla tavola in pieno centro di Milano nel giro di 45 minuti.

Cento posti a sedere (anche nel loggiato esterno), caffetteria e ristorante ad orario continuato dalle 8.30 alle 19.15 e fino alle 22 ogni terzo giovedì del mese. Sapori semplici, rigorosamente senza aglio e cipolla. «È una sfida che abbiamo accettato fuori da ogni logica di guadagno», spiega William Fabbro. «È il nostro esordio assoluto nel segmento difficile della ristorazione medio-alta dove gli stessi grandi chef fanno fatica a tenersi a galla, ma è una sfida che ci appassiona e adesso abbiamo in programma di riprovarci in altri contesti museali». Brera sarà il biglietto da visita.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news