LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ettore [Modigliani] e Fernanda [Wittgens]. Eroi al servizio dell’arte
Alessandro Beretta
Corriere della Sera - Milano 18/6/2019

Una graphic novel firmata Paolo Bacilieri
«Due figure straordinarie di cui i milanesi sanno ancora poco»

Un’allieva e un maestro, insieme per la storia dell’Arte. Una sorta d’amore platonico che ha salvato realmente il patrimonio artistico milanese, durante il fascismo e la Seconda Guerra Mondiale, grazie all’intuito di Fernanda Wittgens (1903-1957), formatasi con Ettore Modigliani (1873-1947). La loro storia, al centro del nuovo graphic novel di Paolo Bacilieri «Ettore e Fernanda» (Coconino Press) — in uscita il 27 giugno — che viene presentato oggi alla Pinacoteca di Brera, li rende a ogni effetto degli eroi della storia dell’arte e della città, ben oltre la carica, che ricoprirono in momenti diversi, di direttore di Brera. Ne abbiamo parlato con l’autore.

Come ha incontrato questa vicenda che attraversa il Novecento e l’amore per l’arte?

«Non la conoscevo e credo sia ignota al 99% dei milanesi. Ringrazio l’entusiasmo di James Bradburne, direttore generale della Pinacoteca di Brera, che me l’ha raccontata. L’ho trovata una storia con molte potenzialità fumettistiche, a partire dal primo flash: una nave in mezzo a una tempesta nell’Atlantico, al largo delle coste francesi, nel dicembre del 1929. Era la “Leonardo Da Vinci” con centinaia di capolavori del Rinascimento italiano, in viaggio per la grande mostra di Londra del ‘30. La Venere del Botticelli in pericolo in mezzo al mare, con Modigliani a bordo: ho iniziato da lì».

Fernanda Wittgens è nota e qui è l’allieva di Modigliani. Di Ettore Modigliani, invece, si conosce ancora poco: perché l’ha colpita?

«È perfetto per il mio “personal club” di eroi sconosciuti, bizzarri, geniali. Un personaggio alla Woody Allen che si è trovato in mezzo a tempeste reali ma anche politiche, radiato nel ’38, colpito dalle leggi razziali, affrontate con ironia e leggerezza. È stato anche un eroe nella difesa del patrimonio artistico. In pochi milanesi lo sanno, ma gli si deve molto: in Brera via dei Fiori Chiari e via dei Fiori Oscuri si chiamano ancora così per merito suo. Si oppose al gerarca fascista che voleva romanizzare i nomi delle vie».

Dalle memorie di Modigliani, da poco edite per Skira, alle lettere della Wittgens, agli articoli dell’epoca e poesie, usa fonti testuali come se fossero colori nelle tavole.

«Mi considero un fumettista senza fantasia e ho bisogno di materia prima. Trovo più efficace, divertente, fantasiosa la realtà di qualunque invenzione da sceneggiatore. Sfrutto le informazioni, più che inventare: c’è la messa in scena, ovvio, ma nell’incipit volutamente dico “È una storia vera, ma sembra impossibile”».

Che rapporto ha con la città come spunto grafico e poetico?

«Mi piace disegnare Milano perché è bellissima e in questo caso ho fatto tanta ricerca iconografica. Mi sono permesso qualche anacronismo, come quando Ettore e Fernanda passeggiano lungo il Naviglio di via San Marco: un omaggio all’opposizione di Modigliani all’interramento dei Navigli. È stata un’avventura renderla dopo i bombardamenti e scoprirne le ferite. Ho bisogno di disegnare le cose per capirle».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news