LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Getty ci restituisca Lisippo. È in gioco la dignità dellItalia
Paolo Conti
Corriere della Sera 19/6/2019

Il ministro Bonisoli: riorganizzo il dicastero ma non toglierò lautonomia ai musei

Ministro Bonisoli, quanti musei perderanno lautonomia? Le voci si rincorrono, oggi cè Consiglio dei ministri...

Leggo da giorni, con imbarazzo, commenti anche autorevoli su ciò che ancora non esiste. La verità è che, entro il 30 giugno, occorre mettere a punto la riorganizzazione del ministero dopo lo spacchettamento del Turismo. Quando sono arrivato ho trovato una situazione ideologizzata pro o contro la riforma Franceschini. Io ho ascoltato tutte le componenti interne ed esterne, inclusi sindacati e associazionismo e ho raccolto preziose indicazioni.

Ma cosa accadrà con la riforma di oggi?

Prima novità. Nasce una struttura ministeriale amministrativa per i contratti. Non per riaccentrare tutto, ma un impegno di decine di milioni di euro richiede una professionalità diversa da quella necessaria per poche migliaia. Decideremo presto sulle soglie di spesa. Seconda novità. I segretariati regionali verranno semplificati e indirizzati verso la contrattualistica. Il nostro ministero non sa spendere anche quando i fondi ci sono: e si perdono risorse preziose.

E lautonomia del Parco dellAppia antica, di Villa Giulia a Roma, delle Gallerie dellAccademia a Firenze?

Tutto questo riguarderà lautunno e non oggi. Ma i musei autonomi non diventeranno fondazioni, resteranno parte del patrimonio dello Stato, i consigli di amministrazione spariranno, sono inutili duplicazioni, mentre andranno rafforzati i comitati scientifici che gli stessi direttori dovrebbero poter scegliere in parte.

Torno alla domanda: addio allautonomia di questi musei?

Io sono il ministro che ha affidato ai direttori il potere di decidere sulle giornate gratuite. Figuriamoci se pianifico la fine dellautonomia. Ma credo che Villa Giulia dovrà essere accorpata a Cerveteri per realizzare un itinerario etrusco completo, che il Polo del Lazio vada diviso tra una realtà romana e una regionale, che lAppia Antica non sia una realtà museale ma un Parco archeologico da mettere in dialogo con quello di Roma... Resta intatta lautonomia scientifica.

E un direttore appena nominato come Simone Quilici allAppia Antica? E Le Gallerie dellAccademia che hanno ottenuto grandi risultati a Firenze?

Ripeto. È tutto ancora da decidere. Preferirei parlare dei trenta dirigenti in più che otterremo in Finanziaria, e certo non a costo zero, per rinforzare la macchina del ministero. Non vedo problemi per il posto di lavoro di chi ha vinto un concorso... E se a Firenze in futuro ci sarà un posto da direttore in meno, fatta salva lautonomia, non cadrà il mondo. Aggiungo un altro tema: la vocazione di soprintendente è diversa da quella di direttore di museo, le competenze sono necessariamente diverse, e questo dovrà essere chiaro. E poi troppo spesso le biblioteche sono state messe in penombra. La splendida Braidense verrà per esempio staccata da Brera e avrà la sua autonomia.

Ci sono, si dice, novità anche per la politica dei prestiti: non saranno più solo i singoli direttori dei musei a decidere ma ci sarà un coordinamento. È così?

Non mi sembra normale che io vada al Louvre e debba chiedere a quel museo quali opere siano in arrivo dai musei italiani... Ne va dellimmagine dellItalia, credo. È persino una questione di buonsenso.

E le restituzioni che lItalia attende da grandi istituzioni museali straniere e da privati?

Sono molto, molto ottimista sul caso del Vaso di Fiori del pittore olandese Jan van Huysum, rubato dai nazisti agli Uffizi nella Seconda Guerra Mondiale e oggi in Germania. Il direttore degli Uffizi, Eike Schmidt, che è tedesco, lo aveva chiesto a gran voce. Siamo in stretto ed ottimo contatto col governo di Berlino. Siamo a un passo, ma proprio a un passo, da unalba radiosa.

E il Lisippo al Getty?

Il Lisippo deve rientrare in Italia. Il Getty Museum ha fatto sapere che ricorrerà alla Corte europea dopo che la Cassazione ha confermato listanza di sequestro del giudice di Pesaro, Giacomo Gasparini. Noi andiamo avanti senza esibizioni muscolari ma con coerenza difendendo la dignità del nostro Paese. Abbiamo anche segnalato altri casi di pezzi non precisamente di chiara origine: il Getty ha dato la sua disponibilità ad approfondimenti. Qui torna il nodo dei prestiti: se il ministro dialoga col Getty sul Lisippo, è bene che un museo non si muova sugli scambi come una realtà autonoma.

Infine il nodo del rapporto con i privati. Vedremo altri grandi matrimoni allestiti a Caserta per fare cassa?

Arriveranno linee guida chiare e uniformi per tutti i musei proprio per evitare eccessi ed eliminare quel caos che spesso si vede in questo campo....



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news