LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. L’Archivio di Stato è al collasso. Prof e ricercatori scrivono a Roma
Antonio Passanese
Corriere Fiorentino 20/6/2019

Poco personale: sala studio a giorni alterni, consultazioni ridotte. «Figuraccia internazionale»

Professori universitari e ricercatori in rivolta: «All’Archivio di Stato c’è una situazione di grave emergenza a causa della mancanza di personale». E così, tutti quei docenti che, per motivi di studio, frequentano l’istituto di viale Giovine Italia, venerdì scorso hanno inviato una lettera-denuncia al ministro della Cultura, Alberto Bonisoli, (e al direttore generale degli Archivi) firmata da settanta intellettuali italiani e stranieri in cui si chiede «di sottoporre ad attenta verifica le decisioni della direttrice Monica Grossi» e di intervenire «con un potenziamento degli organici». Perché, aggiungono i professori e i ricercatori, «stiamo facendo una figuraccia internazionale».

È dallo scorso gennaio che l’Archivio fiorentino, uno dei più grandi e prestigiosi del mondo, ha subito una considerevole contrazione dei servizi: «Si è cominciato con la riduzione del numero dei libri dati in consultazione, che sono passati da 4 a 3 giornalieri — si legge nella lettera — per giungere, con una decisione unilaterale della direzione, anche a una riduzione dell’orario di apertura della sala studio». Che il 10 giugno scorso si è tradotta nel blocco della distribuzione dei testi il martedì e giovedì e in un considerevole allungamento dei tempi di attesa: «Un libro chiesto dopo le 11,30 del lunedì, se va bene lo si può consultare solo dopo le 10,30 del mercoledì». Una situazione, questa, che secondo i settanta firmatari della denuncia «lede gravemente i diritti di docenti, ricercatori e dottorandi, che frequentano l’Archivio per compiere ricerche connesse a precisi impegni lavorativi» nelle scuole e nelle università non solo di Firenze ma di tutto il mondo. Ma soprattutto, viene scritto nella lettera, «danneggia gravemente i colleghi stranieri che approfittano dei mesi estivi per venire a lavorare nell’archivio di Firenze e che, magari, hanno da tempo programmato e prenotato il loro soggiorno in città».

Dal canto suo, la direttrice dell’Archivio di Stato, Monica Grossi, nell’avviso pubblico affisso nell’istituto dice con chiarezza che se fino a qualche giorno fa i servizi hanno funzionato regolarmente è stato solo per la «piena disponibilità dei dipendenti». Ma ora, con «l’aggravarsi dei problemi relativi al personale addetto alla distribuzione dei libri e alla vigilanza siamo costretti a ridurre l’orario di apertura della sala e la quantità di materiale distribuito».

All’Archivio di viale Giovine Italia si prova a gettare acqua sul fuoco della polemica: «La nostra speranza è che le decisioni che abbiamo assunto possano essere provvisorie». Ma i prof, ai ricercatori e ai dottorandi, che hanno sollevato il problema pretendono fatti «e non vane promesse che probabilmente non si realizzeranno mai». Intanto, non è escluso che da Roma possa arrivare un ispettore che verifichi la situazione per poi fare un rapporto al ministro. «Chiediamo solo la possibilità di svolgere le nostre ricerche», concludono i firmatari.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news