LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Galleria Principe, rilancio del Comune: abbiamo un progetto da 10 milioni
Paolo Cuozzo
Corriere del Mezzogiorno - Campania 21/6/2019

Gli assessori Piscopo e Clemente sulla disposizione della calza: È solo una messa in sicurezza Buono: Lente però valuti se è meritevole il progetto Leukos

NAPOLI. Il Comune di Napoli, con qualche giorno di ritardo, si ricorda di annunciare con una nota che nei giorni scorsi, la Galleria Principe di Napoli è stata riaperta alla fruizione di cittadini e turisti, grazie allintervento, coordinato e promosso dal Comune di Napoli, dallassessorato ai Giovani e al Patrimonio in collaborazione con la Soprintendenza di Napoli, con il Servizio Tecnico Patrimonio del Comune e con la Napoli Servizi. Bene. Meglio tardi che mai.

Dunque, la Galleria Principe ha riaperto rivelandosi, certo, in tutta la sua bellezza, ma interamente imbracata da una calza necessaria, chiaro, per la messa in sicurezza. Una decisione che ha immediatamente scatenato la polemica, perché per la Principe, negli anni, sono diverse le idee per un rilancio del monumento che si sono alternate. Mentre il 4 febbraio scorso, il Consorzio Leukos ha depositato al Comune di Napoli un project financing per ristrutturare e rilanciare la Principe, chiamarla Galleria Principe Totò sul genere della Galleria Sordi di Roma, da fare con investimenti privati (8 milioni). Il Comune, però, a quanto pare ha preferito altre strade, intanto partendo dalla sacrosanta messa in sicurezza. Lintervento è consistito nei lavori di messa in sicurezza che hanno riguardato la preliminare spicconatura di tutti gli intonaci e delle cornici e la successiva posa in opera di reti di anticaduta in nylon ad alta tenacità sugli intonaci delle pareti per una spesa finanziata dallamministrazione comunale di circa 60.000 euro, hanno spiegato in una nota gli assessori Clemente e Piscopo. La riapertura della Galleria Principe hanno rimarcato è il primo step di un intervento più complessivo di restauro, che lAmministrazione de Magistris sta portando avanti per un importo di circa 10 milioni di euro nellambito del Contratto Interistituzionale di Sviluppo.

Ed ancora: Si tratta di un intervento strategico che valorizzerà la Galleria quale nuovo polo culturale e delle arti, in connessione con il Museo Archeologico Nazionale, lAccademia di Belle Arti e il Conservatorio di San Pietro a Majella. Ovviamente, in questi casi cè sempre chi si chiede se non fosse il caso di fare un project financing, sfruttando investimenti privati, magari destinando alla collettività i fondi di cui parla il Comune. Ma poco importa. Purché la Galleria si faccia, venga rilanciata e non finisca nellabbandono e degrado in cui era stata ridotta, tutto va bene.

Sul tema anticipato dal Corriere del Mezzogiorno sono intervenuti in tanti: Siamo felici della riapertura della Galleria Principe di Napoli. Da tempo chiedevamo che avvenisse. Ora finalmente la galleria è stata restituita alla città affermano il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Borrelli, e il consigliere comunale del Sole che Ride, Marco Gaudini. Che però puntualizzano: È ovvio che questa soluzione non può non avere carattere momentaneo. Come annunciato dallamministrazione è necessario procedere con una vera e propria riqualificazione che permetta di eliminare le criticità strutturali che interessano la galleria. E bisogna intervenire anche sul decoro del colonnato su cui affaccia lapertura lato piazza Museo. Il colonnato aggiunge invece il rappresentante dei commercianti dellarea, Nando Cirella è preda del degrado durante le ore notturne a causa della presenza di persone che si accampano, espletano i propri bisogni o consumano cibi, proprio di fronte lingresso del Museo archeologico nazionale. Per queste persone vanno trovate soluzioni diverse. Non è accettabile che si permetta a chiunque di ridurre ad un suk unarea che, ogni giorno, è attraversata da migliaia di turisti e napoletani. Mentre Stefano Buono, capogruppo dei Verdi al Comune di Napoli, interviene sul progetto presentato da Leukos. Visto lo stato di predissesto in cui versa il Comune di Napoli ritengo che lamministrazione debba guardare con grande interesse agli investimenti privati, e quindi valutare celermente questa proposta per capire se è meritevole nellinteresse della città.

Insomma, se il Comune di Napoli immagina che in tempi ragionevoli il rilancio della Galleria Principe possa avvenire, bene. Ma se si tratta solo di annunci, come tanti ce ne sono stati finora, allora meglio che si faccia da parte.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news