LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Ferrari 250 GTO è unopera darte
Christian Benna
Corriere della Sera - Torino 22/6/2019

Per la prima volta si tutela il diritto d'autore di unauto
Lo ha deciso il Tribunale di Bologna: È una scultura

La matita del designer Sergio Scaglietti è come il pennello di Paul Gauguin. I motori assemblati da Giotto Bizzarrini valgono quanto lo scalpello di Antonio Canova. A dirlo è il Tribunale di Bologna che ha dato ragione a un reclamo di Ferrari contro i tentativi di imitazione della Ferrari 250GTO, sostenendo che il diritto dautore va tutelato anche a bordo delle vetture. Di fatto la pronuncia dei giudici equipara la fuoriserie Testa Rossa a unopera darte. Come un dipinto di Gauguin, una statua di Canova. E quindi chi le riproduce o reinterpreta il modello a scopi commerciali commette un reato. Come spacciare per autentico un ritratto di Renoir.

Si tratta di una sentenza storica. Perché è la prima volta che unauto viene riconosciuta al di là del marchio, ma come prodotto inimitabile dellingegno dellartista che lha prodotta. Per il Collegio di difensori della casa di Maranello, chiamato a difendere il modello dal tentativo di riproduzione da parte di Ares Design, una società di Modena, la personalizzazione delle linee e degli elementi estetici, hanno fatto della Ferrari 250GTO un unicum nel suo genere, una vera e propria icona automobilistica.

Il suo valore artistico prosegue lordinanza - ha trovato oggettivo e generalizzato riconoscimento in numerosi premi e attestazioni ufficiali, in copiose pubblicazioni e nella riproduzione artistica su monete e sotto forma di sculture, periodicamente esposte nei musei. Il Tribunale di Bologna ha accettate le tesi del Cavallino e ha così emesso unordinanza che mette un freno alle velleità di Ares di sfornare modelli di autovetture che somigliano molto alla Ferrari 250GTO. Secondo il portale dedicato al lusso Robbreport, Ares Design si preparava a far rinascere la Testa Rossa disegnata da Scaglietti. La società modenese aveva in mente di reinterpretare quel modello in almeno 10 vetture, destinate a clienti appassionati quanto facoltosi. Il prezzo di vendita doveva aggirarsi attorno a un milione di euro. Una mossa controversa che ha fatto infuriare i vertici di Ferrari, società del gruppo Fca, che hanno chiamato subito lo studio Orsingher Ortu-Avvocati associati per impegnarsi in una battaglia legale. Anche perché in circolazione ci sono solo 36 modelli originali della 250 GT0, costruiti tra 1962 e 1964. Rarità al pari delle opere darte più preziose. E spesso con prezzi che fanno invidia alle aste di dipinti battuti da Christies e Sothebys. Lanno scorso il Ceo della multinazionale WeatherTech David Neil ha pagato 70 milioni di dollari per parcheggiare sotto casa una Ferrari 250GTO. Si tratta della transazione più alta mai pagata per una vettura depoca. Uno dei record precedenti riguardano ancora la Ferrari 250GTO, venduta nellagosto 2014 per 38,1 milioni di euro. Del resto il mito della Testa Rossa è già da un pezzo unopera darte per gli appassionati di motori. Il numero della cilindrata sta per la cilindrata e GTO per Gran Turismo Omologata. Una sigla non più utilizzata da Marenello fino a metà degli anni ottanta. Una storia tormentata quella della 250 GTO. Giotto Bizzarrini fu licenziato in tronco da Enzo Ferrari nel corso del progetto, per aspre divergenze di vedute. Limpianto del suo lavoro fu portato avanti dal talento del giovane carrozziere (oggi si direbbe designer) Sergio Scaglietti e dallingegnere Mauro Forghieri. La Berlinetta a passo corto andò in produzione dal 1962 al 1964.



news

21-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news