LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Nardella: Ministro, ritiri la riforma
Marzio Fatucchi
Corriere Fiorentino 22/6/2019

Nardella chiede a Roma di aprire un confronto: non ci hanno mai consultato, vogliono riaccentrare il potere
Laltolà del sindaco a Bonisoli: Lautonomia dellAccademia? Mi preoccupa tutto

Sono preoccupatissimo. Il ministro Alberto Bonisoli ritiri il decreto che toglie lautonomia alla Galleria dellAccademia. La riforma del ministero dei Beni culturali, voluta da Bonisoli, porta il sindaco di Firenze Dario Nardella a chiedere al ministro di fermarsi e di andare ad un confronto soprattutto con le città darte come Firenze, ma anche con sindacati, categorie e società civile.

Il futuro della Galleria dellAccademia rende il sindaco Dario Nardella preoccupatissimo. Ed ora da Palazzo Vecchio parte un appello al ministro Alberto Bonisoli: fermi le macchine, confrontiamoci. È la prima risposta del sindaco Nardella allapprovazione del decreto del Consiglio dei ministri che cancella lautonomia per la Galleria dellAccademia (e riorganizza tutto il ministero, compreso il settore museale con un vero e proprio colpo di spugna alla riforma Franceschini). Cioè un invito diretto al proponente, al ministro Bonisoli, a ritirare quel testo e confrontarsi daccapo con tutti, sindaci delle città darte comprese, ovviamente interessati per il rapporto fondamentale con queste istituzioni culturali.

Sono preoccupatissimo, non solo per la galleria dellAccademia ma per lo schema di una riforma che è pasticciata, superficiale, poco condivisa ha affermato il sindaco Dario Nardella ieri, dopo che le scelte del ministro sulle Gallerie dellAccademia sono state anticipate dal Corriere Fiorentino Faccio un invito al ministro Bonisoli come sindaco di una delle città più rilevanti nel campo del patrimonio culturale e statale: caro ministro ritiri il suo decreto, riapra un confronto vero non solo con il mondo del lavoro nei musei ma anche con gli amministratori locali, i presidenti di Regione, le istituzioni, la cittadinanza e la società civile, perché penso che per la riforma di un ministero si debbano ascoltare tutte le voci e prendere in esame tutti gli aspetti.

Secondo Nardella, infatti, ci sono troppe criticità nel testo approvato dal Consiglio dei ministri mercoledì notte. A me questa riforma non convince minimamente ha aggiunto Nardella . Appesantisce la burocrazia statale, riaccentra molte funzioni, cancella le cose buone che erano emerse nelle riforme precedenti, mette a rischio il rapporto fra le amministrazioni locali ed i musei autonomi, ed indebolisce nel complesso il sistema sul territorio. Francamente non me la sarei mai aspettata, e mi dispiace molto che il ministro non abbia trovato il tempo di parlare almeno con i sindaci delle città darte più importanti dItalia.

Non si trovano commenti positivi, ad oggi, sulla riforma, se non la nota dello stesso ministro in cui assicurava di aver avuto un percorso condiviso.

Gli attacchi invece arrivano da tutta lopposizione, a partire da Forza Italia e Fratelli dItalia, e ovviamente anche dal Pd. Ma quello che stupisce è il silenzio di Lega e M5S su una scelta così strategica presa dal ministro Bonisoli (considerato vicino ai pentastellati).

Ad attaccare il testo partorito dopo mesi di polemiche sulle caratteristiche accentatrici e di burocratizzazione (anche dalla stampa specializzata, per esempio Art Tribune ) è anche la deputata dem, fiorentina, Rosa Maria Di Giorgi.

Abolire lautonomia delle istituzioni museali comporterà inevitabilmente la fine della libertà di movimento dei direttori che, proprio grazie alla possibilità di impegnare localmente gli introiti, erano stati incentivati a promuovere iniziative culturali, di promozione e formazione nei territori, ottenendo, come nel caso della Galleria dellAccademia a Firenze, ottimi risultati in termini di numero di visitatori e di innovazione culturale. Secondo Di Giorgi, laccentramento delle risorse presso il ministero, attraverso il controllo e la gestione diretta dei bilanci, non viene fatta per migliorare lorganizzazione complessiva del comparto beni culturali. Tuttaltro: alla base ci sono mere esigenze di cassa, anche perché a Salvini e Di Maio la cultura non interessa affatto. Come insegnano, tra le altre cose, limpoverimento del fondo di finanziamento per i beni e le istituzioni culturali, labolizione del Bonus cultura per i giovani (che non sarà rifinanziato) e la fine delle domeniche gratuite nei ai musei.

Un attacco che dalla riforma poi passa al ministro: Bonisoli sta distruggendo passo dopo passo ciò che il governo precedente aveva fatto con il ministro Franceschini, il quale aveva proposto una nuova idea di fruizione, salvaguardia e promozione dei beni culturali. Il tutto senza produrre nessuna nuova idea, se non lo smantellamento pervicace di quanto realizzato finora.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news