LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pisogne. Quel Romanino riaffiorato: storia di un miracolo
Eletta Flocchini
Corriere della Sera - Brescia 23/6/2019

Lemozione per il Romanino ritrovato è ancora nellaria. Sono passati alcuni giorni dallinaugurazione dei restauri nella chiesetta di San Nicola e tutta Pisogne, con la Fondazione della Casa di riposo, la Soprintendenza, il sindaco e la restauratrice, è in fibrillazione per questo ritrovamento di valore inestimabile che non ci aspettavamo. Di certo la comparsa inattesa di un affresco dipinto da Romanino un Annunciazione, separata da un arco con larcangelo Gabriele da un lato e Maria Vergine dallaltro, che poi è stato murato riconferma la cittadina lacustre quale luogo elettivo del grande artista rinascimentale, chiamato a Pisogne da una committenza civica, la Vicinia, decisamente illuminata in fatto di sensibilità artistica. I restauri della chiesetta, o più precisamente dellantica cappella dei Frati Agostiniani inserita nel complesso di Santa Maria della Neve e attualmente di proprietà della Fondazione Rsa Santa Maria della Neve, erano cominciati un anno e mezzo fa a causa di alcune infiltrazioni dacqua.

Come supervisore è intervenuto Vincenzo Gheroldi, funzionario della Soprintendenza, che aveva già ipotizzato un originario collegamento nel Cinquecento fra la cappella agostiniana con lultima campata del portico sud di Santa Maria della Neve, intuendo che potesse essere stata affrescata da Girolamo Romanino. E le previsioni non sono state disattese. Nel corso dei lavori il Romanino è riapparso, con grande sorpresa di Delfina Clerici, presidente della Fondazione e della restauratrice Elena Celeri. Ai lati dellaltare con lancona in stucco e le sue tre nicchie posizionata dagli Agostiniani nel Seicento, ecco far capolino lAnnunciazione perduta. Mentre eseguivo lintervento di pulitura e consolidamento degli stucchi e dellintonaco alle pareti spiega Celeri sono riemersi gli affreschi di Romanino. Larco sul quale vennero dipinti era stato chiuso dagli Agostiniani, così come avevano ricoperto laffresco. Ai miei occhi sono apparsi langelo e la Vergine. Sopra lancona è ritratto Dio Padre, ma purtroppo al visitatore non è visibile perché resta oscurato dal grande stemma scolpito sulla sommità. Coinvolto in tutta loperazione di restauro e recupero (per un costo di 130 mila euro a carico della Fondazione) anche il Comune, proprietario degli strappi di Romanino provenienti proprio da questa chiesa: Nella nostra sala consiliare - spiega il sindaco Diego Invernici erano esposti da anni sei affreschi di Romanino che appartenevano a questo complesso. Così abbiamo firmato una convenzione con la Fondazione dandole in concessione per ventanni gli strappi, in modo da riunirli con gli affreschi ritrovati e completare il ciclo originario. Nella chiesetta, oltre allAnnunciazione, ora sono esposti anche gli affreschi con due santi, San Sebastiano e un santo non identificato, tre angeli e un gruppo di figure.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news