LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dolomiti, in 10 anni il marchio Unesco ha moltiplicato turisti e grandi eventi
Moreno Gioli - Katia Tafner
Corriere del Veneto 27/6/2019

Festa in piazza e tempo di bilanci. Da Bolzano Kompatscher avvisa: «Non rinuncio a chiudere i passi»

CORTINA D’AMPEZZO. La piazza di Cortina ancora in festa, questa volta per i dieci anni del riconoscimento delle Dolomiti come patrimonio dell’umanità. Sono passati solo due giorni dall’assegnazione delle Olimpiadi 2026 a Milano-Cortina e l’eco della vittoria accompagna ancora tutti i discorsi di palco anche perché le due cose sono legate. Per tutti è la bellezza del territorio la carta vincente per chi lo vive.

Lo aveva detto l’altro ieri il governatore Zaia, ci è tornato il sindaco Gianpietro Ghedina: «Per andare lontano bisogna saper fare squadra e continuare a far crescere una cultura nei confronti dell’ambiente che ci ospita, con le nostre montagne che sono realmente tra le più belle del mondo, valore imprescindibile per lo sviluppo del turismo». «Con i suoi nove sistemi montuosi, 142mila ettari divisi tra cinque province la chiave di volta è proprio raggiungere la piena e condivisa gestione del patrimonio. Tutelare e valorizzare in nome della sostenibilità è la nostra mission» ha ricordato Graziano Pizzimenti, Presidente della Fondazione Dolomiti Unesco. «Un riconoscimento che va celebrato con orgoglio poiché - dice Vannia Gava, Sottosegretario all’Ambiente e presidente del comitato celebrazioni del decennale Unesco – ci ha permesso di consolidare il senso di appartenenza ad un territorio straordinario».

Per Arno Kompatscher, presidente della Provincia autonoma di Bolzano «Servono scelte coraggiose. Lavorerò per creare le basi di una normativa solida, per la chiusura dei principali passi delle Dolomiti ai mezzi a motore, per fasce orarie, nelle ore centrali della giornata, durante il periodo clou della stagione estiva, proponendo un’alternativa, magari in collaborazione con servizi pubblici a idrogeno o a trazione elettrica». Il ministro dell’Ambiente Sergio Costa, dal canto suo, ha evidenziato l’importanza di rafforzare l’alleanza tra istituzioni e territorio per preservare il patrimonio mentre Marcella Morandini, Direttore Fondazione Dolomiti, ha ricordato gli oltre 140 eventi previsti per le celebrazioni in estate.

Del resto sono i numeri relativi alle presenze turistiche a certificare la forza planetaria del brand Dolomiti Unesco. In dieci anni - ha detto nei giorni scorsi la stessa Morandini - i turisti sono aumentati in media del 10 per cento, con punte che sfiorano il 90 in alcune aree. Merito di un marchio che funziona soprattutto all’estero, come rileva Giuliano Vantaggi, direttore della Dmo Dolomiti, l’organismo che cura la promozione turistica della provincia di Belluno: «Ai mercati storicamente più forti, Austria, Germania e Svizzera, il marchio Unesco ha affiancato un numero sempre maggiore di appassionati dei paesi di cultura anglosassone». Una crescita che si misura soprattutto nella stagione estiva, puntualizza Walter De Cassan, presidente di Federalberghi Belluno: «Sapevamo che ci sarebbero voluti alcuni anni per vedere i primi risultati. Oggi stiamo raccogliendo i frutti soprattutto nell’escursionismo estivo, grazie anche al lavoro della Fondazione». Un organismo che però ha pensato più a fare marketing che conservazione del territorio. Questa l’accusa lanciata dagli ambientalisti di Mountain Wilderness con lo storico portavoce Luigi Casanova, che parla di «incoerenza»: «Per noi la coerenza è fondamentale e non ne vediamo negli atti concreti né della Fondazione, né tantomeno della politica. Dalla Fondazione, in particolare, ci saremmo aspettati un progetto di tutela dei passi dolomitici, ancora oggi presi d’assalto da auto che parcheggiano ovunque, senza ordine né decoro».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news