LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nardella: si sospenda la riforma. E il caso arriva in Parlamento
M.F.
Corriere Fiorentino 27/6/2019

Interrogazione di Di Giorgi. Anche la sottosegretaria leghista attacca: nessuna condivisione

Dopo lannuncio dellaccorpamento Accademia-Uffizi, sulla controriforma Bonisoli rotola una specie di frana. Parte il sindaco di Firenze Dario Nardella che annuncia una lettera, da coordinatore dei sindaci della Città metropolitane di tutta Italia: chiede di sospendere liter del decreto per aprire un confronto con lui ed i suoi colleghi. La leggerò, glissa il ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli, ieri a Firenze. Passano solo poche ore, però, che Bonisoli è costretto a leggere le dichiarazioni della sottosegretaria ai Beni culturali Lucia Borgonzoni (Lega) che chiede una revisione della riforma. Dal Pd riparte lattacco al ministro vicino al M5S: La Lega commissaria Bonisoli.

La deputata fiorentina Rosa Maria Di Giorgi presenta uninterrogazione parlamentare a Bonisoli. Chiede quali siano i criteri e i parametri utilizzati per lavvio del processo di declassamento della Galleria dellAccademia di Firenze e se il ministro voglia avviare un confronto con il settore e in che modo intenda garantire i lavori di ristrutturazione dellAccademia. Ma è tutto il Pd nazionale dopo giorni di silenzio sulla controriforma che cancella la riforma di Franceschini, tranne i parlamentari locali a partire ora lancia in resta: la cancellazione dellautonomia per lAccademia di Firenze, si legge in una nota del partito, è una scelta incomprensibile, schizofrenica, dettata solo dalla volontà di aumentare qualche direttore al Collegio romano. Quella del ministro Bonisoli si conferma una riforma sbagliata e centralista che mina lautonomia anche scientifica dei musei italiani. Dopo il fuoco dellopposizione, come detto, arriva quello dallinterno del governo. Bisogna sedersi e rivedere tutto il testo, ascoltando tutte le realtà interessate. Cioè Regioni, Comuni, sindacati: tutti gli interessati scrive la sottosegretaria ai Beni culturali Borgonzoni È un testo che non è stato condiviso con nessuno. Lesponente leghista fa proprie tutte le critiche arrivate da tecnici, dal sindaco Nardella come da esponenti di Pd e FdI: Le maggiori criticità continua Borgonzoni sono connesse ad una linea di azione che torna a centralizzare prerogative e competenze oggi affidate alle istituzioni sul territorio e che vuole aggregate in maniera verticale prerogative e competenze che oggi sono distribuite nel Ministero in una forma certamente da rivedere, ma al contempo più equilibrata rispetto alla proposta attuale. Alla luce di questa contrarietà generale, faccio appello perché entrambi i testi (il decreto approvato in Consiglio dei ministri e il testo del Disegno di legge delega del Codice dei beni culturali ndr) vengano riconsiderati attraverso un ampio confronto che possa permettere alle parti in causa di arrivare ad una soluzione maggiormente condivisa. Che la Lega stesse per entrare in campo, sul tema della riforma, si era capito dalla visita del sottosegretario allInterno Stefano Candiani agli Uffizi, con una sorta di endorsement nei confronti del direttore Eike Schmidt. Ma che un sottosegretario dello stesso dicastero colpisca a freddo, fa arrabbiare il Movimento 5 Stelle: Stupisce la posizione della Lega sul decreto di riorganizzazione del ministero, approvato la scorsa settimana in Consiglio dei ministri scrivono i Cinque Stelle anche alla luce del fatto che questa posizione arriva successivamente alla decisione collegiale presa in Consiglio dei Ministri. Ma quale assenza di concertazione? Cè stata eccome. La riorganizzazione del ministero è frutto di un lungo percorso durato mesi e di un confronto con tutti i soggetti coinvolti. Non solo: Martedì scorso prosegue la nota del Movimento 5 Stelle a seguito di un incontro con il ministro Bonisoli, la Conferenza Stato-Regioni ha dato lok alla creazione di una cabina di regia composta da Governo, Regioni, Anci e Upi che si occuperà di seguire liter parlamentare e tutti i decreti attuativi della legge delega sui beni culturali e sullo spettacolo dal vivo. Un caso, lo scontro. Un caos politico, un cortocircuito, quello tra Lega e Cinque Stelle. Del quale approfittano sia il sindaco Dario Nardella che il deputato di Civica popolare Gabriele Toccafondi. Ogni giorno il ministro ne inventa una. Non si possono usare i musei del nostro Paese come se fossero i Lego. Torno a chiedere che ci sia un confronto reale con i sindaci delle grandi città, a cominciare da quelle darte dice il sindaco. Costituire un polo unico fra Uffizi e Accademia, mettendo insieme due musei che attraggono oltre 4 milioni di turisti ogni anno non ha senso. È solo una mania elefantiaca che svilisce le peculiarità delle due offerte culturali e le consegna alla indistinta gestione accentrata di un Capo Unico che ne svuoterà autonomia e caratteristiche attacca Toccafondi.



news

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

22-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news