LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Spezia, il palazzo medievale che rischia la demolizione
di Marco Ferrari
04 giugno 2019 LA REPUBBLICA



Si può demolire un edificio medioevale nel secolo duemila? Sembra di sì. Il tutto non avviene in paesi martoriati come la Siria o l'Iraq ma in Liguria, precisamente nel centro storico della Spezia. L'edificio in questione, il cui valore storico è rimarcato anche da un segnale turistico del Comune, faceva parte di un'antica schiera medievale, trasformata in palazzo nel 1600, appartenente al " magnifico Carlo Biassa", uno dei nuclei famigliari più importanti della città allora racchiusa nelle sue mura medioevali, prima dell'espansione ottocentesca dovuta alla nascita dell'Arsenale Militare. Dall'annuncio della demolizione da parte di privati che lo hanno di recente acquistato, è nato un contenzioso che vede al centro la Soprintendenza archeologica della Liguria, incapace di difendere un patrimonio storico, sebbene le sue condizioni siano disastrose. Un appello è stato firmato da un gruppo di cittadini guidati dall'editrice Irene Giacché che ha lanciato l'allarme sulla perdita del manufatto di sei piani: Rivolgiamo un appello affinché l'edificio di origine medievale di via Biassa n. 93 non venga demolito o ne vengano almeno preservate le evidenti testimonianze di epoca medievale . Peraltro nel Puc comunale il palazzo è classificato come " edificio di valore storico e documentario" ed è uno dei pochi rimasti del nucleo più antico del centro storico, a due passi dalla vecchia cattedrale di Santa Maria, là dove esisteva pure il palazzo comunale, distrutto dai bombardamenti della seconda guerra mondiale e prima ancora la Curia e la Loggia. La Contrada Biassa era, come si evince dalla trascrizione della Caratata del 1646, una delle zone più antiche e di pregio della città. Oramai imbavagliato da diversi ponteggi, del palazzo si possono notare i resti di un portale, alcune pietre ben squadrate con feritoia di epoca medievale, oltre a un arco in mattoni. Si può tentare di salvare il palazzo oppure è da demolire? Il Comune fa sapere che il palazzo di via Biassa è al vaglio della Soprintendenza, che dovrà eventualmente emettere prescrizioni per la parte architettonica . Il 6 settembre 2013 la direzione regionale dei beni culturali e architettonici, attraverso la Soprintendenza per i beni archeologici, aveva autorizzato l'intervento di ricostruzione sottolineando che non erano stati posti vincoli archeologici. Toccherà quindi ai privati tener conto delle indicazioni che eventualmente verranno dalla Soprintendenza ligure per tutelare e preservare quanto ritenuto opportuno dal punto di vista storico. Il manufatto di Via Biassa, adiacente a un'altra emergenza del centro storico, quel palazzo della famiglia De Nobili impraticabile da decenni e chiuso con un catenaccio, porta poi ad una zona dove ancora si trova un tratto delle mura medioevali, una bellezza nascosta che potrebbe diventare una forte attrazione turistica.

I proprietari hanno già ottenuto la convenzione approvata nei giorni scorsi dalla giunta comunaleper la demolizione del fabbricato esistente e la ricostruzione, senza incremento volumetrico, dell'edificio disposto su sei piani e un livello sottotetto a funzione residenziale, per un volume di 1.563,39 metri cubi senza il possibile incrementostabilito dal Piano casa della Regione. Se la proprietà è privata la vicenda è certamente pubblica e rimanda alla frettolosa ricostruzione della città che durante la seconda guerra mondiale ha visto il suo centro storico distrutto ( un terzo degli edifici danneggiati) e la perdita di segni identitari come il Palazzo Comunale, Palazzo Doria e il Convento delle Clarisse. Ora c'è quell'ultimo traballante palazzo seicentesco che mantiene in vita una memoria offesa.





news

22-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news