LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino, restituiti all'Archivio Stato documenti storici rubati in giro per l'Italia
LA REPUBBLICA 28 giugno 2019 - TORINO



L'operazione dei carabinieri dopo una serie di lunghe indagini partite da un collezionista di bari. Il materiale ha un valore di 60mila euro

Sono stati recuperati dai carabinieri tutela patrimonio culturale di Torino oltre 600 documenti storici rubati dagli Archivi di Stato di Como, Roma e Pordenone e da numerose altre soprintendenze italiane. L'operazione è stata porta a termine con la collaborazione di funzionari della soprintendenza archivistica e bibliografica del Piemonte e della Valle d'Aosta. In tutto sono stati sequestrati 592 documenti storici e 30 manifesti pubblici, risultati parte del demanio culturale nazionale.

L'indagine era iniziata nell'agosto del 2011 a seguito della denuncia della direttrice dell' Archivio di Stato di Como, che aveva riscontrato che alcuni documenti pubblici messi in vendita su e-bay da un noto commerciante filatelico della provincia di Torino, sarebbero dovuti appartenere all'Archivio di Stato.

La segnalazione della direttrice aveva attivato le indagini dei carabinieri, coordinati dalla procura, che hanno scoperto che i documenti dell'Archivio di Stato di Como erano stati consultati e poi sottratti, nell'arco di oltre un decennio tra gli anni '80 e '90, da un collezionista filatelico pugliese che li aveva custoditi nel suo archivio domestico fino alla morte avvenuta nel 2004. Posti in vendita dagli eredi inconsapevoli della provenienza illecita, i documenti storici erano stati acquistati da un commerciante di Bari che li aveva poi rivenduti all'antiquario del torinese. Le successive perquisizioni hanno poi consentito di scoprire che i materiali erano solo una parte di un immenso archivio segreto costituito da oltre 6mila documenti, di varia provenienza e natura, variamente conservati e catalogati.

Secondo quanto emerso dalle analisi, nell'archivio privato erano presenti 592 documenti pubblici e i 30 manifesti nazionali variamente provenienti dagli Archivi di Stato di Como, Roma e Pordenone, nonché dai territori di competenza delle soprintendenze archivistiche e bibliografiche del Piemonte e Valle d'Aosta, del Veneto e Trentino, del Friuli Venezia Giulia, della Lombardia, dell'Emilia Romagna, dell'Umbria e Marche, dell'Abruzzo e Molise, della Campania, del Lazio e della Sicilia. Il valore economico complessivo dei documenti rubati con modalità ignote in un periodo compreso tra il 1983 e il 2000, oltre quello importantissimo storico e culturale, è stato stimato superiore, scrivono i militari, ai 60mila euro. I materiali sono stati restituiti alla dirigente della soprintendenza archivistica e bibliografica del Piemonte e Valle d'Aosta, Annalisa Rossi



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news