LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La tecnologia all’avanguardia fa grande l’archeologia moderna
di Tom's Hardware
IL FATTO QUOTIDIANO, 1 Luglio 2019



Lidar, droni, radar, magnetometri e altro stanno cambiando il modo in cui gli archeologi trovano e analizzano i reperti. Si possono individuare con esattezza posizione, dimensione e materiale dei reperti senza scavare, o tracciare schemi dei flussi migratori senza condurre analisi invasive sui corpi sepolti.



Un tempo gli archeologi che scavavano antiche rovine si basavano per lo più su documenti storici e fotografie aeree. Negli ultimi 15 anni droni, lidar, radar, magnetometri, tecnologie 3D e altro hanno cambiato radicalmente il modo di cercare reperti archeologici. Per rendere l’idea, a febbraio del 2018 fu scoperta una vasta megalopoli maya nel nord del Guatemala, impiegando un aereo a bassa quota equipaggiato con una telecamera lidar, come quelle montate sui prototipi di auto a guida autonoma. Fu grazie a questo strumento che fu possibile “vedere” attraverso la densa vegetazione della giungla e localizzare 61.000 strutture antiche sepolte in profondità nel terreno, ricreandole poi in un ambiente 3D virtuale. Non ci fu bisogno di scavare, rischiando di rovinare i reperti (che resteranno dove sono), non servirono centinaia di persone e anni di lavoro.


L’archeologo Neal Spencer del British Museum spiega che “è difficile immaginare oggi l’archeologia senza tecnologia, ha cambiato il nostro modo di guardare”. A suo avviso la svolta fu costituita dai droni: invece di allestire spedizioni su larga scala e tracciare manualmente i siti un centimetro dopo l’altro, Spencer ora invia in ricognizione fotocamere e altri strumenti “volanti” e crea un modello digitale tridimensionale dell’area di studio sul suo notebook. Nel modello si vedono resti di muri e di pozzi sepolti, i confini dei centri abitati, e altre informazioni importanti. Bastano poche ore.
Sito archeologico ripreso dall’alto con un drone. Foto: Depositphotos



Advertisement

Grazie poi a tecnologie di telerilevamento come radar e magnetometri si può letteralmente vedere in profondità sotto terra, e ricostruire le immagini delle antiche strutture sepolte. Anche una comune fotocamera reflex può essere adattata scambiando il suo sensore con uno sensibile all’infrarosso (una modifica che costa 60-70 euro), per mettere in risalto il pigmento rivelatore a base di rame che è noto come “blu egiziano” ed è invisibile a occhio nudo. Si possono così vedere le iscrizioni a lungo rimaste nascoste.

Non finisce qui, perché traendo spunto dalle innovazioni ideate per le ricche industrie petrolifere e per la medicina, gli archeologi hanno individuato oggetti avvolti nei bendaggi delle mummie tramite tomografie computerizzate (così da lasciare intatta la mummia). Oppure di distinguere una cucina da una stalla individuando tracce antiche di schizzi d’acqua sul pavimento mediante una tecnica nota come micromorfologia, che esamina campioni di terreno sotto a una luce polarizzata. Al riguardo Spencer spiega che quello che sembra un “un pavimento di fango, quando lo analizzi fa vedere decine di eventi” e permette di capire “com’è stato effettivamente utilizzato lo spazio”.


Particolarmente entusiasmante è poi un’altra tecnica chiamata analisi isotopica di stronzio. Una tecnica idealmente simile alla datazione al carbonio di materiali organici, che si effettua esaminando l’accumulo di stronzio nei resti umani o animali (in particolare nei denti) e che agli archeologi usano per tracciare schemi migratori. Ad esempio, se un gruppo di corpi sepolti in un cimitero ha una firma di stronzio marcatamente diversa da quella dei resti vicini, è possibile che si trattasse di estranei alla comunità.

Tutte le tecniche basate sulla tecnologia hanno il vantaggio di non essere invasive, quindi di permettere agli studiosi di capire il passato senza distruggere i reperti. L’esatto contrario di quanto si faceva nell’antichità, quando non si sapeva che cosa si sarebbe scoperto scavando e qual era la posizione esatta dei reperti, che venivano spesso danneggiati.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news