LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le Accademie di Belle arti sono un crocevia di cultura. Altro che università di serie B
Maurizio Di Fazio
IL FATTO QUOTIDIANO, 1 Luglio 2019


Ci sono luoghi di insegnamento raro, piccoli, grandi patrimoni darte e cultura che schiudono tutto un universo fluido di conoscenza e tecnica. Direttamente spendibili nel mercato del lavoro, inoltre, il che certo non guasta. Parlo delle Accademie di Belle Arti, a lungo relegate nel limbo delle università di serie B, finalmente emancipatesi da questo stereotipo bugiardo. Anche formalmente offrono oggi titoli di studio equivalenti alla laurea di primo e secondo livello. Sono contesti dinamici, a misura duomo, dove il ragazzo viene seguito da vicino, ma senza ansie da prestazione o principi dautorità fuori tempo massimo. Formano persone creative, ma non trasmigrate in iperuranio. Cè sempre più bisogno di loro in questItalia conformista e grigia.

Sono stato di recente in una delle più prestigiose tra le Accademie di Belle arti italiane. Quella di Macerata, istituita nel dicembre del 1972 con un decreto dellallora presidente della Repubblica Giovanni Leone. Sono rimasto stupito dallenergia esistenziale e artistica che promana da questo posto. Dal patto sincero tra generazioni che la anima. Dalla simpatia e dallirrituale modestia del corpo insegnante, dalla gioia e dalla serenità negli occhi dei ventenni che lo frequentano (ma ci sono anche over 50, 60 e 70 tra gli iscritti), da questa fermentazione quotidiana di idee e concretezza, che trova alla fine sfogo nel cielo della cultura artistica largamente intesa. E il viaggio formativo vale da solo il costo del biglietto, cosparso come sarà stato di giornate mai banali o uguali a se stesse.
PUBBLICITÀ

LAccademia di Belle arti di Macerata è un crocevia di ragazze e ragazzi coloratissimi, anche se si vestono di nero, difficilmente distinguibili dai loro professori. In questa struttura hanno insegnato artisti e personaggi anticonformisti come Remo Brindisi, Luciano Gregoretti e Antonello Falqui, per fermarci ad alcuni tra i più famosi; e pure i docenti di oggi, dal rettore Rossella Ghezzi a Luigi Pagliarini, da Antonello Tolve a Maria Letizia Paiato (e tutti gli altri), stupiscono per vivacità intellettuale e brillantezza umana. Si frequentano fuori dallaula, e tutto fa aula e comunità in questaccademia, anche un bar in piazza o una trattoria alla sera. Fanno vita collettiva. Non cè apartheid di sorta con gli studenti, che quando escono da queste mura girevoli diventano artisti, scenografi, designer, pubblicitari, fotografi, comunicatori, restauratori, scultori, affabulatori, fumettari, a loro volta insegnanti. Oppure sono assorbiti dallindustria che gravita intorno al locale, universale, straordinario Sferisterio.

Accanto agli insegnamenti artistici di lunga tradizione, come pittura, scultura, decorazione, grafica darte e scenografia, lAccademia punta sui percorsi formativi per i nuovi professionisti dellarte, della multimedialità e del design. E spicca il dipartimento di illustrazione e fumetto, che vede in cattedra fumettisti e illustratori di livello internazionale. Inesauribile la produzione di mostre, spettacoli, convegni, workshop, festival, laboratori: lAccademia di Belle arti restituisce molto al territorio su cui insiste. Concorre davvero alla tutela e alla valorizzazione dei beni artistici, storici e culturali. E da queste parti gli scambi Erasmus marciano a pieno regime: sono ben 56 le università europee partner.

Dislocata in varie sedi, si apre a ventaglio sulle salite e sulle discese di questa città medievale. Comè la vita. Labbraccia e se ne fa avvincere, nel segno e nel sogno dellarte.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news