LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Londra, Christie's. Il mistero del faraone
Luigi Ippolito
Corriere della Sera 3/7/2019

Sulla testa del Faraone e sul suo misterioso passato si è accesa una disputa fra inglesi ed egiziani, che riporta in primo piano la questione della provenienza delle opere darte in circolazione sul mercato.

Domani andrà allasta da Christies, a Londra, un preziosissimo busto in quarzo di Tutankhamon, valutato quattro milioni di sterline (quasi cinque milioni di euro): ma allultimo momento è intervenuto il governo del Cairo, che sostiene che la statua sia stata trafugata dal tempio di Karnak in Egitto. E dunque ha chiesto di bloccarne la vendita.

Christies afferma che la testa del Faraone era stata acquistata nel 1985 da un mercante darte tedesco, Heinz Herzer; precedentemente era stata nelle mani di un altro mercante, laustriaco Joseph Messina, che lavrebbe acquisita fra il 1973 e il 1974 dal principe Wilhelm von Thurn und Taxis. Nella cui collezione pare la statua si trovava fin dagli anni Sessanta.

Ma qui le cose si complicano. Perché gli eredi del principe negano di averne mai saputo qualcosa: il figlio Viktor sostiene che sia improbabile che suo padre, che non era particolarmente ricco, fosse in possesso di unopera darte così preziosa. E la nipote Daria aggiunge addirittura che suo zio non aveva particolare interesse per le opere darte o gli oggetti antichi. Non si spiegherebbe inoltre come mai il principe Wilhelm avesse continuato a condurre una vita modesta dopo aver venduto un oggetto di tale valore.

La testa in quarzo, alta 28 centimetri, è vecchia di tremila anni: rappresenta il dio Amen, ma i suoi tratti sono senza dubbio quelli del faraone Tutankhamon, il più celebre sovrano dellantico Egitto, che regnò fra il 1333 e il 1323 avanti Cristo e la cui tomba venne ritrovata intatta nel 1922 nella Valle dei Re.

Proprietari

Lopera sarebbe stata venduta nel 1973-74 dal principe Wilhelm von Thurn und Taxis

Tutankhamon salì al trono giovanissimo, alletà di appena nove anni, ma il suo breve regno è considerato unetà delloro non solo in termini di influenza culturale ma anche per lincomparabile bellezza dellarte prodotta. E un esempio è proprio questa statua, che riproduce in maniera estremamente naturale le fattezze del giovane sovrano. E rappresentazioni simili del dio Amen con i tratti del Faraone erano state scolpite per il tempio di Karnak, nellodierna Luxor.

È lì che questa scultura è stata rubata, sostiene lex ministro egiziano delle antichità, Zahi Hawass. Non credo - ha aggiunto - che Christies abbia le carte per dimostrare che abbia lasciato lEgitto legalmente. È impossibile: Christies non ha modo di provarlo e per questo andrebbe restituita allEgitto. Ed è sulla base di queste convinzioni che Mostafa Waziri, capo del consiglio supremo egiziano per le antichità, ha cercato di bloccare lasta.

Ma Christies non vuole sentire ragioni e tira dritto per la sua strada. Gli oggetti antichi, per loro natura, non possono essere tracciati nel corso dei millenni ha spiegato Alexandra Deyzac , la communications manager della casa daste londinese . È di enorme importanza stabilire la proprietà recente e il diritto legale alla vendita: cose che noi chiaramente abbiamo fatto. Non offriremmo in vendita alcun oggetto rispetto al quale ci fossero preoccupazioni sulla proprietà. Questopera è stata ampiamente mostrata in pubblico e abbiamo avvertito lambasciata egiziana, che era al corrente dellasta.

Christies ribadisce la versione secondo cui la statua faceva parte della collezione Thurn und Taxis a Vienna negli anni Sessanta: e promette di continuare le ricerche sulla sua precedente provenienza come parte del nostro costante impegno a fornire un background il più ampio possibile. Ma domani probabilmente la testa del Faraone sparirà di nuovo fra le mani di qualche anonimo acquirente: e il mistero resterà insoluto.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news