LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Londra, Christie's. Il mistero del faraone
Luigi Ippolito
Corriere della Sera 3/7/2019

Sulla testa del Faraone — e sul suo misterioso passato — si è accesa una disputa fra inglesi ed egiziani, che riporta in primo piano la questione della provenienza delle opere d’arte in circolazione sul mercato.

Domani andrà all’asta da Christie’s, a Londra, un preziosissimo busto in quarzo di Tutankhamon, valutato quattro milioni di sterline (quasi cinque milioni di euro): ma all’ultimo momento è intervenuto il governo del Cairo, che sostiene che la statua sia stata trafugata dal tempio di Karnak in Egitto. E dunque ha chiesto di bloccarne la vendita.

Christie’s afferma che la testa del Faraone era stata acquistata nel 1985 da un mercante d’arte tedesco, Heinz Herzer; precedentemente era stata nelle mani di un altro mercante, l’austriaco Joseph Messina, che l’avrebbe acquisita fra il 1973 e il 1974 dal principe Wilhelm von Thurn und Taxis. Nella cui collezione — pare — la statua si trovava fin dagli anni Sessanta.

Ma qui le cose si complicano. Perché gli eredi del principe negano di averne mai saputo qualcosa: il figlio Viktor sostiene che sia improbabile che suo padre, che non era particolarmente ricco, fosse in possesso di un’opera d’arte così preziosa. E la nipote Daria aggiunge addirittura che suo zio non aveva particolare interesse per le opere d’arte o gli oggetti antichi. Non si spiegherebbe inoltre come mai il principe Wilhelm avesse continuato a condurre una vita modesta dopo aver venduto un oggetto di tale valore.

La testa in quarzo, alta 28 centimetri, è vecchia di tremila anni: rappresenta il dio Amen, ma i suoi tratti sono senza dubbio quelli del faraone Tutankhamon, il più celebre sovrano dell’antico Egitto, che regnò fra il 1333 e il 1323 avanti Cristo e la cui tomba venne ritrovata intatta nel 1922 nella Valle dei Re.

Proprietari

L’opera sarebbe stata venduta nel 1973-74 dal principe Wilhelm von Thurn und Taxis

Tutankhamon salì al trono giovanissimo, all’età di appena nove anni, ma il suo breve regno è considerato un’età dell’oro non solo in termini di influenza culturale ma anche per l’incomparabile bellezza dell’arte prodotta. E un esempio è proprio questa statua, che riproduce in maniera estremamente naturale le fattezze del giovane sovrano. E rappresentazioni simili del dio Amen con i tratti del Faraone erano state scolpite per il tempio di Karnak, nell’odierna Luxor.

«È lì che questa scultura è stata rubata», sostiene l’ex ministro egiziano delle antichità, Zahi Hawass. «Non credo - ha aggiunto - che Christie’s abbia le carte per dimostrare che abbia lasciato l’Egitto legalmente. È impossibile: Christie’s non ha modo di provarlo e per questo andrebbe restituita all’Egitto». Ed è sulla base di queste convinzioni che Mostafa Waziri, capo del consiglio supremo egiziano per le antichità, ha cercato di bloccare l’asta.

Ma Christie’s non vuole sentire ragioni e tira dritto per la sua strada. «Gli oggetti antichi, per loro natura, non possono essere tracciati nel corso dei millenni — ha spiegato Alexandra Deyzac , la communications manager della casa d’aste londinese —. È di enorme importanza stabilire la proprietà recente e il diritto legale alla vendita: cose che noi chiaramente abbiamo fatto. Non offriremmo in vendita alcun oggetto rispetto al quale ci fossero preoccupazioni sulla proprietà. Quest’opera è stata ampiamente mostrata in pubblico e abbiamo avvertito l’ambasciata egiziana, che era al corrente dell’asta».

Christie’s ribadisce la versione secondo cui la statua faceva parte della collezione Thurn und Taxis a Vienna negli anni Sessanta: e promette di continuare le ricerche sulla sua precedente provenienza «come parte del nostro costante impegno a fornire un background il più ampio possibile». Ma domani probabilmente la testa del Faraone sparirà di nuovo fra le mani di qualche anonimo acquirente: e il mistero resterà insoluto.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news