LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pisa, la Pompei in versione marittima. Visita al nuovo Museo delle navi antiche nei restaurati Arsenali Medicei di Pisa
Andrea Iacomoni
3 Luglio 2019 IL GIORNALE DELL'ARCHITETTURA

PISA. Inaugurato il 16 giugno dal ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli, il più grande museo dimbarcazioni antiche al mondo, mostra reperti (oltre alle navi anche cordami, cesterie, attrezzi da pesca, utensili, anfore e vasi) che rappresentano un mosaico di mille anni di commerci, navigazioni, naufragi.


I ritrovamenti e il cantiere-evento

Il materiale archeologico è stato rinvenuto casualmente nel 1998, durante i lavori per la realizzazione della sede del nuovo Sistema di comando e controllo presso la stazione di Pisa San Rossore, necessaria per gestire il traffico ferroviario sulla linea per Genova. Leccezionale scoperta è stata definita la Pompei in versione marittima, sia per la numerosa presenza dimbarcazioni (circa 30 tra navi da trasporto e barche fluviali), sia per il perfetto stato di conservazione (merito della completa assenza di ossigeno e della presenza di falde sotterranee).

Data la complessità della condizione stratigrafica, è stato allestito un cantiere-scuola (istituendo il Centro di restauro del legno bagnato, al fine di salvaguardare le imbarcazioni) con scavi aperti al pubblico, primo esempio italiano. Interessanti risultano i tempi dintervento in quanto, dalla scoperta, sono trascorsi 2-3 anni per la comprensione del contesto e per scegliere il metodo di restauro da applicare al legno, con la sperimentazione di varie tecniche. Gli archeologi hanno optato per lutilizzo di un prodotto non reversibile (la Kauranina, già usata nel museo di Meinz per le navi di epoca romana), diversamente da altri restauri, come ad esempio per il Vasa a Stoccolma, in cui sono stati usati prodotti reversibili (Peg) che oggi stanno portando alla disgregazione degli elementi in ferro causando problemi anche al legno.


La sede museale e il restauro

Ospitato allinterno degli Arsenali Medicei, voluti da Cosimo I e realizzati su disegno di Bernardo Buontalenti. Un edificio composto da otto navate impostate su archi poggianti, che attraverso la corte interna si collega al complesso di San Vito, che diventerà il Centro internazionale del legno bagnato, ospitando laboratori e aule per la formazione di esperti nel settore.

Attivi dal 1540, gli Arsenali hanno subito varie modifiche, legate alle diverse funzioni succedutesi nel tempo: costruzione e manutenzione delle galee dei Cavalieri di Santo Stefano (corpo cavalleresco a difesa dai saraceni); alloggi militari; stalle. In seguito hanno alternato momenti di disuso e attività mediante ordini privati, fino a diventare, per i Lorena, la sede di una scuderia reale. In ultimo, fino alla metà del secolo scorso, hanno ospitato il centro di riproduzione ippica dellEsercito italiano.

Il restauro del complesso, iniziato a partire dal 2010 dalla Soprintendenza, è stato subito pensato per accogliere il museo, permettendo di combinare le esigenze museali a quelle di conservazione, evitando così lerrore di recuperare un contenitore senza avere idea del contenuto. Il recupero, oltre a comportare una complessa analisi filologica, ha tenuto conto delle manomissioni subite durante la sua intensa storia (in particolare nel grande corridoio centrale), e portando alla luce lultima fase della fabbrica, relativa ai primi decenni del Novecento. Le pareti interne in mattoni sono interamente imbiancate a calce, come erano in origine gli Arsenali; scelta che ha condizionato lallestimento nelle sue valutazioni cromatiche e illuminotecniche: difatti lambiente si presenta con una ridotta illuminazione e luso di accentuati cromatismi. Gli arredi, non fissi, consentono una modificabilità e riciclabilità nel tempo, per poter variare lallestimento.


Lallestimento della mostra

Fin dallinizio ledificio è stato monitorato con sensori per verificare le condizioni e adattare lambiente al futuro museo, allestendo nel 2016 una sezione e mezza di prova (aperta al pubblico per più di un anno) al fine di verificare la validità delle scelte, le eventuali criticità, così da adattare al meglio lallestimento finale, avviato nel 2017. Certamente la volontà di conservare la struttura degli Arsenali ha condizionato le scelte museali. Ciò, soprattutto nelle sale dove la conservazione delle celle dei cavalli ha imposto una narrazione in microcapitoli, quasi a piccoli passi; mentre nei vasti ambienti segnati dalle arcate, lo spazio è risultato ideale per allestire le grandi navi restaurate. I 4.700 mq di spazi espositivi si sviluppano come un volume in 8 capitoli con 47 paragrafi. Un linguaggio che non punta a stupire, ma utilizza un sistema di comunicazione plurilivello che non eccede nel multimediale e ricontestualizza la narrazione con accuratezza storica e scientifica. Lallestimento ha scelto di superare il feticismo del reperto, utilizzandolo anche come forma di arredo, eliminando il più possibile le barriere tra utente e oggetto.

Il percorso inizia dalla storia della città di Pisa tra archeologia e leggenda, fino alla fase etrusca prima e romana poi, conclusasi con larrivo dei Longobardi. Prosegue con un focus sul rapporto della città con lacqua, dalle catastrofiche alluvioni allorganizzazione del territorio tra canali e centuriazioni, fino a toccare il porto di Pisa e tutta lintensa attività produttiva cittadina. Dalla ricostruzione dei cantieri si passa, poi, allesposizione integrale delle navi, che occupa due campate degli arsenali, per proseguire con le sezioni che raccontano le tecniche di navigazione con un piccolo planetario, per conoscere come gli antichi si orientavano con le stelle, mentre un tabellone elettronico degli arrivi e delle partenze racconta le principali rotte dei porti del Mediterraneo. Il percorso espositivo si conclude con un excursus sulla dura vita di bordo, sia per i marinai che per i viaggiatori, dallabbigliamento ai bagagli, fino alle abitudini alimentari, ai culti e alle superstizioni.



La carta didentità del progetto

Coordinamento: Andrea Camilli (Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Pisa e Livorno)
Restauro dellArsenale: Mario Ferretti, Marta Ciafaloni (Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Pisa e Livorno)
Progetto museale: Andrea Camilli, Elisabetta Setari (Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Pisa e Livorno)
Direzione lavori: Stefano Aiello
Allestimento: Maurizio Di Puolo, Anna Ranghi (Studio Metaimago)
Scavo archeologico e restauro navi: Domenico Barreca, Laura Franci
Cronologia: primi scavi 1998, inizio restauro Arsenale 2010, inizio allestimento 2017, inaugurazione 2019
Costo: 16 milioni
Superficie: 4.700 mq


(Visited 32 times, 4 visits today)

Tag

allestimenti - archeologia - pisa - restauro - toscana
Salva
Previous post:
David Parrish: scordiamoci il posto di lavoro della vita Next Post:
Una volta erano monasteri
about the author: Andrea Iacomoni
Andrea Iacomoni
Architetto, dottore di ricerca in Progettazione urbana e territoriale (con specializzazioni al Berlage Institute di Rotterdam, allUniversità Federico II di Napoli e alla Scuola superiore Sant'Anna di Pisa) e ricercatore della Fondazione Michelucci. E' stato docente di Progettazione presso le Università di Firenze, Genova, Pisa e Roma La Sapienza, ed attualmente è ricercatore in Urbanistica presso La Sapienza Università di Roma. Parallelamente alla didattica svolge attività professionale e di ricerca con lo studio Giraldi Iacomoni Architetti, ricevendo vari riconoscimenti (Premi Gubbio, IQU, De Masi, Bastelli) ed è consulente di varie amministrazioni e membro di Commissioni edilizie e per il paesaggio. Suoi progetti sono stati pubblicati in libri e riviste (Domus, Opere, Paesaggio Urbano, Urbanistica, Urbanistica Dossier) ed esposti in mostre, tra cui la Triennale di Milano e la Biennale di Pisa. Collabora con riviste di settore tra cui Arknews, Ananke e ha diretto Architetture città e territorio e Macramè. È autore di numerosi testi e libri, tra cui: Tracce storiche e progetto contemporaneo (2009), Architetture per anziani (2009), Lo spazio dei rapporti (2011), Questioni sul recupero della città storica (2014), Topografie dello spazio comune (2015).
Articoli recenti



https://ilgiornaledellarchitettura.com/web/2019/07/03/pisa-la-pompei-in-versione-marittima/


news

16-07-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 luglio 2019

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

Archivio news