LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trivelle da dismettere, il piano si è arenato
VIRGINIA DELLA SALA
IL FATTO QUOTIDIANO, 5 Luglio 2019

Trentaquattro piattaforme petrolifere in disuso: il governo
ha prima stabilito che dovessero essere subito indirizzate alla dismissione, poi ha chiuso in un cassetto la bozza del piano concordato tra ministero dello Sviluppo economico,
dellAmbiente e Assomineraria.
A raccontarlo sono le carte rese pubbliche da Legambiente,
Wwf e Greenpeace, in parte durante una manifestazione di
protesta al Mise, in parte mostrate al Fatto. Si tratta di email scambiate tra le associazioni e la segreteria del sottosegretario del Mise, Davide Crippa, che dimostrano liniziale intenzione di spingere subito per smantellare le vecchie trivelle.
Poi, è laccusa, se ne sono dimenticati con un innegabile vantaggio per le compagnie.
A FINE 2018, con una serie di incontri tra i dicasteri e Assomineraria, viene redatta la bozza per avviare il dec ommis sion ing delle trivelle esaurite in linea con una direttiva Ue e con un decreto che sarà poi approvato a febbraio 2019.
Il programma identifica 22 piattaforme sul breve periodo, altre 12 nel medio-lungo. Nel testo, le parti sin da subito si impegnano ad attivare le procedure per la dismission e che sarà realizzata nei prossimi anni. Il sin da subito però si è arenato.
Nei giorni scorsi, al fattoquotidiano.it Crippa ha confermato lesistenza del piano, spiegando che è in corso una ricognizione delle piattaforme dismesse, in attesa della pubblicazione dellelenco completo che sarebbe dovuto essere sul sito del Mise entro il 30 giugno (ma ancora non cè).
Nella bozza di memorandum si fa riferimento dice il Mise a 34 piattaforme da avviare a dismissione nei prossimi 10 anni e che al momento si sta procedendo con una ricognizione dei dati.
Le associazioni hanno deciso di replicare rendendo pubbliche alcune mail scambiate con il Mise tra il 4 e il 12 dicembre
2018 che il Fatto ha potuto consultare. Sostengono
che non è vero che il piano riguardava le dismissioni
nei prossimi 10 anni e che è stato rimandato un procedimento
che era pronto a partire. A seguito di tale incontro si legge
in una mail che fa riferimento a una riunione del 25 ottobre,
dopo la quale le associazioni chiedono se siano state consultate
le aziende si è condiviso di mandare avanti gli adempimenti necessari per firmare in tempi rapidi lo schema di decreto ministeriale in parola senza apportare allo stesso
alcuna modifica. Inoltre è stata accolta positivamente dai presenti la proposta di sottoscrivere una dichiarazione
pubblica congiunta finalizzata a far attivare sin da subito
le procedure per la dismissione delle 10 strutture offshore individuate.
Il Mise sottopone la bozza alle associazioni.
Viene chiesto anche un riscontro agli altri ministeri.
Poi, del memorandum si perdono le tracce.
DELLE 34 STRUTTURE 25 fanno capo a Eni, le altre a Edison. Dismetterle ha un costo enorme.
Andranno valutati e promossi anche eventuali usi alternativi, aeva detto Crippa a febbraio. Da allora però è anche stata approvata la moratoria che blocca tutte le nuove trivellazioni
e i permessi. È chiaro dicono le associazioni che per concludere le operazioni ci vogliono anni, ma non per avviare una procedura di dismissione mineraria.
Contestano poi che non ci sia necessità di effettuare altre ricognizioni.
Lelenco era stato stilato proprio sulla base di una ricognizione durata circa due anni spiegano e non è vero, che lo scenario cambi con il decreto di febbraio



news

02-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 2 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news