LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TARANTO-Arsenale, ecco il protocollo per il Polo Museale
Gianmario Leone
Corriere di taranto, 05/07/2019

E stato pubblicato sul sito del Mibac, il protocollo per listituzione di un polo museale nellArsenale di Taranto firmato dal ministero della Difesa e dei Beni Culturali. Lannuncio della firma arrivò lo scorso 24 giugno in occasione della seconda riunione del Cis, il Tavolo Interistituzionale per Taranto, convocato dal vicepremier Di Maio, alla presenza dei ministri dellAmbiente Sergio Costa, del Sud Barbara Lezzi, della Difesa Elisabetta Trenta, della Salute Giulia Grillo e dei Beni Culturali Alberto Bonisoli.

(leggi il resoconto della riunione del CIS dello scorso 24 giugno a Taranto https://www.corriereditaranto.it/2019/06/24/cis-i-ministri-ancora-a-taranto-per-fare-il-punto/)

Lintervento previsto dal Cod. CIS 5.2, Progetto per la valorizzazione turistico culturale dellArsenale Militare di Taranto è attualmente in fase di progettazione. Il Progetto di valorizzazione turistico-culturale dellArsenale Militare predisposto dal MIBAC e dal Ministero della Difesa è stato approvato dal Cipe il 22 dicembre 2017 (delibera 93/2017) per un importo complessivo pari a 35,45 milioni di euro con lassegnazione al Ministero della Difesa della prima tranche di risorse pari a 5,7 milioni di euro da destinare a: progettazione e realizzazione Entry Point: punto espositivo e di accoglienza (4,3 milioni di euro). progettazione dei seguenti interventi (1,4 milioni di euro); Mostra Storica Artigiana dei reperti della Marina Militare; Officina ex Lance e Remi: adeguamento per la fruizione; Allestimento Museo della Civiltà del Mare nellOfficina Piccoli Motori; Esposizione e visita di un sommergibile nellOfficina Forni e Fabbri; Allestimento e valorizzazione del percorso di visita.

Cosa stabilisce il protocollo

Oggetto del protocollo dintesa è lindividuazione allinterno del Progetto per la valorizzazione turistica e culturale dellarsenale militare di Taranto del 28 novembre 2016, approvato con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 21 luglio 2017, di modalità attuative che, tenendo conto delle prerogative, delle competenze e delle responsabilità istituzionali delle amministrazioni coinvolte, consentano il migliore sviluppo culturale e strategico dei siti individuati.

Gli interventi, attengono alla realizzazione di un Entry Point/punto espositivo e di accoglienza presso lOfficina Reparto Manutenzione Macchine da Lavoro Automobilistiche (RMMLA); potenziamento delle esposizioni della mostra storico-artigiana; riqualificazione/acleguamento dellofficina ex lance e remi; allestimento del museo della civiltà del mare nellofficina piccoli motori; esposizione e visita di un sommergibile della classe Sauro da collocare nellofficina forni e fabbri; allestimento e valorizzazione del percorso di visita (diviso in tre sotto interventi).

I contenuti del protocollo dintesa saranno attuati mediante uno o più accordi operativi, da definirsi a cura del gruppo di coordinamento, entro 60 giorni dalla sottoscrizione del protocollo. Questi accordi avranno lo scopo di dettagliare le modalità di collaborazione e raccordo fra le parti nelle fasi di appalto, esecuzione e collaudo degli interventi.

Ai fini dellindividuazione degli interventi da progettare e realizzare, si rimanda alle schede sintetiche (con relativo cronoprogramma di realizzazione) di cui al citato Progetto per la valorizzazione turistica e culturale dellarsenale militare di Taranto. Le modalità attuative della gestione economica dei beni museali oggetto degli interventi del protocollo saranno dettagliate in un successivo accordo operativo a cura del predetto gruppo di coordinamento, coinvolgendo la Difesa Servizi S.p.A. e la Ales S.p.A, come previsto nel citato accordo quadro tra il Ministero della difesa e il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo sottoscritto in data 7 luglio 2016.

La realizzazione degli interventi prevede una programmazione pluriennale delle risorse finanziarie necessarie sia per lo sviluppo dei diversi livelli di progettazione degli interventi individuati (progetto di fattibilità tecnica ed economica, progetto definitivo e progetto esecutivo ai sensi dellart. 23 del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50) sia per la successiva realizzazione delle opere previste dal Progetto di valorizzazione turistica e culturale dellArsenale militare.

Il Ministero della Difesa eserciterà le funzioni di amministrazione responsabile, attraverso lo Stato maggiore della Marina e di stazione appaltante, attraverso il proprio Segretariato generale della difesa e Direzione nazionale degli armamenti Direzione dei lavori e del demanio (di seguito GENIODIFE), per limplementazione delle fasi progettuali e per la realizzazione degli interventi.

Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali contribuirà attraverso le proprie strutture centrali e periferiche, e in accordo con il Ministero della difesa, a seguire lo sviluppo delle scelte di indirizzo e a definire le specifiche funzionali relative alle diverse fasi progettuali degli interventi sarà altresì impegnato nel monitoraggio e nel controllo degli aspetti realizzativi, oltre che nella verifica dei risultati.

Saranno acquisiti i necessari pareri delle competenti strutture periferiche del Ministero per i beni e le attività culturali per il tramite della Direzione generale archeologia, belle arti e paesaggio, in ossequio alla vigente normativa.

(leggi gli articoli sullArsenale della Marina Militare di Taranto https://www.corriereditaranto.it/?s=arsenale&submit=Go)

Il Ministero della difesa, attraverso GENIODIFE, provvederà alla redazione del cronoprogramma complessivo del progetto (ovvero la sequenza logico temporale dei singoli cronoprogrammi delle schede intervento) in fase di progettazione esecutiva secondo un piano dei cantieri che, come sarà definito nellaccordo di programma, verrà sottoposto al preventivo avallo del gruppo di coordinamento.

Il gruppo di coordinamento assicurerà, attraverso idonee interlocuzioni con il Responsabile unico del contratto (RUC), di cui allart.6 del predetto Contratto istituzionale di sviluppo dell*area di Taranto, le condizioni di cooperazione e di collegamento con il Tavolo istituzionale permanente per il CIS per larea di Taranto, ed il raccordo con tutte le amministrazioni interessate per la efficace attuazione del programma di interventi.

Le parti sim impegnano a promuovere in ogni sede istituzionale il Progetto per la valorizzazione dellarsenale militare di Taranto attraverso ogni intervento essenziale nellambito della definizione della strategia di riqualificazione e di sviluppo del territorio, con pafiicolare riferimento anche agli interventi di cui allarticolo 8, comma 5, del decreto-legge 5 gennaio 2015, n. 1 e smi.

La costituzione del Gruppo di coordinamento che ha il compito di delineare lindirizzo tecnico e strategico del progetto (in coerenza con le finalità previste dallart. 8, comma 3, del decreto-legge 5 gennaio 2015, n. le s.m.i.) e di soprintendere alla sua attuazione operativa e alle condizioni di effettiva operatività e realizzabilità dello stesso avverrà su due differenti livelli.

Il primo, direttivo, a livello centrale (a Roma), tra il Ministero della difesa (rappresentato dalla Marina Militare e da GENIODIFE), il Ministero per i beni e le attività culturali (rappresentato dal Segretariato generale Servizio 11) e la Struttura APT rappresentata dal RUC; il secondo, esecutivo, a livello locale (a Taranto), con il coinvolgimento per il Ministero per i beni e le attività culturali della Soprintendenza archeologica belle arti e paesaggio per le province di Brindisi, Lecce e Taranto per il tramite della Direzione generale Archeologia, belle arti e paesaggio e del Museo archeologico nazionale di Taranto per il tramite della Direzione generale musei e per il Ministero della difesa del Comando marittimo sud, dellArsenale militare marittimo di Taranto e della Direzione del Genio militare per la Marina di Taranto. A tal proposito, i Ministeri coinvolti dovranno comunicare i nominativi dei propri rappresentanti entro 15 giorni dalla sottoscrizione del presente Protocollo.

(leggi il resoconto della riunione dello scorso 24 aprile https://www.corriereditaranto.it/2019/04/24/cis-taranto-a-che-punto-siamo/)

Lintervento di recupero infrastrutturale e adeguamento degli impianti produttivi dellArsenale (Cod. CIS 4A), risulta in esecuzione. In particolare, sono conclusi i lavori di Completamento e ristrutturazione della Officina Polifunzionale 1 e Adeguamento capannone deposito temporaneo rifiuti speciali. Risultano invece in esecuzione gli interventi di Adeguamento del bacino Ferrati e di Ristrutturazione dellOfficina 4.

Infine, nellultima riuniione è stato ipotizzato il futuribile scenario prospettato dal ministro Bonisoli: la cessione, da parte della Marina Militare, della ex-stazione Torpediniere, e la possibilità di utilizzarla per musealizzare anche unità navali, aggiungendo, poi, che si stanno tenendo docchio quelle che nei prossimi anni saranno avviate al disarmo. Staremo a vedere cosa sarà deciso nelle prossime riunioni.

https://www.corriereditaranto.it/2019/07/05/arsenale-ecco-il-protocollo-per-il-polo-museale/


news

20-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news