LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia, Comitato No Grandi Navi dopo l’incidente sfiorato: “Questi bestioni incompatibili con la nostra città fragile”
di Giuseppe Pietrobelli
IL FATTO QUOTIDIANO | 7 Luglio 2019



Luciano Mazzolin, raggiunto a caldo da IlFattoQuotidiano.it, ribadisce la necessità di vietare l'ingresso in laguna alle navi da crociera: "Dimostrazione lampante di quanto insensata sia stata la decisione dell'Unesco, che ha salvato Venezia dalla black list dei siti a rischio"


“Sono dei criminali. Non dovevano uscire con quel tempo e con quel vento. Hanno messo a repentaglio l’incolumità degli abitanti di Venezia. E se fossero andati a sbattere contro lo yacht? O contro l’imbarcadero dell’Actv? Ai Signori delle Grandi Navi non è servito nulla quello che è accaduto un mese fa nel Canale della Giudecca?”. Luciano Mazzolin è il portavoce del Comitato No Grandi Navi. E se ha un merito è quello di ripetere, da dieci anni, che “i bestioni del mare sono incompatibili con una città fragile come Venezia, che è follia continuare a tollerare il passaggio davanti a San Marco per raggiungere l’approdo di Marittima, con buona pace delle compagnie e di chi lucra su questo turismo mordi e fuggi”. “Le immagini sono impressionanti – dice a IlFattoQuotidiano.it – Costa Delizia ha sfiorato la riva di cinque metri. E’ la dimostrazione più lampante di quanto insensata sia stata la decisione dell’Unesco, che ha salvato Venezia dalla black list dei siti a rischio, abbracciando una tesi demenziale sulla gestione delle navi da crociera”.


Venezia, le immagini della nave da crociera che finisce vicinissima alla banchina vicino a San Marco

Venezia, le immagini della nave da crociera che finisce vicinissima alla banchina vicino a San Marco
Lido, Chioggia, Malamocco, Porto Marghera: tutti i progetti per tenere lontani i “giganti” del mare

Da Baku, dove è riunita la commissione dell’Unesco che si occupa dei siti patrimonio dell’umanità, è infatti arrivata pochi giorni fa la liberatoria nei confronti di Venezia, finita sotto osservazione proprio a causa delle grandi Navi, della gestione dei flussi del turismo e dello spopolamento continuo. “Ma chi ha preso la decisione di mettere un ‘welcome’ alla proposta del sindaco Luigi Brugnaro e del governatore Luca Zaia di dirottare le navi più grandi a Marghera e di salvare l’attracco a Marittima delle altre, passando per il canale dei Petroli? Dopo quella decisione si sono tutti ringalluzziti. Ma l’incidente sfiorato dimostra che ogni giorno noi conviviamo con una situazione di pericolo. E lo avevamo detto”.Che cosa? ”Si rilegga il comunicato del 6 luglio: l’Unesco ha deciso di sostenere e favorire un progetto che distruggerà del tutto la Laguna di Venezia. A nulla sono servite le molte lettere, documenti, foto e filmati che associazioni, comitati ed esperti indipendenti hanno inviato per dimostrare la devastazione ambientale che causerà la decisione di continuare a far entrare in Laguna le grandi navi da crociera e di farle passare attraverso la bocca di porto di Malamocco, canale dei Petroli, canale Vittorio Emanuele”.

Per impedire che l’Unesco gettasse un salvagente al sindaco Brugnaro, il Comitato aveva preparato un libro dossier, scritto da tre docenti universitari e studiosi dell’ambiente. “Giuseppe Tattara, professore a Ca’ Foscari, Giovanni Fabbri dello Iuav e l’ex funzionario della Regione Veneto Franco Migliorini hanno dimostrato quanto dannosa e indecente sia la continuità della crocieristica a Venezia. E hanno sintetizzato in un video di pochi minuti la dimostrazione degli effetti negativi non solo sulla città, ma su tutta la Laguna di Venezia”.

Forte del placet dell’Unesco, il sindaco Brugnaro ha lanciato un ultimatum al ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, sfidandolo a tenere conto delle indicazioni prima di esprimere la propria opzione sulle soluzioni alternative per tenere le grandi navi fuori dalla Laguna. “Ma proprio l’incidente mancato per un soffio dimostra che non si può pensare di portare le grandi navi a Marghera. Cosa sarebbe accaduto in una canale stretto come il canale dei Petroli, a ridosso dei serbatoi di carburante dell’Agip o dei depositi delle industrie chimiche?. Il pericolo non è solo alla Giudecca e a Marittima, è anche a Porto Marghera”. Eppure Brugnaro sostiene che in un anno sarebbe possibile percorrere una soluzione alternativa, togliendo le navi dal Bacino di San Marco e facendole arrivare ugualmente a Marittima. “Ma per farlo bisogna scavare il canale Vittorio Emanuele. E sa quanto tempo ci vorrà per movimentare 7 milioni di metri cubi di fanghi? Almeno dieci anni, altro che un anno. Lo hanno dimostrato i docenti nel loro dossier. Solo per la valutazione di impatto ambientale del progetto servono almeno tre anni”.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/07/07/venezia-comitato-no-grandi-navi-dopo-lincidente-sfiorato-questi-bestioni-incompatibili-con-la-nostra-citta-fragile/5308053/


news

21-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news