LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Un altro nubifragio, fermi aerei e treni. Vento e grandine danneggiano sei chiese
Matteo Riberto - Giorgia Pradolin
Corriere del Veneto 9/7/2019

Ieri sera raffiche fino a 90 km orari. Paura in laguna. Alberi cadono sulla linea del tram

VENEZIA. Un nuovo violento nubifragio ieri sera, a 24 ore di distanza dalla tempesta che domenica ha sradicato alberi e provocato danni a diverse chiese di Venezia e Mestre. Raffiche di vento, fortissime, arrivate a oltre 90 chilometri orari, si sono alzate poco prima delle 21 e subito dopo una grandinata con chicchi grandi come un pugno, soprattutto in laguna. Pochi minuti ed è stato il disastro. A Favaro un albero è caduto sulla linea elettrica del tram poco dopo la rotatoria di via Martiri, il servizio è stato bloccato e pare ci siano stati danni anche al tram. Immediato il servizio sostitutivo durato un’ora. Vento e grandine hanno fermato gli aerei in atterraggio e in partenza, un volo da Colonia è stato dirottato su Verona, un altro da Amsterdam è stato dirottato su Bologna. La situazione più difficile, però, è stata quella dei treni. Un guasto sulla linea tra Mestre e Venezia ha fermato tutta la circolazione. I passeggeri di alcuni Freccia arrivati a Mestre sono stati portati in centro storico con bus sostitutivi, mentre si è paralizzata la rete dei regionali, con ritardi anche di 60 minuti. Anche i mezzi di Actv hanno subito disagi con ritardi fino a 25 minuti per l’impossibilità di proseguire in mezzo alla tempesta.

In aiuto alle squadre dei vigili del fuoco di Mestre sono arrivate squadre da Padova e Treviso. Le raffiche di vento hanno sradicato alberi da Lido a Favaro al centro di Mestre. In piazzale Candiani sono caduti sulle auto in sosta danneggiandole, in via Cappuccina rami e cartelloni stradali in mezzo alla via hanno rallentato la viabilità, come è accaduto ai 4 Cantoni e in via Trezzo dove un albero è finito sulla carreggiata. A Venezia molte chiamate per intonaci crollati.

Una serata di danni che si è aggiunta a quella della sera precedente che ha visto una ventina di alberi sradicati in varie zone della città, soprattutto al cimitero di Venezia, in quello di Mestre, al parco Bissuola.

Grandine vento hanno danneggiato sei chiese. Ad essere colpite la Basilica della Salute, la chiesa di San Geremia, quella di Sant’Aponal e quella delle Zitelle (Santa Maria della Presentazione). Da quest’ultima, di proprietà dell’Ire, si sono staccati alcuni lastroni della cupola. A San Geremia le raffiche hanno provocato lo spostamento di tegole e il crollo di parte di una grande vetrata. «Sono vetri al piombo, molto resistenti – spiega don Gianmatteo Caputo, delegato patriarcale per i beni culturali di Venezia - ma sotto la pressione di vento e usura alcuni antelli rischiano di cedere». Anche la Basilica della Salute ha avuto problemi alle vetrate mentre la chiesa di Sant’Aponal al tetto, con il rischio di veder piovere dentro. «Sono situazioni che stiamo monitorando – afferma il delegato patriarcale - il vento ieri era piuttosto sostenuto e ha fatto diversi danni, perlopiù problemi alle vetrate e spostamenti di tegole che poi si traducono in infiltrazioni d’acqua. Abbiamo mandato subito a controllare la situazione, qualcosa siamo riusciti a sistemare ma altro avrà bisogno di un intervento di manutenzione». Gravissimi i danni alla chiesa dei Santi Gervasio e Protasio, a Mestre, dove si è sfiorata la tragedia. Il vento ha infatti fatto crollare il rosone interno: una struttura in ferro, legno e vetro dal peso complessivo di circa un quintale e mezzo che si è sbriciolata al suolo cadendo da un’altezza di 15 metri. Al momento del crollo, all’interno della chiesa c’erano alcuni fedeli e frammenti del rosone hanno ferito un uomo alla testa e al braccio. «Il rosone è crollato alle 18.15 -spiega don Gianni Antoniazzi- pochi minuti prima dell’inizio della messa, quando la chiesa è gremita. Fosse caduto durante la messa sarebbe stata una tragedia». E ieri notte il vento ha fatto crollare un muretto vicino alla chiesa di San Girolamo.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news