LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Parco di Portofino, il giallo della strada sul monte. Blitz della Procura
di MARCO LIGNANA E MARCO PREVE
06 luglio 2019 la Repubblica


Il procuratore aggiunto DOvidio e il pm Givri, con i carabinieri, sul sito per capire chi autorizzò e finanziò lintervento. Esclusa Italia Nostra dallincontro fra Soprintendenza e Comuni interessati: " Non siamo graditi"


Il blitz è scattato lo scorso 11 giugno: il procuratore aggiunto Paolo DOvidio e il sostituto Fabrizio Givri, entrambi del pool "reati ambientali", insieme ai carabinieri del nucleo forestale, hanno fatto un sopralluogo sul monte di Portofino. Volevano vedere di persona quelle colate di cemento spuntate improvvisamente nellarea protetta del Parco dopo il cedimento della strada che collega Santa Margherita a Portofino, collassata durante la mareggiata che ha colpito le coste liguri lo scorso ottobre.

Le foto del sentiero deturpato, oltre a quelle di una pericolosissima passerella sorretta da una impalcatura, avevano subito scatenato la reazione di associazioni, in primis di Italia Nostra. Secondo il presidente della Regione Giovanni Toti, che aveva risposto con toni particolarmente accesi, la strada allinterno del Parco "era lunica soluzione per permettere ai residenti di Portofino una vita il più normale possibile". Ma quella lingua di cemento non ha mai convinto i magistrati genovesi, che nei mesi scorsi dopo diverse segnalazioni, tra cui proprio quella di Italia Nostra, hanno aperto unindagine esplorativa. E a giugno sono saliti di persona sul monte di Portofino.


La situazione, oggi, sul sentiero è quasi tornata alla normalità. Il cemento è stato rimosso e restano solo alcune colate, ad esempio intorno ai pali della luce, da rivedere. Ma i punti interrogativi, in questa storia, restano aperti. E non sono pochi. Perché andando di persona sul posto, gli inquirenti e gli stessi carabinieri forestali hanno constatato la scarsissima utilità che quella cementificazione avrebbe avuto per raggiungere il borgo. Del resto prima ancora del ripristino della strada provinciale collassata, era stato realizzato un sistema di passerelle che consentiva il passaggio pedonale " lato mare" fra Santa Margherita e Portofino. Poi la passerella era stata sostituita da una lingua di asfalto che aveva permesso il passaggio anche dei mezzi di soccorso. Mentre anche per le due ruote sarebbe stato davvero arduo percorrere la strada asfaltata che dal monte giungeva al borgo, con curve a gomito più adatte a una bicicletta che a uno scooter.

A meno che, ed è questo uno degli aspetti che la Procura vuole approfondire, quella prima e già impattante gettata non fosse una sorta di "apripista" per eventuali, nuove cementificazioni dentro il Parco. Gli altri punti da ricostruire sono decisamente più puntuali: chi ha effettivamente costruito quella strada? Da chi è stato commissionato il lavoro? Chi ha pagato gli operai e il materiale utilizzato? Domande che troveranno presto una risposta nel fascicolo in mano al pm Givri, che in base ai risultati delle verifiche affidate ai carabinieri deciderà se ipotizzare uno specifico reato e se iscrivere qualche nome nel registro degli indagati.

Sul caso della strada del monte cè da registrare anche la polemica fra associazioni ambientaliste da una parte e Soprintendenza e Comuni coinvolti dallaltra. Italia Nostra, a nome anche di altre associazioni, fra le quali gli " Amici del Monte di Portofino" aveva chiesto di poter partecipare allincontro fissato per il 9 luglio in Soprintendenza con i sindaci di Santa Margherita, Portofino e Camogli proprio sulle questioni riguardanti lintervento nel Parco. "Ci hanno risposto di no - racconta Ermete Bogetti presidente di Italia Nostra Genova - e hanno aggiunto che forse in unaltra occasione potremo far parte del tavolo. Si vede che non siamo graditi. Una decisione che ci amareggia anche perchè i temi ancora da chiarire sono molti. A cominciare da chi ha finanziato questa strada, per finire con le dichiarazioni dellassessore regionale Mai che ha annunciato di voler trasformare in carrabile il percorso dentro il Parco".




news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news