LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. L’offerta del Comune a Italia Nostra: mozione per sbloccare l’edilizia
Valentina Marotta - Mauro Bonciani
Corriere del Veneto 13/7/2019

Italia Nostra è disposta a ritirare il ricorso al Tar contro la variante urbanistica per ristrutturazioni edilizie con limitazioni se Palazzo Vecchio cambierà alcuni punti del provvedimento. L’annuncio è dell’avvocato di Italia Nostra, Nino Scropelliti, e arriva alla fine di una lunga giornata che ha visto Palazzo Vecchio ribadire la necessità di un dialogo sul problema e l’Ordine degli architetti chiedere a tutti gli attori «senso di responsabilità».

«Faccio un appello a coniugare tutti gli interessi in gioco. Da un lato c’è un interesse a tutelare il patrimonio storico-artistico e noi siamo convintissimi di questa esigenza, dall’altro c’è un interesse altrettanto importante di non bloccare l’economia di questa città, di non azzerare i posti di lavoro, di non mandare in crisi o in fallimento aziende — ha detto ieri mattina il sindaco, Dario Nardella — Dobbiamo assolutamente bilanciare questi due interessi perché Firenze ha bisogno di coniugare la conservazione con la trasformazione. La città non può rimanere in questo stato di incertezza».

Il lavoro diplomatico con Italia Nostra è stato affidato all’assessore all’urbanistica Cecilia Del Re che giovedì ha incontrato l’associazione ambientalista. «Ho proposto loro, come possibile accordo a fronte di una rinuncia al ricorso, una mozione da sottoporre al Consiglio comunale contenente degli atti di indirizzo per il nuovo Piano urbanistico che dovremo adottare il prossimo anno — spiega Del Re — Nella mozione potranno essere contenuti indirizzi condivisi e giuridicamente sostenibili. I tempi di una nuova variante sarebbero lunghi, e si arriverebbe molto dopo la pronuncia del Tar e pressoché insieme al nuovo Piano». Per Italia Nostra ha parlato l’avvocato Scropelliti. «Siamo disposti a una mediazione con il Comune di Firenze ma ad un patto — annuncia l’avvocato — Ritireremo il ricorso se Palazzo Vecchio ritoccherà la norma che abbiamo impugnato. Non ci servono promesse per il futuro ma risposte immediate. Saremmo disposti a fare un passo indietro se il Comune accettasse tre proposte: un freno ai frazionamenti degli appartamenti che inevitabilmente portano all’espulsione degli abitanti dal centro storico, la limitazione alle opere di ristrutturazione ed ai cambi di destinazione da residenziale–ordinario a residenziale para-alberghiero. E la Regione Toscana, super partes, deve essere subito chiamata a fare da mediatore e da garante del patto tra Italia Nostra e Comune». Perché? «La Regione Toscana, ha competenze in materia urbanistica. Come ente al di sopra delle parti può indicare una strada e poi fare da garante». E Palazzo Vecchio replica non commentando nel merito la proposta e sottolineando che continuerà il dialogo, attraverso l’assessore Del Re, nelle sedi opportune.




news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news