LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia, città a misura duomo contro il pericolo Disneyland
Gloria Bertasi
Corriere del Veneto 21/7/2019

Moraglia al ponte votivo: sostenibilità. Brugnaro: non arrendiamoci. Redentore per oltre 60 mila

VENEZIA. Residenza, sostenibilità e un futuro sostenibile con bambini e famiglie che popolino campi e calli. Contro il pericolo che Venezia diventi Disneyland. Nella notte famosissima, dei fuochi e delle tavolate in riva, il patriarca Francesco Moraglia ha scomodato Tito Livio (Mentre a Roma si discute, Sagunto viene espugnata, ha detto) e lo ha fatto per fare arrivare, forte e chiaro, un messaggio al governo che ha il potere di decidere. Innanzitutto, sulle grandi navi, mai nominate, ma di cui il patriarca ha ricordato i due recenti scampati pericoli.

Ieri, nellinaugurare il ponte votivo del Redentore, Moraglia ha voluto parlare dei problemi che affliggono Venezia, per richiamare Roma ai suoi doveri di tutela e salvaguardia della città, contro il rischio che la laguna diventi un parco tematico, senza più residenti a renderla e mantenerla.

Quando si dice che a Venezia ci sono pochi bambini e che i giovani si sposano, quando si sposano, e vanno ad abitare altrove, siamo di fronte a notizie preoccupanti per il presente e il futuro, ha esordito dalla scalinata della basilica, costruita nel 1577 per celebrare la fine della peste che uccise un terzo dei veneziani. Tutte le città al mondo sono belle, ma Venezia è unica e, in difesa della sua unicità, deve scegliere un futuro possibile e sostenibile, a misura più umana - ha continuato - nessuno vuole che diventi una sorta di Disneyland a cielo aperto: bisogna allora rispettarne le fondamenta, i campi, le calli, senza sovraccaricarla di eventi e flussi di visitatori. Non significa chiudere Venezia, ma far sì che non diventi spazio di conquista.

Parole dure che hanno strappato un applauso a chi ieri aveva appena attraversato il ponte votivo (inaugurato alle 19 con il taglio del nastro del presidente del Senato Elisabetta Casellati e aperto al pubblico alle 19.20) per iniziare a festeggiare tra tavolate e rive imbandite in attesa dei fuochi delle 23.30, dedicati questanno allallunaggio. Sognando la luna è stato, infatti, il fil rouge dello spettacolo che ha tenuto il pubblico con il naso allinsù per quaranta minuti ad ammirare i giochi pirotecnici lanciati da trenta piattaforme dagli esperti della Parente Fireworks. In questa giornata di cinquanta anni fa luomo superò se stesso, i suoi limiti compiendo quellimpresa che nessuno avrebbe mai pensato realizzabile: camminare sulla Luna, ha detto il sindaco Luigi Brugnaro ad anticipare il suo monito ai veneziani: siate resilienti, come Venezia che non si è mai arresa. Ieri il primo cittadino ha iniziato a tracciare il punto del suo mandato, quattro densi anni: Non mi sono mai arreso.

E mentre sindaco e patriarca prendevano parola, fornendo elementi di riflessione in una giornata di festa, il bacino di San Marco e il canale della Giudecca si riempivano di barche, piccole e grandi, a remi, motore e vela. Sulle rive, invece, veneziani e turisti hanno toccato con mano il peso dei controlli di sicurezza: allaltezza degli Incurabili, alle Zattere, le code. Il motivo? La sicurezza doveva ritirare tutte le bottiglie di vetro del pubblico (vietate da ordinanza del sindaco) provocando non pochi rallentamenti (e qualche mugugno) al flusso di persone che ieri, probabilmente complice il caldo, le misure di sicurezza stringenti con varchi e transenne controllati da addetti alla security e il tetto di 75 mila persone lungo le rive stabilito dal Comitato per lordine pubblico, ha ritardato ad arrivare. Alle 20 nei parcheggi di Tronchetto e piazzale Roma cera ancora posto e sempre a quellora la polizia locale stimava - soltanto - 30 mila persone già pronte a godersi lo spettacolo dei fuochi lungo le rive o in barca. Ma si tratta di dati imprecisi, come ha sottolineato il comandante dei vigili Marco Agostini. In serata, infatti, i numeri erano più che raddoppiati.



news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news