LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La città non può perdere l'occasione per rilanciarsi
Alberto Rossi - Elio De Anna
24 luglio 2019 il messagero veneto



Sarebbe un peccato se in occasione della prossima mostra del Pordenone lo studiolo del pittore non fosse fruibile al pubblico. Con una decisione molto avveduta la Fondazione Friuli ha acquisito parte dell'edificio, anche se i vani che ospitano gli affreschi dell'artista, scoperti dal maestro Giancarlo Magri nel 1989 e situati al secondo piano di un palazzetto di via San Marco a ridosso del duomo e delle vecchie mura della città, sono ora proprietà di privati. È una storia lunga quella dello studiolo del grande pittore. Nel 1997-'98, dopo il decreto di vincolo del fabbricato apposto dal ministero per i Beni culturali e ambientali nel 1990, grazie all'interessamento dell'allora assessore provinciale alla cultura Gianni Cignacco, fu predisposto da parte della Provincia un progetto per l'acquisizione e il restauro del complesso edilizio, con l'obiettivo di salvaguardare la "Casa dell'artista" e dotare la città di un luogo che doveva assumere la funzione di "centro di documentazione e informazione". L'allora assessore regionale Gianfranco Moretton, con il supporto dell'omologo provinciale Sergio Peressutti, credette nella bontà del progetto e assecondò il suo finanziamento con un contributo di due miliardi di lire. La vicenda si protrasse nella successiva tornata amministrativa e concordammo, pur da posizioni politiche contrapposte, vista la netta contrarietà della famiglia proprietaria cui quel luogo rappresentava un riferimento affettivo molto profondo, di non procedere con il progetto, redatto dall'amministrazione provinciale nel gennaio 2001, che avrebbe dato adito a possibili contenziosi. L'accordo fu reso possibile poiché il privato si era impegnato a recuperare personalmente l'edificio di sua pertinenza e a condividere la possibilità di una fruizione pubblica del sito, in tempi e orari concordati. Alla vigilia della grande mostra di Giovanni Antonio, però, dalle notizie raccolte, sembrerebbe difficile questa prospettiva. Pordenone è estremamente povera di luoghi della memoria, quei luoghi ove grandi artisti del passato non hanno soltanto abitato, ma hanno concepito, programmato e talvolta realizzato le loro opere e che permettono alle persone, oggi, di ritrovare la propria identità e il senso di un'appartenenza. Molti di questi sono stati abbattuti nel periodo del grande sviluppo industriale, altri si vorrebbero ancora oggi mutilare, come le mura della calle degli Andadori che proprio da sotto il palazzetto del Pordenone prende avvio.Quello che il critico d'arte Fabrizio D'Amico definì un gigante tumultuoso (e forse assassinato), commentando la mostra organizzata nel 1984, destinato dalla sua stessa grandezza a scendere in Padania e lì a preparare il terzo e quarto decennio del Cinquecento, dovrebbe essere il filo conduttore attraverso il quale la nostra città esce dal suo guscio locale per stringere rapporti con le altre città dove sono custodite le opere del Pordenone. Un filo storico e culturale per riscoprire noi stessi, le nostre radici e forse il senso del nostro futuro. La mostra che si sta realizzando con il tenace impegno dell'assessore Tropeano, può essere un'occasione propizia per dare avvio a una nuova stagione di rilancio della città. Non perdiamo questa opportunità in giochetti o polemiche di corto respiro.




news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news