LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il nuovo Lapidario si farà c’è il via libera della giunta
Francesco Fain
01 Agosto 2019 il messagero veneto



Sarà realizzato “in prosecuzione” con quello esistente e sarà rivestito in acciaio La Lega Nazionale si farà carico di ogni onere e, poi, lo donerà al Comune



È una presa d’atto. Ma “suona” come un’autorizzazione.

Il Comune di Gorizia ha dato il suo “sì” alla proposta di progetto relativa alla realizzazione di un monumento ai deportati da realizzare nel Parco della Rimembranza; iniziativa presentata dalla Lega Nazionale a firma del compianto architetto Barbara Fornasir. Allegato alla delibera giuntale c’è anche la bozza progettuale con il rendering che proponiamo a fianco.

Il nuovo lapidario sarà realizzato «in prosecuzione - si legge nei documenti comunali - rispetto al monumento già presente ad opera dell’architetto Luigi Caccia Dominioni, anch’esso dedicato ai deportati, con l’obiettivo di creare un “viale del ricordo”». L’obiettivo è di installare un manufatto che si integri perfettamente nel contesto, in linea con le altre tipologie monumentali.

«Lo sviluppo sarà in due fasi: la prima consisterà nella realizzazione di un manufatto rivestito in acciaio spazzolato di dimensioni identiche a quello già presente. Nella seconda fase verrò posizionata una panchina con seduta anch’essa in acciaio e verrà, inoltre, realizzata una pavimentazione in pietra d’Aurisina in prosecuzione dell’esistente».

L’intenzione è di utilizzare materiali «innovativi» tali da attribuire al monumento un segnale di contemporaneità. «La conclusione dei lavori - si legge ancora nella delibera - avverrà entro il 16 settembre 2022. L’opera artistica sarà oggetto di donazione a favore del Comune di Gorizia e la Lega Nazionale (come ampiamente noto, ndr) si dovrà fare carico di ogni onere relativo alla realizzazione e alla posa in opera del monumento rispettando tutte le norme in vigore: attività edilizia, anti-sismiche, di sicurezza, antincendio, igienico-sanitario, di tutela dal rischio idrogeologico nonché dalle disposizioni contenute nel Codice dei beni culturali e del paesaggio».

Il parco della Rimembranza ospita diversi monumenti: si inizia con quello dedicato ai 665 cittadini deportati e trucidati dagli Jugoslavi dopo la fine della Seconda guerra mondiale per continuare con il manufatto che celebra la divisione di fanteria Lupi di Toscana (ricostruito dopo essere stato distrutto dall’esercito jugoslavo nel 1945). Gli altri monumenti sono quelli alla Brigata alpina “Julia”, all’eroe della Prima guerra mondiale Vittorio Locchi, all’eroe della Prima guerra mondiale Giovanni Maniacco, all’eroe della Prima guerra mondiale Emilio Cravos. Senza dimenticare i resti del tempietto circolare con cupola, innalzato su progetto di Enrico Del Debbio, realizzato nel 1929 e fatto saltare in aria nella notte del 2 agosto 1944 da parte degli slavi collaborazionisti con il consenso degli occupatori nazisti.

L’obiettivo della nuova realizzazione, più volte dichiarato dalla Lega Nazionale, è di «dare pari dignità - si legge ancora nella relazione di progetto - ai nomi di tutti i deportati, anche quelli trovati in un secondo momento. L’intenzione è di andare a creare una struttura armoniosa e integrata nel contesto storico-ambientale, creando così un’atmosfera tale da dare anima a quel luogo».

Non è un mistero che il nuovo Lapidario viene fieramente contestato dall’Anpi di Gorizia. Nel mirino, in particolare, la pertinenza di diversi nominativi che sarebbero totalmente estranei alle deportazioni. «Su questo tema registriamo mancanza di doverose verifiche e accertamenti», il messaggio più volte lanciato dall’Associazione partigiani. —



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news