LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. MiBAC, la riforma Bonisoli è approvata: pubblicata in Gazzetta Ufficiale. Ecco le novità
Finestre sull'arte, 08/08/2019

La riforma Bonisoli è ufficiale: il testo del Decreto del Presidente del Consiglio 19 giugno 2019 n. 76 (Regolamento di organizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali, degli uffici di diretta collaborazione del Ministro e dellOrganismo indipendente di valutazione della performance) è stato pubblicato in data 7 agosto in Gazzetta Ufficiale, ed entrerà in vigore a partire dal 22 agosto. Sono state confermate quasi tutte le principali novità contenute nella bozza di riforma. In particolare, aumentano i poteri del segretario generale, che vede attribuirsi il coordinamento delle politiche dei prestiti allestero dei beni culturali, in attuazione delle direttive del Ministro, il coordinamento in materia di politiche del turismo con il competente Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo e il coordinamento delle politiche in materia di comunicazione e informazione istituzionale, anche attraverso il sito web del Ministero e in raccordo con lUfficio Stampa. Rimosso il provvedimento, contenuto in bozza, che garantiva al segretario generale la possibilità di avocare a sé la direzione di un museo o in generale di un ufficio dirigenziale periferico il cui direttore fosse vacante (ma il segretario generale potrà comunque proporre il sostituto), e rispetto alla bozza sono confermati anche i due uffici dirigenziali di livello generale che gli vengono affiancati: ununità per la programmazione, linnovazione e la digitalizzazione dei processi, che svolge compiti in materia di programmazione strategica, innovazione e digitalizzazione dei processi, e in particolare, e una unità per la sicurezza del patrimonio culturale e la gestione delle emergenze, che assicura il coordinamento e lattuazione di tutte le iniziative in materia di sicurezza del patrimonio culturale e di coordinamento degli interventi conseguenti ad emergenze nazionali ed internazionali, anche in collaborazione con le altre amministrazioni competenti.

Confermato laccorpamento della direzione generale Archeologia con la direzione generale Belle Arti e Paesaggio (il direttore generale avrà competenza sui provvedimenti di verifica o dichiarazione di interesse culturale, adotterà le prescrizioni di tutela indiretta e le dichiarazioni di notevole interesse pubblico paesaggistico), e confermata anche la nuova direzione generale Contratti e concessioni che centralizzerà appalti e concessioni sia per la sede centrale sia per gli uffici periferici del ministero (musei, archivi, soprintendenze ecc.) e farà dunque da stazione appaltante: per la sede centrale senza limiti di valore e di oggetto, mentre per gli uffici periferici i limiti saranno definiti con decreto ministeriale.

Per quanto riguarda il contemporaneo, confermata la trasformazione della direzione generale Arte e architettura contemporanee e periferie urbane in Creatività contemporanea e rigenerazione urbana, che avrà anche competenze su moda e design: in particolare, la direzione promuove e sostiene la ricerca, i talenti e le eccellenze italiane nel campo dellarte e dellarchitettura, del design e della moda contemporanee italiane, e promuove la conoscenza dellarte e della cultura architettura, del design e della moda contemporanee italiane allestero, fatte salve le competenze del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale e dintesa con il medesimo.

Quanto ai musei autonomi, confermata la bocciatura di Galleria dellAccademia di Firenze, Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia e Parco Archeologico dellAppia Antica: perderanno la loro autonomia. La riforma prevede inoltre che potranno essere individuati eventuali altri organismi istituiti come autonomi e potranno esserci accorpamenti (possono essere assegnati agli istituti o ai musei di cui al comma 3, ovvero i musei autonomi, ulteriori istituti o luoghi della cultura).

Alle soprintendenze, che continueranno a svolgere le funzioni di tutela e catalogazione nellambito del territorio di competenza, sulla base delle indicazioni e dei programmi definiti dalla Direzione generale Archeologia, belle arti e paesaggio, vengono estese anche competenze relative alla valorizzazione (la soprintendenza, si legge nel testo, amministra, controlla e, sulla base dellattività di indirizzo della Direzione generale Musei, valorizza i beni datigli in consegna, ed esegue sugli stessi anche i relativi interventi conservativi), e altre funzioni di valorizzazione saranno in capo alle nuove direzioni territoriali delle reti museali, che sostituiscono i poli museali regionali, aboliti dalla riforma Bonisoli (le direzioni territoriali, si legge nel testo, assicurano sul territorio la fruizione e la valorizzazione dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura). Le direzioni territoriali delle reti museali verranno successivamente individuate con un decreto ministeriale. Competenze di valorizzazione vengono affidate anche ai musei e altri istituti e luoghi della cultura, che svolgono funzioni di valorizzazione dei beni loro affidati, assicurandone la pubblica fruizione, nonché di tutela con riferimento ai beni mobili in loro consegna, ma le attività di valorizzazione dovranno essere sottoposte alle attività dindirizzo della Direzione generale musei.

Confermato ancora lo scorporo degli uffici esportazione dalle soprintendenze: diventeranno uffici di livello dirigenziale non generale, articolazioni periferiche della Direzione generale Archeologia, belle arti e paesaggio: a decidere sulle esportazioni dei beni, si legge nel testo della riforma, sarà unapposita Commissione costituita da tre funzionari del Ministero, secondo criteri di competenza tecnico-scientifica e assicurando unadeguata rotazione, che si pronuncerà a maggioranza. Vengono inoltre abolite le commissioni regionali del patrimonio.

Infine, viene leggermente sforbiciata la dotazione dellorganico del Ministero dei Beni Culturali: 188 dirigenti (contro i 191 della riforma Franceschini) e 18.976 lavoratori nelle aree (contro i 19.050 della riforma Franceschini).

https://www.finestresullarte.info/flash-news/4519n_riforma-bonisoli-diventa-ufficiale.php


news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news