LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Calatrava fa ricorso: Una condanna sbagliata
Alberto Zorzi
Corriere del Veneto 15/8/2019

La sentenza della Corte dei Conti è errata. E Calatrava annuncia ricorso contro la condanna per gli errori progettuali del ponte veneziano.
Larchitetto e i 78 mila euro da pagare per gli errori progettuali del suo ponte a Venezia

VENEZIA. Pur nel rispetto della magistratura italiana, la sentenza della sezione centrale dappello della Corte dei Conti è errata nella parte in cui mi condanna. In tale ottica, anche se per larga parte la sentenza ha confermato lassoluzione, è stato già dato mandato ai legali di procedere ad impugnare la pronunzia nelle competenti sedi per le poche parti negative. Larchitetto spagnolo Santiago Calatrava non ci sta a passare per quello che ha danneggiato il Comune di Venezia con il suo ponte, il quarto sul Canal Grande. Nei giorni scorsi la Corte ha condannato lui e lex dirigente di Ca Farsetti che fu il responsabile unico del procedimento (Rup) a risarcire una minima parte dei 3,9 milioni contestati inizialmente dalla procura erariale: Calatrava dovrà pagare circa 78 mila euro, 36 mila per gli otto gradini sostituiti nei primi quattro anni di vita del ponte, nonostante il piano di manutenzione li prevedesse ventennali, e 42 mila per alcune parti metalliche che si dovettero rifare perché il progetto era sbagliato; lingegner Salvatore Vento 11 mila euro perché in una perizia di variante non avrebbe applicato il ribasso dasta sulla nuova fornitura, anche se il suo legale, lavvocato Vittorio Domenichelli, aveva sostenuto che fosse già compreso nei prezzi contrattuali.

Per Vento la sentenza è definitiva, perché in Cassazione si può ricorrere solo per il regolamento di competenza. Ed è proprio questo lo spiraglio a cui si appiglia Calatrava quando parla di impugnazione. Ciò per raggiungere piena chiarezza anche sui fatti sui quali i giudici hanno voluto erroneamente configurare una mia responsabilità, aggiunge larchistar catalana. Il suo legale, lavvocato Pierluigi Piselli, è già al lavoro: sta studiando la sentenza e capendo i margini di manovra. Ma cè un aspetto che potrebbe essere contestato. Già anni fa, quando ci fu la prima sentenza della Corte del Veneto, che aveva assolto Calatrava su tutti i fronti, la difesa si era rivolta alla Cassazione, che aveva tracciato dei paletti precisi: larchitetto spagnolo non avrebbe potuto essere giudicato nel suo ruolo di progettista, che non è soggetto alla giurisdizione della giustizia contabile, ma solo in quello di direttore artistico, incarico che gli era stato dato da Ca Farsetti per affiancare il direttore dei lavori e il Rup. Ma se entrambi sono stati assolti, salvo per la questione dei prezzi che non riguardava Calatrava, come può questultimo essere stato condannato? - si chiede lavvocato Piselli - Sia la questione dei gradini che quella delle parti metalliche sembrano coinvolgere più laspetto di progettista. Forse il ruolo dellarchitetto non è stato ben valutato e potrebbe essere oggetto di un nostro ricorso.



news

27-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news