LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Il Cenacolo va a Brera E questa volta la Lega tuona contro il ministro
Mimmo Marzio
Il Giornale, 18/08/2019

Dopo il decreto sui Beni culturali, l'assessore regionale Galli accusa: Decisioni dirigiste

Ora che il decreto ministeriale è ufficiale rendendo completa la riforma Bonisoli, il mondo della cultura (e quello della politica) è più spaccato di prima.

Per molti, il via libera a sorpresa del ministro a una grandissima Brera che includerà anche il Cenacolo pare il risveglio da un terribile incubo: quello di un addio anticipato del direttore della Pinacoteca James Bradburne, dimezzato nei poteri e privato di Palazzo Citterio, anello strategico del futuro Brera Modern. Per altri invece, l'estate pirotecnica del ministro culminata nella riforma è stata una mazzata mortale al percorso di autonomia che ha rilanciato in questi anni i grandi musei italiani, e che rappresenta anche uno dei cardini dell'attuale governo. In trincea su questo fronte tuona Stefano Bruno Galli, assessore regionale all'Autonomia e alla Cultura, secondo cui l'operazione di Bonisoli va contromano rispetto al cambiamento, secondo un piano dirigista e centralista. A scatenare l'assessore leghista è stata soprattutto la decisione di spostare sotto l'egida di Brera L'Ultima Cena di Leonardo, fiore all'occhiello del sistema culturale regionale fino ad oggi sotto la responsabilità del Polo Museale della Lombardia. Uno scippo bell'e buono, secondo Galli, che attacca il ministro: Decisioni senza senso, perchè l'unica strada da perseguire è la regionalizzazione delle politiche di valorizzazione dei beni culturali, sopprimendo le sovrintendenze, catafalchi che risalgono agli anni Trenta. Galli, in particolare, rimarca il fatto che la riforma sia stata varata senza un dialogo e senza un confronto con gli enti territoriali. Considerazioni più che legittime, considerato l'impianto dell'intera riforma pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale l'8 agosto scorso, ma oggi che suonano fuori tempo massimo. La domanda vera sarebbe infatti: poteva, o meglio doveva, la Lega al governo opporsi a una manovra centralista e dirigista, e arginare i danni ad un settore strategico come i Beni Culturali? È intervenuta la Lega paladina delle autonomie quando il direttore della Pinacoteca milanese protestava contro le manovre ministeriali che rischiavano di vanificare i risultati conseguiti proprio grazie a quella semi-autonomia dei grandi musei sancita dalla riforma Franceschini? La resistenza c'è stata eccome - dice Galli al Giornale - tanto che, forse per la prima volta nella storia della Repubblica, un sottosegretario (la leghista Lucia Borgonzoni) ha chiesto al suo ministro di riferimento di ritirare il testo di un disegno di legge. Io stesso ho guidato una delegazione dal ministro per pretendere una concertazione sui decreti attuativi. Purtroppo ci troviamo di fronte a un ministro che da una parte finge di negoziare e dall'altra sotterraneamente incardina disegni di legge sciagurati come quello sul Mibac o come quello delega per la revisione del codice dello spettacolo. Sulla decisione di accorpare Brera con il Cenacolo vinciano, Galli ha le idee molto chiare: Si tratta di un'iniziativa politica di facciata, perchè in questo modo punta a superare un milione di visitatori che è il numero che dovrebbe fare, da sola, una Pinacoteca del livello di Brera. Diverso sarebbe stato creare un polo gestito da una Fondazione di cui facessero parte, oltre al ministero, Regione e Comune. Vero è che, almeno per Milano, lo scenario diventa ora interessante per almeno due motivi. Il primo riguarda il via libera del ministro a nuovi lavori a palazzo Citterio, decisione che accoglie le istanze di Bradburne contro le tesi sostenute dalla sovrintendente Ranaldi. Appare a questo punto anche probabile la riconferma del direttore in scadenza di contratto, artefice della rinascita di un museo che, solo a Ferragosto, ha registrato 4.600 visitatori.

http://www.ilgiornale.it/news/milano/cenacolo-va-brera-e-questa-volta-lega-tuona-contro-ministro-1741060.html


news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news