LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cesare de Seta (ri)narra arte e architettura tra le due guerre
Corriere del Mezzogiorno - Campania 18/8/2019

Quando ci si occupa di testi cardine più volte riscritti, ripensati e riconsiderati non si può non andare con la mente a Fratelli dItalia di Alberto Arbasino: trentanni tra la prima edizione del 1963 e lultima, definitiva, del 1993 con esattamente al centro, nel 1976, una seconda versione. Reinventato completamente, arrivando a raggiungere le oltre mille pagine a fronte della metà di quelle iniziale, lenciclopedico viaggio on the road del rizomatico scrittore di Voghera rappresenta lepitome di una ricerca e reinvenzione linguistica paragonabile, per originalità, solo ai lavori di Gadda e di DArrigo. A quel libro monstre si ripensa quando si ha di fronte la terza edizione di La civiltà architettonica in Italia 1900-1944 (Clean, 2019) di Cesare de Seta, una storia della cultura artistica e architettonica nazionale tra le due guerre: altrettanto centrale nella produzione non solo dello storico napoletano ma anche nellintera analisi critica su quel periodo è stata, nellarco di mezzo secolo, più volte rivista. La versione attuale non si limita infatti a correggere, emendare, spostare parti allinterno del testo ma accorda e assesta pesi su protagonisti e vicende di un periodo da nessuno mai analizzato così a fondo. Il volume, dopo la sua prima uscita nel 1971, si inserì autorevolmente nel corso del decennio allinterno del dibattito sullesistenza e definizione stessa di una cultura fascista che vide di fronte Nicola Tranfaglia e Norberto Bobbio e sebbene quella temperie appare, purtroppo, molto lontana dalla qualità e dalla tessitura del dibattito culturale attuale, il libro di de Seta è ancor oggi uno strumento lucido e appassionato sul periodo non solo per le vicende architettoniche ma anche su quelle delle arti figurative.

La prima metà del Novecento fu infatti, non solo in Italia, il ciclo in cui pittura, fotografia e scultura furono inscindibili dalle sorti stesse dellarchitettura.

Restano immutati, invece, i furori e le passioni di uno storico sanguigno che non risparmia sintonie e avversioni, a volte feroci, verso alcuni protagonisti di quegli anni: icastico in tal senso le sgangherate matite di Piacentini rivolto a uno dei protagonisti del monumentalismo fascista. Molto più dense appaiono inoltre le pagine dedicate al liberty da nord a sud e singolare qualche ripensamento su alcuni personaggi il cui ruolo de Seta fu tra i primi a scavare: si pensa a Raffaello Giolli cui proprio lautore dedicherà, negli anni 80, un volume in cui lo accostava a due giganti del dibattito architettonico come Giuseppe Pagano ed Eduardo Persico e che in questo volume esce, almeno ponderalmente, ridimensionato rispetto alle redazioni precedenti, mentre lo svizzero-italiano Mario Chiattone, ingiustamente trascurato in passato, vede finalmente affermato il ruolo che gli spetta.

Il volume, inoltre, appare viepiù prezioso anche per gli apparati iconografici, bibliografici e di note ampiamente arricchiti e aggiornati. Lanalisi critica appare ancora coraggiosamente spostata più su Gramsci che su Croce con un po di Barthes in più e con un po di Argan in meno e al contempo fa piacevolmente sorridere la scoperta di alcuni personaggi negletti fino a qualche tempo fa. Come il rilievo dato allo scultore e disegnatore Adolfo Wildt, ignorato nelle versioni precedenti e cui riconosce finalmente una cifra stilistica dimpronta mitteleuropea, o linserimento nella redazione attuale di un pittore come Cagnaccio di San Pietro, di quel isolato ribelle lontano da ogni avanguardia, movimento e corrente in cui de Seta riconosce rimandi alla Tradizione, con la maiuscola, tra Piero della Francesca e Mantegna: troppo per essere apprezzato in epoche di furori ideologici e di manifesti arroventati.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news