LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze schiacciata dal turismo di massa
di Monica Pelliccia
IL FATTO QUOTIDIANO, 20 agosto 2019

Firenze schiacciata dal turismo di massa: “Il centro è stato stravolto, i commerci tradizionali ormai si contano sulle dita delle mani”


La salumeria di Leonardo Terziani, 40 anni, si trova a poche centinaia di metri da Piazza della Signoria, a Firenze. Un negozio a conduzione familiare da due generazioni. Leonardo e la sua famiglia hanno visto cambiare Via Della Spada, dove lavorano, rimanendo una delle poche attività di vicinato del centro, in una strada che ospita un gran numero di appartamenti turistici. “Il turismo ha cambiato il volto della città completamente. Un cambiamento epocale che ho vissuto negli ultimi vent’anni”, spiega Leonardo indicando i vari commerci che hanno chiuso al lato della salumeria. “Il centro è stato stravolto, come attività tradizionale penso di essere rimasto uno dei pochi, ci contiamo sulle dita delle mani”.

A poche centinaia di metri dalla salumeria di Leonardo Terziani si trova la mesticheria di Lucio Tondo, 53 anni, che chiuderà a fine agosto. Il nuovo proprietario la trasformerà in una gelateria o in un’attività legata alla ristorazione. “È tutto dedicato al cibo lungo questa strada e ciò che si trova al piano superiore è dedicato al dormire. Tutto per turisti“, racconta Lucio, nato a 50 metri dal suo negozio aperto nel 1974 dai genitori. “Stanno scomparendo i residenti e così scompaiono anche le attività di vicinato”, dice.


Il turismo è quello dei grandi numeri a Firenze, spesso difficili da quantificare, in una città di 380mila abitanti. Nel 2018, ci sono stati 10 milioni di pernottamenti in strutture ufficiali secondo la Città Metropolitana. “Le stime dell’Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana (IRPET) ci dicono che oltre la metà delle presenze però sfuggono ai dati ufficiali”, spiega Grazia Galli, di Progetto Firenze, organizzazione cittadina che vuole aprire un dibattito sul turismo. “Secondo le stime però si sono raggiunte le 25 milioni di presenze, tenendo conto anche dei pernottamenti in locazioni non censite, come quelle prenotate online, e di altrettanti turisti e turiste giornalieri che arrivano in autobus, treno o spostandosi dai comuni limitrofi”.


Continua a crescere il numero degli affittacamere che sta cambiando il centro storico della città. Nel primo trimestre dell’anno sono stati scelti da 90mila persone, secondo i dati della Città Metropolitana che tengono conto, però, solo degli alloggi registrati. “Negli ultimi 10 anni c’è stato un proliferare degli affitti turistici. Le locazioni non ufficiali, come gli Airbnb, sono passati da 3mila nel 2014, agli oltre 11mila del 2018. Con la nuova legge sul turismo cominciano a essere censite ma adesso non abbiamo ancora dei numeri ufficiali”, continua Grazia Galli. Lanciando anche in Italia una discussione che viene portata avanti nelle città europee come Barcellona, dove i movimenti sociali si oppongono da anni alla gentrificazione, Galli ha raccolto i dati sull’overtourism a Firenze, visto dalle persone residenti nel centro storico, nel libro-inchiesta in uscita “La filosofia del trolley” di cui è co-autrice insieme a Massimo Lensi. “Ormai oltre il 70 per cento degli annunci per affitto di immobili residenziali è a uso turistico – conclude Grazia – Da una nostra ricerca, che abbiamo provato a fare sulle principali piattaforme, la percentuale è di 10 locazioni turistiche per 1 annuncio di affitto abitativo nel centro storico”.

Ola Guza, 28 anni, è arrivata a Firenze 10 anni fa per studiare economia all’Università. Vive in una zona periferica della città, vicino alla ditta di spedizioni dove lavora. In 10 anni ha visto cambiare il mercato immobiliare della città. “In questo momento c’è poca offerta di case in affitto, questo crea difficoltà a trovare un posto adatto a ciascuna persona – spiega Ola – Quando ero una studentessa era più semplice. Ma negli ultimi anni si è ridotta l’offerta di alloggi in affitto, non soltanto nella zona più centrale ma anche in zone residenziali fuori dal centro storico”.

Il turismo riveste un ruolo importante nell’economia cittadina, tanto da essere un settore dove sono stati stipulati oltre 7mila contratti lavorativi standard a Firenze nell’ultimo decennio, secondo IRPET. “Anche per Firenze il turismo è stato il volano dell’economia dopo la crisi. Sono scomparse tutte le aziende di avanguardia che esistevano. In molte situazioni il turismo è l’unica cosa che c’è”, spiega Carlo Nocentini, gestore di due bed and breakfast e di quattro appartamenti turistici nel centro storico, affacciati sull’entrata della stazione ferroviaria di Santa Maria Novella di Firenze. L’affitto turistico di un bilocale nel centro storico può costare tra i 400 e i 700 euro a settimana

La salumeria di Leonardo Terziani, 40 anni, si trova a poche centinaia di metri da Piazza della Signoria, a Firenze. Un negozio a conduzione familiare da due generazioni. Leonardo e la sua famiglia hanno visto cambiare Via Della Spada, dove lavorano, rimanendo una delle poche attività di vicinato del centro, in una strada che ospita un gran numero di appartamenti turistici. “Il turismo ha cambiato il volto della città completamente. Un cambiamento epocale che ho vissuto negli ultimi vent’anni”, spiega Leonardo indicando i vari commerci che hanno chiuso al lato della salumeria. “Il centro è stato stravolto, come attività tradizionale penso di essere rimasto uno dei pochi, ci contiamo sulle dita delle mani”.

A poche centinaia di metri dalla salumeria di Leonardo Terziani si trova la mesticheria di Lucio Tondo, 53 anni, che chiuderà a fine agosto. Il nuovo proprietario la trasformerà in una gelateria o in un’attività legata alla ristorazione. “È tutto dedicato al cibo lungo questa strada e ciò che si trova al piano superiore è dedicato al dormire. Tutto per turisti“, racconta Lucio, nato a 50 metri dal suo negozio aperto nel 1974 dai genitori. “Stanno scomparendo i residenti e così scompaiono anche le attività di vicinato”, dice.

Il turismo è quello dei grandi numeri a Firenze, spesso difficili da quantificare, in una città di 380mila abitanti. Nel 2018, ci sono stati 10 milioni di pernottamenti in strutture ufficiali secondo la Città Metropolitana. “Le stime dell’Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana (IRPET) ci dicono che oltre la metà delle presenze però sfuggono ai dati ufficiali”, spiega Grazia Galli, di Progetto Firenze, organizzazione cittadina che vuole aprire un dibattito sul turismo. “Secondo le stime però si sono raggiunte le 25 milioni di presenze, tenendo conto anche dei pernottamenti in locazioni non censite, come quelle prenotate online, e di altrettanti turisti e turiste giornalieri che arrivano in autobus, treno o spostandosi dai comuni limitrofi”.
Leggi Anche
Case vacanza, dieci regole per prendere o dare in affitto un appartamento: dal contratto alle novità anti evasione

Continua a crescere il numero degli affittacamere che sta cambiando il centro storico della città. Nel primo trimestre dell’anno sono stati scelti da 90mila persone, secondo i dati della Città Metropolitana che tengono conto, però, solo degli alloggi registrati. “Negli ultimi 10 anni c’è stato un proliferare degli affitti turistici. Le locazioni non ufficiali, come gli Airbnb, sono passati da 3mila nel 2014, agli oltre 11mila del 2018. Con la nuova legge sul turismo cominciano a essere censite ma adesso non abbiamo ancora dei numeri ufficiali”, continua Grazia Galli. Lanciando anche in Italia una discussione che viene portata avanti nelle città europee come Barcellona, dove i movimenti sociali si oppongono da anni alla gentrificazione, Galli ha raccolto i dati sull’overtourism a Firenze, visto dalle persone residenti nel centro storico, nel libro-inchiesta in uscita “La filosofia del trolley” di cui è co-autrice insieme a Massimo Lensi. “Ormai oltre il 70 per cento degli annunci per affitto di immobili residenziali è a uso turistico – conclude Grazia – Da una nostra ricerca, che abbiamo provato a fare sulle principali piattaforme, la percentuale è di 10 locazioni turistiche per 1 annuncio di affitto abitativo nel centro storico”.

Ola Guza, 28 anni, è arrivata a Firenze 10 anni fa per studiare economia all’Università. Vive in una zona periferica della città, vicino alla ditta di spedizioni dove lavora. In 10 anni ha visto cambiare il mercato immobiliare della città. “In questo momento c’è poca offerta di case in affitto, questo crea difficoltà a trovare un posto adatto a ciascuna persona – spiega Ola – Quando ero una studentessa era più semplice. Ma negli ultimi anni si è ridotta l’offerta di alloggi in affitto, non soltanto nella zona più centrale ma anche in zone residenziali fuori dal centro storico”.

Il turismo riveste un ruolo importante nell’economia cittadina, tanto da essere un settore dove sono stati stipulati oltre 7mila contratti lavorativi standard a Firenze nell’ultimo decennio, secondo IRPET. “Anche per Firenze il turismo è stato il volano dell’economia dopo la crisi. Sono scomparse tutte le aziende di avanguardia che esistevano. In molte situazioni il turismo è l’unica cosa che c’è”, spiega Carlo Nocentini, gestore di due bed and breakfast e di quattro appartamenti turistici nel centro storico, affacciati sull’entrata della stazione ferroviaria di Santa Maria Novella di Firenze. L’affitto turistico di un bilocale nel centro storico può costare tra i 400 e i 700 euro a settimana.

“All’inizio la sharing economy era molto usata dai fiorentini, ma ormai, come ci dicono i dati di Inside Airbnb è gestita da multiproprietari, soprattutto grossi immobiliaristi – conclude Grazia Galli – Il turismo ha permesso di sopravvivere dopo la crisi economica però da allora è diventato praticamente l’economia dominante. Oggi contribuisce anche per il 15-20 per cento al PIL di Firenze, ma anche una grossa industria che consuma la città”.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/08/20/firenze-schiacciata-dal-turismo-di-massa-il-centro-e-stato-stravolto-i-commerci-tradizionali-ormai-si-contano-sulle-dita-delle-mani/5389173/


news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news