LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tuscania, la città etrusca rinata come una scenografia
Philippe Daverio
Corriere della Sera 19/8/2019

Fra il lusco e il brusco, ricompare sempre letrusco. Si cela ovunque nelle terre dItalia Centrale, nei misteri dellUmbria, nei confini con le terre greche di Partenope e di Paestum, dalle parti di Bologna e forse addirittura nellalto Veneto, ipotesi sostenuta recentemente con acume dallarcheologa Luisa Bertacchi.

Era probabilmente irrequieto letrusco. Ma dove appare ancora misteriosa lombra sua è in quelle colline arcane fra Tarquinia, città dei primi re di Roma, Vulci e Tuscania, in quella Tuscia meridionale dalla quale partiva la via Clodia, tagliata nella gola stretta nel tufo che porta alle tombe di Norchia.

Lì le architetture scavate nella roccia evocano timpani di templi greci e il fondo delle tombe si conclude con la sagoma della porta che apre sullal di là.

Qui rise lEtrusco, un giorno, coricato, con gli occhi a fior di terra, guardando la marina. E accoglieva nelle sue pupille, il multiforme e silenzioso splendore della terra fiorente e giovane di cui aveva succhiato il mistero gaiamente, senza ribrezzo e senza paura, affondandoci le mani e il viso. Ma rimase seppellito, il solitario orgiasta, nella propria favola luminosa. Benché la gran madre ne custodisca un ricordo così soave che, dove lEtruria dorme, la terra non fiorisce più che asfodeli. Così scriveva nel secolo scorso, ultimo degli etruschi, il poeta Vincenzo Cardarelli.

Turning Disaster into Opportunity è tema classico dei libretti popolari di management, quelli che offrono per pochi dollari la strada verso il successo. Ma è pure ciò che è avvenuto alla cittadina di Tuscania dopo il terribile terremoto che la distrusse il 6 febbraio del 1971.

Le superfetazioni povere degli anni postbellici vennero eliminate, lalluminio anodizzato scomparve dalle facciate, le mura esterne del centro storico con le loro torri furono liberate da ogni piccola costruzione parassitaria. Labitato nuovo, con la confusa estetica che contraddistingue oggi quasi tutta lItalia, fu collocato nella campagna adiacente.

Oggi lorizzonte che delinea la città antica è un esempio di perfezione paesaggistica, un miracolo arcano che appare come un miraggio al viaggiatore, dove la massa urbana dialoga in un garbato contrappunto con la collina sulla quale svettano la torre della chiesa di San Pietro e i ruderi del castello del Rivellino.

Limponente edificio di culto fu sede del vescovado fino al XVI secolo ma deve il suo aspetto ad un momento apicale dellarchitettura romanica, quando questa ancora si contrapponeva quanto il papato alla nascente architettura gotica degli Angiò.

La facciata è un libro da leggere con attenzione, nel rosone fuori dalle abituali dimensioni, nei marmi bianchi istoriati da una misteriosa abilità. Vi si legge a sinistra il paradiso futuro, premio duna vita santificata, e a destra ovviamente lopposto, il destino infernale.


Il diavolo merita sempre una certa attenzione, ma qui appare ben due volte, sopra e sotto unelegante bifora cosmatesca, e sfoggia ogni volta tre profili al contempo, come le teste di Cerbero guardiano degli inferi, mentre nelle volute fitomorfe che aggirano la sua triplice effige appaiono le capsule del papavero, non quello dei campi di grano, bensì quello da oppio che già Orfeo forniva alle anime dellaldilà per dimenticare nel sonno le passioni della vita passata.

Se poi si trova il viandante scosso da una simile interpretazione del proprio futuro, basta che scenda di poche centinaia di metri verso la chiesa di Santa Maria Maggiore dove potrà rivedere un diavolo già ben più a norma, cornuto e infuocato, in un affresco che risale al quattordicesimo secolo.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news