LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Siracusa, nel Val di Noto l'incubo delle trivelle a casa Montalbano
di CLAUDIO REALE
la Repubblica 7 agosto 2019

La Regione dice sì alla ricerca di idrocarburi da parte della società texana Panther Oil. Le perforazioni nel 2007 furono bloccate dopo un appello di Camilleri


Dodici anni dopo, ritorna Panther Oil. E con quella si rinfocola la polemica. La Regione ha dato il via libera alla ricerca di idrocarburi nel Val di Noto alla compagnia texana, che proprio per aver chiesto di trivellare la stessa zona balzò agli onori delle cronache nel 2007, quando contro le perforazioni (poi bloccate) si schierò anche Andrea Camilleri. Ora si ricomincia: il decreto, firmato all’inizio del mese scorso dall’assessore regionale al Territorio Toto Cordaro su proposta del dirigente (e suo predecessore) Mario Parlavecchio, dà parere positivo a un progetto presentato a gennaio e fissa una serie di paletti per la ricerca, fra i quali il divieto di usare esplosivi, l’obbligo di tenersi lontano dalla riserva naturale, dalle oasi di Natura 2000 e naturalmente dai siti Unesco e l’imposizione di farsi controllare dall’università di Catania. In Sicilia sud-orientale, però, è già scoppiata la rivolta.

A salire sulle barricate è un altro ex assessore regionale di quell’epoca, Fabio Granata. L’esponente ex finiano, ora in giunta comunale a Siracusa, chiede alla politica di stoppare l’intervento: "Mi appello al presidente Nello Musumeci, di cui conosco la sensibilità ambientale — dice — affinché blocchi e revochi subito tali autorizzazioni che preludono a nuove trivellazioni per idrocarburi in territori Unesco, dove da tempo abbiamo scelto con decisione un modello economico fondato sul turismo culturale e naturalistico e sulla agricoltura biologica e la viticoltura di eccellenza".

Per la Regione, però, non poteva che essere così. Cordaro, innanzitutto, mette però le mani avanti: "Io — scandisce — ho firmato il decreto senza entrare nel merito su proposta del dipartimento. In compenso non mi posso sottrarre per legge a concedere l’autorizzazione per la ricerca. Cosa diversa sarebbe se ci fosse un’attività estrattiva. Possiamo però garantire che l’attenzione è massima, anche grazie ai fitti paletti e alla sorveglianza dell’università".

Una polemica analoga era già scoppiata nel 2007. A lanciare un forte appello per la salvaguardia della zona, dalle pagine di Repubblica, era stato Camilleri: l’appello, rilanciato da diversi politici e da Legambiente, era stato sottoscritto da ottantamila lettori. Nel documento il papà del commissario Montalbano chiedeva che venissero definitivamente e "irreversibilmente" stoppate le concessioni per l’estrazione di idrocarburi nel Val di Noto, concesse nel 2003 dal primo governo Cuffaro. Alla fine la compagnia aveva ceduto alle pressioni, fermandosi spontaneamente. Adesso, a pochi giorni dalla morte dello scrittore, il nuovo via libera.

Il presidente della Regione Nello Musumeci frena sulle trivelle nel Val di Noto e dà la colpa al governo nazionale. “La posizione del governo Musumeci sull’avvio di progetti di ricerca sugli idrocarburi – si legge in una nota di Palazzo d’Orléans diramata a nome di tutta la giunta - è chiara sin dal primo momento: porre un freno alle attività estrattive del fossile. A maggior ragione, questa linea trova applicazione in aree particolarmente vocate all’economia turistico-culturale e agricola di qualità. Nel caso specifico, relativo al ‘rilievo geofisico all’interno del permesso di ricerca idrocarburi denominato Tellaro nel territorio della provincia di Ragusa’, si tratta di un percorso delineato dal governo nazionale, nel novembre del 2018, e attuato dagli organi periferici della Regione, peraltro con giudizio insindacabile, come quello reso nel maggio di quest’anno dalla competente Soprintendenza ai beni culturali”.Per la giunta, insomma, il permesso di ricerca non poteva non essere concesso.

Cosa diversa, assicura Palazzo d’Orléans, sarebbe lo sfruttamento di eventuali giacimenti: “In coerenza con la sua posizione - prosegue la nota della presidenza della Regione - il governo Musumeci ribadisce la contrarietà a ogni eventuali futura attività estrattiva che possa costituire un pregiudizio per l’equilibrio ambientale e paesaggistico dell’Isola”. C’è però una via d’uscita: “Ogni altra attività, svolta in contesti compatibili, non può che essere subordinata ad adeguate misure compensative, a cominciare dal riconoscimento, da parte del governo centrale, del diritto alla defiscalizzazione dei prodotti petroliferi per i cittadini residenti in Sicilia – chiude la nota - La stagione dello sfruttamento indiscriminato del sottosuolo è finita”.

https://palermo.repubblica.it/politica/2019/08/07/news/siracusa_nel_val_di_noto_rispuntano_le_trivelle_a_casa_montalbano-233011143/?ref=search


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news