LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Silvio Curto. Legittologo dimenticato
Paolo Morelli
Corriere della Sera - Torino 20/8/2019

Il Castello di Aglié, durante la Seconda guerra mondiale, ospitò buona parte dei reperti del Museo Egizio per salvarli dalle bombe (altri furono stipati nei sotterranei dellattuale sede). Terminato il conflitto, grazie al direttore dellepoca, Ernesto Scamuzzi, tutto tornò a casa in fretta per procedere a un riallestimento e lEgizio fu il primo museo a riaprire dopo la guerra. A occuparsi di quei reperti ci fu anche Silvio Curto, che ventanni dopo sarebbe diventato il successore di Scamuzzi. Oggi Curto avrebbe compiuto 100 anni (è scomparso nel 2015) ma la sua impronta è ancora forte ed è anche raccontata in un libro, Una vita tra i faraoni (Ananke, 2010), scritto da Riccardo Manzini, chirurgo esperto di Egittologia. Non ci sono festeggiamenti in programma, ma dal museo assicurano che oggi Curto sarà ricordato sul sito e a settembre ci saranno alcuni eventi.

Mio padre aveva un grande amore per lEgitto ricorda il figlio Guido, direttore di Palazzo Madama che fra poche settimane andrà a dirigere la Reggia di Venaria e aveva in mente un modello di museo, che sta realizzando Christian Greco, per raccontare la civiltà, non i misteri. Anzi, si arrabbiava quando si parlava dei misteri e non amava lallestimento buio dello statuario, perché lAntico Egitto era un Paese solare.

Silvio Curto entrò come operaio, poi diventò ispettore e, nel 1965, direttore. Restò in carica per ventanni, insegnando Egittologia allUniversità di Torino. Erano anni in cui i fondi scarseggiavano e lui si diede da fare per reperirli, come nel caso del Tempio di Ellesija. Nel 1961 racconta Beppe Moiso, curatore dellEgizio iniziò la grande campagna di salvataggio della Nubia, alla quale partecipò anche lItalia. A causa della costruzione di una diga, molti siti rischiarono di finire sottacqua (e alcuni ora sono sommersi). Curto, con Vito Maragioglio e Celeste Rinaldi, fece smantellare il Tempio di Ellesija per portarlo al sicuro. LUnesco, poi, lo donò allItalia, ma servivano fondi per portarlo a Torino e Curto riuscì a coinvolgere lallora sindaco Giuseppe Grosso (si dice che ipotecò la sua casa) e Pininfarina. Fece del fundraising ante litteram aggiunge Guido Curto , ma mio padre aveva un altro sogno, realizzare nei sotterranei dellEgizio un museo per i bambini. La sua idea era che fosse un museo storico. E da qui la nascita di un forte feeling con Christian Greco, che andò a trovarlo a casa sua nel 2014. È un ricordo prezioso, che conservo con grande affetto racconta Greco , quello del giorno in cui, da poche settimane a Torino per guidare il Museo Egizio, mi recai a salutare Curto a casa sua. Mi trovai dinanzi a un signore daltri tempi, un uomo di rara cortesia e disponibilità, con cui conversai amabilmente e che lasciai portando con me un dono prezioso: il suo incoraggiamento e stimolo a sviluppare il museo. Le tracce di Curto allEgizio si trovano nellAssociazione Amici e Collaboratori del Museo, da lui fondata nel 1974, e nella ricca biblioteca, voluta a Curto e a lui intitolata.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news