LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lecce. Museo aperto ma vuoto. Il professor DAndria: delusi i colleghi stranieri
Antonio Della Rocca
Corriere del Mezzogiorno - Puglia 21/8/2019

Molti amici e colleghi stranieri si sono lamentati. È quanto rivela il professor Francesco DAndria, noto archeologo dellUniversità del Salento, a proposito del caso del museo Castromediano di Lecce lasciato vuoto. Linaugurazione? Una beffa, dichiara.
Il noto archeologo dellateneo di Lecce: Potevano utilizzare le grandi collezioni. Inaugurazione beffa

Lecce. Ho saputo della inaugurazione del Museo Castromediano, a cui non ho potuto partecipare, però tanti amici mi hanno detto che è stata una cosa molto sontuosa, in pompa magna, con la partecipazione di personalità, ma questi stessi amici si sono lamentati con me, così come alcuni colleghi stranieri ai quali avrei voluto mostrare le collezioni che invece non ci sono, racconta larcheologo Francesco DAndria. Lo studioso, già direttore della Scuola di Archeologia dellUniversità del Salento, aggiunge il suo punto di vista critico alla dialettica sviluppatasi in questi giorni attorno al Museo Sigismondo Castromediano di Lecce, inaugurato il 22 giugno senza nulla al suo interno, se si esclude una colonnina messapica, unopera darte moderna e poco altro.

Professor Dandria, cosa pensa della situazione del museo?

Cè una delusione diffusa per il fatto che le collezioni non sono presenti, malgrado il museo sia aperto.

Lei è unautorità in campo archeologico. Tra le altre cose ha scoperto lanfiteatro romano di Rudiae e il santuartio di Atena sul capo iapigio di Castro, di cui parlano Strabone e Dionigi di Alicarnasso, ed è anche membro dellAccademia dei Lincei. Lhanno mai interpellata per sistemare le collezioni archeologiche del Castromerdiano?

Il direttore del Polo biblio-museale di Lecce, Luigi De Luca, mi aveva invitato circa due mesi fa chiedendomi di collaborare allallestimento, ma solo per quello che riguarda gli anfiteatri.

E comè andata?

Abbiamo fatto una riunione di carattere molto generale e poi basta. Non so cosa sia accaduto dopo. Non so assolutamente nulla neppure sullallestimento che riguarda i messapi.

Oggi lunica traccia del messapi nel museo è la Colonnina di Patù. Non le pare troppo poco?

Devo dire che, essendomi recato al museo, nel vedere quella colonnina come unica attestazione della civiltà messapica ho avuto la sensazione di una beffa, perché nessuno lha ancora studiata, non si sa esattamente cosa sia, non è stata letta. Sembra un feticcio inutile. È chiaro che tutte queste cose offrono il fianco a critiche che possono essere giustificate.

Secondo lei sarebbe stato possibile fare un allestimento almeno parziale, utilizzando anche una piccola porzione delle testimonianze antiche che giacciono nei depositi?

Sì, secondo me si potevano almeno presentare le grandi collezioni, per esempio quella della ceramica che vanta dei capolavori. Se mi avessero chiesto qualcosa lo avrei suggerito.

La Regione ha pianificato il rilancio del Museo provinciale Castromediano che rischiava la decadenza.

Dopo la riforma Franceschini che ha abolito di fatto larcheologia cancellando le Soprintendenze archeologiche, la legge Delrio ha fatto il resto dei danni senza spiegare da chi sarebbero state esercitate le funzioni delle Province. Queste sono riforme improvvide sui beni culturali, sulle quali anche lAccademia dei Lincei si è espressa con un documento caduto nel vuoto perché era indirizzato al ministro Bonisoli, il quale non ha risposto perché non conosce bene i problemi dei beni culturali essendosi sempre occupato di moda. La moda è parte dei beni culturali, ma esiste anche il David di Michelangelo. A Bari cè un polo museale del ministero del Beni culturali e un altro polo biblio museale della Regione e tutto questo crea unenorme confusione dalla quale non credo che usciranno dei buoni risultati.

Qual è stato finora il ruolo della Regione?

Lassessora alla Cultura, Loredana Capone, ha cercato di porre rimedio a tutto questo. Poi cè il discorso dellinaugurazione del museo Castromediano vuoto, cosa che non doveva avvenire. Loredana Capone ha proposto la gestione regionale e la collaborazione con lUniversità. Soprattutto dopo la morte del direttore del museo, Tonino Cassiano, la struttura era rimasta priva di qualsiasi interlocutore. Certo, oggi è triste che Lecce non abbia un museo, se si esclude il museo Faggiano sulla cui consistenza scientifica esprimo molti dubbi.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news