LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma, comignolo di McDonald's al Pantheon: blitz dei vigili nel cantiere
Paolo Boccacci
La Repubblica - Roma 24/8/2019

La canna fumaria di alluminio del Mc Donald's che si illumina al sole sui tetti di piazza del Pantheon, sfregiando lo skyline che mostra sulla destra perfino la cupola di Sant'Ivo alla Sapienza del Borromini, fa scattare le ispezioni. Ieri mattina, dopo aver letto la denuncia di un cittadino su Repubblica, l'assessore municipale al Commercio Tatiana Campioni ha chiamato i vigili disponendo un controllo. Mentre la presidente dell'Associazione abitanti del centro storico Viviana Piccirilli Di Capua precisa: "Vedendo l'immagine potrebbe trattarsi di un elemento nuovo inserito in vecchia canna fumaria in muratura, incompatibile e illegale per le norme vigenti di sicurezza. E poi dovrebbe essere tre metri sopra ultimo lastrico solare".

Di che si tratta? Naturalmente la multinazionale americana che ha presentato una Scia per aprire sui tre piani di una ex banca all'angolo tra piazza della Rotonda e la Salita dei Crescenzi, a pochi metri dalle antiche colonne del Pantheon, un fast food di 440 metri quadrati, ha bisogno di una canna fumaria che faccia uscire dall'alto i fumi della grande cucina. Ebbene la Soprintendenza l'aveva obbligata a servirsi della vecchia canna fumaria che saliva dalla chiostrina di un ristorante che prima della banca occupava quegli spazi. Ma evidentemente c'è stato bisogno di un ulteriore innesto o della sostituzione di un pezzo finale e così dal nulla, sui tetti è spuntato il " comignolo" che ha fatto infuriare gli abitanti. E che probabilmente la società sarà obbligata a toglierlo o a coprirlo di mattoni. Una cosa è certa: la versione attuale ha dell'incredibile.

E intanto una lettera urgente è partita dal Municipio del Centro alla volta delle scrivanie della sindaca Raggi, del vicesindaco e assessore alla Cultura Luca Bergamo e dell'assessore allo Sviluppo economico Carlo Cafarotti. "Vi scriviamo - spiegano la presidente del Municipio, la dem Sabrina Alfonsi, e l'assessore Campioni - in merito all'apertura di una nuova attività di somministrazione della catena Mc Donald's in piazza della Rotonda, per esprimervi la nostra preoccupazione".

Poi si affronta il nocciolo del problema che riguarda l'acquisto della licenza, da parte della società Usa, da un piccolo bar della piazza e la richiesta di trasferimento nei nuovi spazi: "Un tema da verificare è quello delle dimensioni dei locali, dal momento che spesso in questi trasferimenti si passa da locali molto piccoli, quello di piazza della Rotonda n. 64 è di 34 mq di cui 19 destinati alla somministrazione, a molto più grandi, in questo caso 440 mq di cui 130 destinati alla somministrazione. È evidente che quello che si presenta formalmente come un trasferimento nell'ambito della stessa piazza rappresenta in realtà un radicale mutamento dell'attività esercitata". Ma il punto non è solo questo. "Come avevamo già richiesto durante l'approvazione del Regolamento attualmente in vigore - aggiungono - è necessario stabilire nuove regole contro l'omologazione della città".

https://roma.repubblica.it/cronaca/2019/08/24/news/roma_comignolo_di_mcdonald_s_al_pantheon_blitz_dei_vigili_nel_cantiere-234233316/


news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news