LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Vittorio Sgarbi. «L’autonomia non andava tolta, ma sono sicuro che tornerà»
Edoardo Semmola
Corriere Fiorentino 24/8/2019

Non gli è mai andata giù l’apertura dei concorsi ai direttori stranieri voluta da Franceschini. Ma nemmeno il dietro front sull’autonomia di ora. Vittorio Sgarbi, critico d’arte e protagonista della politica culturale, di critiche, come spesso accade, ne ha per tutti.

Cosa pensa di questo dibattito sull’accorpamento Uffizi-Accademia-San Marco della contro-riforma del ministro Bonisoli?

«È una tempesta in un bicchier d’acqua. Di fatto ricostituisce la geografia dei poli museali che io creai, al tempo del ministro Urbani, nel 2001: quella di cinque-sei grandi realtà museali sotto un’unica soprintendenza separata da quella territoriale. È il modello delle procure: un solo procuratore capo e tanti sostituti. Così sarà per Schmidt, “procuratore capo”, con tanti delegati».

Quindi, si torna indietro.

«Quando c’erano Acidini e Natali agli Uffizi, una sovrintendente e l’altro direttore, non mi pare che le cose andassero male. Anzi. Questa virata di Bonisoli non è qualcosa che nasce dal nulla».

Ieri il «Financial Times» paragonava la burocrazia italiana all’Arabia Saudita riferendosi a Schmidt. E James Bradburne, direttore della Pinacoteca di Brera, parla di «sovietismo».

«Sono gli eroi della fase franceschiniana, hanno avuto quattro anni di autonomia, e ora muovono critiche. Non mi pare che abbiano meriti superiori a quelli che al loro tempo avevano Acidini e Natali».

Quindi lei approva la contro-riforma?

«No, è un errore eliminare l’autonomia: era stata una buona conquista e penso che il prossimo governo ci ripenserà. Soprattutto se sarà leghista: hanno l’autonomia nel dna. Ed è un errore aver fatto la riforma in piena crisi di governo, a Ferragosto. Mentre gli accorpamenti vanno bene».

Schmidt paventa l’ipotesi di lasciare Firenze e andare a Vienna. Proprio per la riforma.

«Appunto, cosa rimane a fare? Lo capisco».

Mentre Cecilie Hollberg è stata direttamente fatta fuori dall’Accademia...

«È una straniera, avrebbe fatto bene a non fidarsi dell’Italia».

È la fine dell’era dei direttori stranieri?

«Ed è l’aspetto più positivo. Se non possiamo avere magistrati o capi della polizia stranieri, perché i direttori dei musei sì? È provincialismo ritenere che gli italiani non avessero abbastanza meriti. Per me Natali non vale meno di Schmiodt. Poi, Schmidt ha dimostrato di essere stato bravo ma poteva fare il consulente».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news